Segnala questo sito - Recommend this site Bookmark and Share



PROPOSTA DI RIQUALIFICAZIONE DEL SISTEMA SCOLASTICO.

Autori: Fondazione Nova Spes, GILDA, PRISMA,
Istituto Italiano Studi Filosofici

[email protected]
[email protected]
www.novaspes.org

Documento rilasciato il 4 marzo 2001

Download Documento


frecima


fresin


fredex



Questo documento , del quale riportiamo alcuni brevi stralci per ragioni di spazio (per il dossier completo - formato .pdf - clicca su "Download Documento" in alto a sinistra), rappresenta il risultato di uno studio di fattibilità circa una possibile strada da percorrere nell'obiettivo di riformare la scuola sulla base di numerosissime domande, storiche, etiche, sociali. Comprendere il mondo contemporaneo non è solo apprendere le ultime novità; formare al lavoro autonomo per una mentalità più flessibile; raccordare ricerca scientifica e mondo operativo per ampliare il panorama dei possibili scenari e contesti sociali, culturali in cui le giovani generazioni si troveranno a dover e a saper operare....(Nota di redazione a cura di Davide Suraci).

N.B.: questo documento esiste anche in versione sintetica (rilasciata dalla medesima Commissione) dal titolo: "Riqualificazione del sistema scolastico (La sintesi)".



Il fenomeno della dispersione può, a nostro avviso, essere combattuto ponendo lo studente di fronte a scelte chiare e precise: sin dall'inizio della secondaria si devono tracciare itinerari distinti per lo studio teorico e per la formazione professionale che deve essere tale da fornire competenze per l'alta tecnologia e per il lavoro autonomo sul quale si basa una larga fetta del nostro sistema produttivo e della nostra economia....
Qui si devono garantire le basi culturali, la flessibilità dell'intelligenza, lo spirito critico, il senso di appartenenza e di responsabilità: tutti elementi formativi tanto della persona quanto del futuro lavoratore * Si rivendicano percorsi distinti tra istruzione teorica e formazione professionale: lo studio teorico è presente in ambedue i settori ma con obiettivi, curvature, modalità e approcci diversi a cui devono corrispondere sistemi distinti ma dotati di pari dignità e di equivalenti possibilità educative e di istruzione....

La funzione della scuola nella proposta del gruppo di lavoro promosso dalla Fondazione Nova Spes 20 * Comprendere il mondo contemporaneo non significa imparare le "ultime novità", perché il nuovo è il risultato di un processo * La complessità delle società contemporanee richiede sapere più che saper fare ...

Istruzione scolastica e formazione professionale 28- Importanza della distinzione tra il canale dell'istruzione scolastica e quello della formazione professionale che deve prendere in considerazione anche la formazione al lavoro autonomo e quindi alla sua dimensione economica in quanto tale - Nessun tipo di formazione può prescindere dall'apprendimento di tipo "speculativo" - Effettuare un semplice passaggio tra i due canali significa confondere i luoghi specifici di conoscenza e di acquisizione della cultura - Importanza dell'istruzione artistica e musicale.

Per realizzare una scuola in sincronia con i tempi Vertecchi suggerisce che un'istituzione di alto profilo scientifico (l'Accademia dei Lincei) rediga ogni due anni delle Indicazioni per le scuole sullo stato e l'evoluzione della cultura e della scienza per "assicurare la continuità tra elaborazione culturale e scientifica e offerta di contenuti attraverso l'istruzione scolastica (…)

(per) interrompere il ritardo cronico che la cultura della scuola (…) ha presentato rispetto al mutare e all'accrescersi dei quadri della conoscenza"....

L'idea guida della proposta del gruppo di lavoro promosso da Nova Spes è che la scuola deve mettere il giovane in grado di comprendere il mondo contemporaneo, senza pretendere di stare al passo con i continui processi di cambiamento che si verificano nell'ambito scientifico-tecnologico, economico-produttivo e culturale in genere....
la prevista riorganizzazione della scuola secondaria - dove tutti gli attuali istituti assumeranno la denominazione di "licei", senza ulteriori aggettivazioni - in 4 aree, ciascuna articolata in indirizzi, modifica radicalmente l'attuale struttura della scuola secondaria italiana, fondata su ordini di scuole (Classico, Scientifico e Magistrale/ Tecnico/ Professionale), configurando una scuola di tipo "comprensivo" assai più vicina ad un modello anglosassone che alla tradizione continentale europea, imperniata sulla compresenza di scuole di tipo ginnasio-liceo, preparatorie agli studi universitari, e scuole di tipo tecnico e professionale più orientate verso la preparazione all'esercizio di un'attività lavorativa.Tale struttura, sebbene in forma in parte modificata e aggiornata (oggi in quasi tutti i paesi europei l'accesso all'Università è possibile anche provenendo dal canale dell'istruzione tecnica), perdura tuttavia nel sistema scolastico di diversi paesi in maniera più o meno marcata: la Germania (e in genere i paesi di lingua tedesca) è quella che più è rimasta legata a questo tipo di organizzazione, poiché, dopo la scuola elementare di quattro anni, gli alunni sono indirizzati o verso il Gymnasium da una parte, o verso la Realschule o la Hauptschule dall'altra parte, attraverso un biennio intermedio di orientamento, che fa parte della scuola secondaria o ha una propria autonoma fisionomia; in ogni caso fino agli 11 anni è assicurata la possibilità di cambiare scuola e solo dopo quest'età la scelta diviene definitiva....

...da un paese europeo all'altro cambiano tuttavia la durata complessiva del percorso degli studi (il Gymnasium tedesco termina ancora a 19 anni), la durata e il termine dell'obbligo (fino ai 18 anni in Germania, fino ai 16 in Francia e in Inghilterra), l'articolazione interna dell'itinerario pre-universitario, il momento in cui avviene la differenziazione dei percorsi di studio e le modalità attraverso cui gli alunni sono indirizzati ad essi (orientamento da parte della scuola, scelta individuale, voti scolastici precedenti, auto orientamento attraverso opzioni e insegnamenti per livello, ecc.)...

.... i due tipi e i due metodi di conoscenza e di acquisizione della cultura, confonderne i "luoghi" specifici, come è avvenuto fino ad oggi e come si legge nei provvedimenti di riforma, effettuare un semplice passaggio dall'uno all'altro vuol dire, in conclusione, fare una cattiva scuola e una pessima formazione professionale e di queste avventurose iniziative i giovani sono i primi a fare le spese ed in seconda istanza la società nel suo insieme ne paga le conseguenze.

 

 

TerritorioScuola Home PageIntegrazione disabili nella scuolaDiritti persone portatrici di handicap




tick TerritorioScuola.com

Copyleft 1999-2017 TerritorioScuola. Some rights reserved. Informazioni d'uso

Creative Commons License
Salvo nei casi in cui sia diversamente specificato, i contenuti di questo sito sono rilasciati sotto Licenza Creative Commons.