Menu
Categories
12:42 – 15/06/10 – Gelmini Dixit…
15 giugno 2010 TS News

Punti di Vista...

Punti di Vista...


Scrive Gelmini su una lettera alla Stampa (28/5): Per la prima volta da molti decenni è stata messa a punto una riforma delle superiori ampiamente condivisa e in linea con le esigenze della cultura e della società dei nostri tempi (…). La scuola e l'università devono tornare ad una visione rigorosa e orgogliosa del loro compito (…) anche se questo significa in molti casi abbandonare consuetudini alle quali in molti si erano attaccati. (…) O si cambia o non si è più in grado di reggere la sfida della modernità.

Esiste in queste poche righe la prova concreta del pericolo e della genialità del processo di comunicazione usato dai nostri governanti. Per analizzare a fondo questa abilissima collazione occorrerebbe un trattato. Qui mi limito a sottolineare alcuni punti.

1) La riforma non è affatto condivisa: delega (senza avere il requisito obbligatorio dell'urgenza) per la primaria, regolamenti che hanno collezionato pareri negativi dagli organi preposti ad emetterli per la superiore; la scuola italiana è stata riformata sottraendola programmaticamente al dibattito (parlamentare e del Paese) ed evitando di ascoltare le infinite critiche.

2) La visione rigorosa ed orgogliosa è un assunto suggestivo e nobile, che però rimane sospeso nel vuoto e nell'irrealtà: dal 2008 ad oggi la scuola è stata sottoposte ad un bersagliamento inedito per potenza e ostinazione di delegittimazione e indebolimento, dai tagli (8 miliardi per la scuola, 140mila posti di lavoro in meno) alle epiche diffuse con irresponsabile leggerezza (il fannullonismo, gli sprechi), strumentali a falcidiare il settore.

3) Le consuetudini: in quella vita da nababbi – ricca di soddisfazioni economiche, professionali e di riconoscimento sociale – che gli insegnanti hanno sinora potuto fare, hanno maturato abitudini insane: quelle garantite dalla nostra Costituzio-ne. Per esempio la libertà di insegnamento; il diritto al lavoro e allo studio per i nostri studenti; l'inclusione della diversabilità, messa nuovamente in forse dalla nuova manovra, nonostante il pronunciamento in febbraio della Corte Costituzionale. Solo alcuni tra i principi messi esplicitamente in discussione da questo governo e, direttamente, da questo ministro.

4) La sfida della modernità: battendo strade esattamente opposte a quelle dei più sviluppati Paesi europei, la modernità da noi significa disinvestimento. è un punto di vista curioso e inedito, che dimostra impreparazione culturale, sociale, economica e uno sguardo rattrappito e orbo sul nostro futuro. Come scuola e come Paese.

Sotto la sua teorica vena riformatrice (nella quale non è peregrino intuire una sottile ironia) si nasconde ancora la gestione di una comunicazione demagogica e ipocrita, che tende ad inverare realtà attraverso l'uso impudico delle parole. A mortificare ulteriormente le nostre intelligenze con proclami e parole in libertà che con la realtà non hanno nulla a che vedere; e che affondano nella convinzione che lo stato di torpore in cui il Paese versa garantirà ancora una volta l'impunità.

Fonte: Il Fatto Quotidiano

Lascia un commento
*