Attendere...caricamento in corso

TS EnGiNeS


Run Search Request

TS NaWiGaToR


ViDeO..



Courtesy TerritorioScuola - Daniel Nocera - La foglia artificiale


Courtesy TerritorioScuola - Fusione Fredda: Intervista a McKubre -- sub ita -- parte 1 e 2


Courtesy TerritorioScuola
Emilio del Giudice Storia delle reazioni nucleari nella materia condensata
(Clicca qui per vedere tutto il Convegno "Eppur si Fonde" - Milano, 20/11/2009)

Courtesy TerritorioScuola


Commenti Correnti!


I Commenti dei Navigatori di TerritorioScuola InterAzioni. Considerazioni, sfoghi, invettive contro i pionieri del collasso mondiale.
Commenti CorrentiCommenti CorrentiCommenti Correnti

NormaScuola SupeR SearcH!

Prova il Nuovo Motore di Ricerca della Normativa Scolastica e Correlata!

18:11 - 21/01/11 - Fusione Fredda Italiana: L'Omertà Mediatica Made in Italy.

Ing. Rossi e Prof. Focardi

Ing. Rossi e Prof. Focardi

Tutti gli articoli e la bibliografia sulla Fusione Fredda.

Vedi anche: 00:23 – 27/01/11 – Aggiornamenti sull’Esperimento Focardi-Rossi..
Una possibile via alla fusione fredda Made in Italy dimostrata, con uno storico esperimento, dal cattedratico, Prof. Focardi della Facoltà Alma Mater di Bologna e dall'Ing. Rossi. Per assistere alla conferenza stampa e alla presentazione dell'esperimento, cliccare sull'immagine a lato.

Un avvenimento completamente ignorato dai media ufficiali italiani (se si eccettua il Resto del Carlino di Bologna) a sette giorni dall'accaduto.
Tutto questo mentre si viene a sapere che un gruppo industriale europeo ha già acquistato i diritti per la produzione su scala industriale dei pico-reattori e mentre viene anticipata la notizia che, entro pochi mesi, verrà realizzato in primo reattore da 1MW.

Qui sotto, dal 'Blog 22 Passi', è trascritta la storica cronaca della giornata del test (14 Gennaio 2011) del reattore Rossi-Focardi.

La lettura cronologica degli eventi ha inizio dalle ore (cliccare sull'ora a fianco indicata, quindi iniziare a leggere dal fondo dell'articolo tutta la sequenza) 15.30 .

Per saperne di più accedi al sito ufficiale dell'esperimento.

'19.15 – Well, con Giuseppe Levi vado a mangiare una pizza, magari farò un post a parte con una intervista a lui. Gli chiederò inoltre di rileggere, appena può, questa telecronaca, così da correggere tutte le imprecisioni tecnico-scientifiche che mi saranno scappate. Ringrazio tutti coloro che si sono collegati (in questo momento registro 33 persone on line e 1127 visite a tutt'oggi) e concludo qui la diretta sperando di avere, parzialmente, soddisfatto la vostra curiosità. Da Bologna, il vostro inviato specialissimo una tantum vi saluta.
P.S. @Mara, Luciana, Marco: ho letto le vostre domande, vi rispondo con calma più tardi, ora vado a cena.
 
18.46 – Aggiungo che ero talmente emozionato e preso dalla scrittura che mi sono completamente dimenticato di girare qualche video con la telecamera dell'iPhone. Ho comunque tante belle foto da inserire domani.
 
18.45 – Intanto ci tengo a sottolineare che alla dimostrazione di oggi l'informazione era rappresentata da RAI 3La Repubblica, Il Sole 24 ore, Il GiornaleRadio Città del Capo (di Bologna) e Ventidue passi d'amore e dintorni (circuito Net1News).
P.S. Sorry, avevo dimenticato che era presente anche un giornalista del New York Times.
 
18.20 – Prima di me una giornalista ha chiesto se sarebbe disposto a mettere l'apparecchio a disposizione di un laboratorio indipendente per una sua completa disanima. La risposta è negativa. Rossi spiega di operare per conto di un'azienda (che produrrà presto in serie il reattore) che ha fatto ingenti investimenti per arrivare al risultato mostrato oggi. Pertanto la 'black box' non verrà aperta, perché equivarrebbe regalare un segreto industriale. Anche all'Università di Bologna è stato consentito di osservare cosa fa questa macchina, ma non di vedere come è costruita.
N.B. Gli investitori non sono Italiani.
Rossi spiega che l'apparecchiatura che abbiamo visto oggi ha un costo di circa 2000€ per ogni KW, un KW prodotto da una centrale elettrica a petrolio costa 10 volte tanto, il costo di un KW prodotto da una centrale nucleare, considerato il problema delle scorie, non è neppure calcolabile!
Domando a Rossi, fermo restando che chi ha investito ha diritto a far fruttare il proprio investimento, se se la sente in coscienza di garantire che non ci sarà una speculazione, se cioè i prezzi di queste apparecchiature si manterranno così bassi o se verranno fatti lievitare. Risponde che i prezzi si manterranno bassi.
Domando se le prime applicazioni saranno a carattere industriale, come si dice, e quando potranno diffondersi a livello di comuni abitazioni. Rossi conferma che per motivi di sicurezza (si tratta comunque di un apparato che ha bisogno di personale qualificato che ne controlli il funzionamento) in un primo momento le applicazioni saranno solo nell'industria, ma è previsto, mano a mano che la tecnologia evolverà, la diffusione anche per le esigenze dei comuni cittadini.
Se riesco, scambio due parole anche col Prof. Levi e vi riferisco. Dopodiché chiuderei la diretta e tornerei a casa.
 
18.19 – Ho appena fatto una piccola intervista all'Ing. Rossi, adesso ve ne riporto il contenuto.
 
18.09 – La conferenza stampa è conclusa, Rossi ringrazia i presenti. Applauso!
 
18.07 – Qualcun altro domanda se è il nichel stesso ad aumentare di temperatura. Rossi spiega che nel reattore viene immessa una polvere di nichel e che, a fronte di temperature immesse molto più basse, si rinvengono granuli di nichel fuso (che fonde sui 1500°C).
 
18.05 – Qualcuno domanda se oltre al nichel possono essere utilizzati altre metalli. Sì – risponde Rossi – ma chiaramente il nichel è vantaggioso perché poco costoso.
 
17.55 – Altra domanda di Ferrari: si sono registrate variazioni particolari della struttura del nichel? Sì- risponde Rossi – avvengono variazioni isotopiche, sono state osservate confrontando un campione 'vergine' di nichel con un altro che aveva 'lavorato' 6 mesi dentro il macchinario. Precisa Ferrari che chiedeva se ci sono state modificazioni dal punto di vista strutturale, della struttura cristallina. La risposta è sì. Spiega lo stesso Focardi che il microscopio elettronico ha rilevate numerose modifiche. Dunque probabilmente – spiega Ferrari – l'energia potrebbe derivare non tanto dal materiale quanto dall'energia potenziale della stessa struttura cristallina.
 
17.50 – Interviene il Prof. Ferrari del Dipartimento di Fisica dell'Università di Bologna. è evidente – dice – che l'apparecchio consuma 'qualcosa', qualcosa che si trasforma, trasmuta e alla fine si esaurisce. La domanda è, al di là di cosa sia questo 'qualcosa', quanto può stare accesa la macchina fino  io tengo la macchina acces La macchina consuma picogrammi (millesimi di miliardesimo di grammo) di Nichel e Idrogeno per produrre KiloWatt. Per tanto in questo tipo di tecnologia il problema del consumo di materiale non c'è: con un grammo di Nichel possiamo ottenere 1000 miliardi di KW.
 
17.45 – Ha preso la parola il Prof Christos Stremmenos per esporre una sua ipotesi di funzionamento dell'apparecchiatura Rossi-Focardi… ahimè, non riesco a seguirlo. Conclude però dicendo che prima è stata costruita la macchina a vapore è poi è stata messa a punto la teoria che ne spiegava il funzionamento termodinamico
 
17.40 – Il Prof. Levi del Dipartimento di Fisica ha ribadito – rispondendo a una domanda – che lui non sa come sia costruito il reattore, si è limitato a misurare quanto produce.
 
17.38 – Celani sottolinea che è stato registrato un leggero aumento (50%) della radiazione gamma, però fluttuante non costante… ciò è positivo perché esclude la possibilità di un imbroglio (sorgenti di energia nascoste ad arte nell'apparecchio!).  Dice interessante che ci sia stato un piccolo flash di raggi gamma sia all'accensione che allo spegnimento dell'apparecchio.
 
17.37 – Prende la parola il Prof. Celani dell'INFN di Frascati.
 
17.36 – Il Prof. Levi annuncia che non c'è stato consumo 'misurabile' di idrogeno, conferma anche che non è stata registrata alcuna radiazione a parte quella ambientale di fondo.
 
17.34 – Rossi dichiara che in sala sono presenti i rappresentanti di un gruppo industriale europeo che produrrà su larga scala l'apparecchio, sulla base del brevetto detenuto da Rossi e Focardi. Il reattore può essere messo in serie per alzare la temperatura prodotta, e in parallelo per aumentare la quantità di calore a parità di temperatura (come fossero batterie elettriche!).
 
17.32 – Qualcuno domanda come possiamo chiamare questa apparecchiatura. Catalizzatore di energia – risponde Rossi – piuttosto che reattore, un termine troppo generico. Rossi ribadisce che a livello teorico possiamo solo ipotizzare cosa avvenga nel macchinario, ma c'è ancora molto da studiare… pertanto il rendimento (al momento un fattore 15) possono senz'altro salire: siamo alla Ford T, dobbiamo arrivare alla Formula 1!
 
17.27 – Rossi spiega che sono stati prodotti dal reattore circa 10-12KW, l'energia media in ingresso è stata 600-700W (è stata misurata anche la secchezza del vapore). L'esperimento è stato eseguito da i detentori del brevetto e da professori dell'Università di Bologna estranei al progetto
 
17.25 – L'Ing. Rossi dà subito la parola hai giornalisti. Questa sarà la parte più divulgativa della conferenza.
 
17.23
 
17.20 – Sto ascoltando i commenti di altri ricercatori intervenuti, danno per scontata la buona fede di Rossi e Focardi. Ma resta il fatto che ci troviamo di fronte a una 'scatola nera' e non sappiamo cosa ci sia dentro.
 
17.15 – Il videoproiettore continua a mostrare la schermata PC con le misurazioni aggiornate in tempo reale (ogni 2 secondi) di temperatura ambiente (C1), temperatura acqua in ingresso (C2), temperatura vapore in uscita (C3). La curva della temperatura (C3) mostra che in circa 30 minuti (dalle 16.30 alle 17.00) è arrivata a 101°C. Alle 17.15:00 ad esempio abbiamo C1=23,10°C; C2=13,40°C; C3=101,30°C.
 
17.00 – Il setting sperimentale in pratica è quello che vado a descrivervi. Una pompa fa passare l'acqua nel reattore dove viene scaldata dal calore generato dalla reazione di fusione fredda Ni-H. Viene misurata la temperatura dell'acqua in ingresso e in uscita (ora come ho detto è stabile sui 101°C). L'innesco del reattore avviene tramite resistenze, l'assorbimento dell'apparecchiatura al momento è 1269W, ancora non ci hanno fornito i dati della potenza in uscita. Rossi ha spiegato che l'apparecchiatura in funzione può produrre sui 6 o 7KW o comunque – ha aggiunto – fino a 10KW. Non parliamo naturalmente di potenza elettrica ma termica.
 
16.55 – In questo momento la temperatura dell'acqua (vapore) in uscita dal reattore è arrivata a 101,3°C e si mantiene costante.
 
16.45 – Sono entrato nella stanza! L'ing. Rossi e il Prof. Levi stanno spiegano l'esperimento a gruppi di 6 persone per volta. Ho fatto parecchie foto che inserirò domani.
 
16.40 – Sono riuscito a dare un'occhiata all'interno della stanza, la porta adesso è aperta. L'apparecchiatura è quella della foto che ho inserito un paio di giorni fa sul blog. In attesa che vengano date spiegazioni, approfitto per sottolineare una precisazione fatta dal Prof. Levi prima nel corso della sua presentazione. I ricercatori dell'Università sono entrati in gioco per verificare che l'apparecchiatura funzioni, produca cioè effettivamente quantità interessanti di energia tramite fusione fredda e non altro. E naturalmente che non si tratti di una bufala! Ancora non c'è una vera e propria teoria fisica in grado di spiegare punto per punto il fenomeno della fusione fredda. E soprattutto, il reattore è coperto da brevetto industriale: non è riproducibile da chiunque sulla base della generica conoscenza del principio della fusone fredda.
 
16.30 – Il cameramen della RAI sta effettuando riprese del reattore in funzione all'interno della stanza. C'è moltissima eccitazione tra i presenti. Immagino che tra poco torneranno fuori a parlare Focardi, Rossi e Levi.
 
16.25 – Il reattore è in funzione e sta producendo calore! Ora i dati dell'esperimento vengono mostrati in tempo reale da un videoproiettore (la temperatura dell'acqua in uscita comincia a salire).
 
15.55 – Il Prof. Levi ha finito di parlare ed è tornato presso il reattore. Mi dispiace di non potere inserire ora delle foto adesso, lo farò una volta tornato a casa. Sono presenti adesso in tutto una cinquantina di persone. Vi spiego la situazione. Siamo all'interno di una grande sala quadrata (sui 400-500 mq) ricavata all'interno di un capannone industriale, in un angolo è collocata una stanza di circa 30 mq dove si trova l'apparecchiatura. Quello che avviene in tale stanza è mostrato in tempo diretto nella sala su uno schermo Tv di una trentina di pollici.
 
15.50 – Inoltre – continua Levi – sono stati portati dal Dipartimento di Fisica – INFN di Bologna due scintillatori allo ioduro di sodio per misurare le radiazioni in uscita.
 
15.45 – Prende la parola Rossi, anticipa che tra poco verrà acceso il reattore. Passa la parola al Prof. Giuseppe Levi del Dipartimento di Fisica di Bologna. Spiega il tipo di misure che verranno fatte: 1) stima dell'energia prodotta sulla base della misura di quanta acqua viene vaporizzata al secondo; 2) per capire la fonte del processo di produzione di energia si controllerà che non venga bruciato idrogeno (misurandone la massa a inizio e fine dell'esperimento).
 
15.35 – Prende la parola Focardi, spiega che colleghi del Dipartimento di Fisica stanno provvedendo alla taratura degli strumenti di misura. Tra circa 10 minuti l'esperimento dovrebbe iniziare.
 
15.30– Focardi è a due passi da me, chiacchiera con un collega dell'INFN.'.

Lascia un Commento

 

 

 

Puoi usare questi tags HTML

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>