Attendere...caricamento in corso

TS EnGiNeS


Run Search Request

TS NaWiGaToR


ViDeO..



Courtesy TerritorioScuola - Daniel Nocera - La foglia artificiale


Courtesy TerritorioScuola - Fusione Fredda: Intervista a McKubre -- sub ita -- parte 1 e 2


Courtesy TerritorioScuola
Emilio del Giudice Storia delle reazioni nucleari nella materia condensata
(Clicca qui per vedere tutto il Convegno "Eppur si Fonde" - Milano, 20/11/2009)

Courtesy TerritorioScuola


Commenti Correnti!


I Commenti dei Navigatori di TerritorioScuola InterAzioni. Considerazioni, sfoghi, invettive contro i pionieri del collasso mondiale.
Commenti CorrentiCommenti CorrentiCommenti Correnti

NormaScuola SupeR SearcH!

Prova il Nuovo Motore di Ricerca della Normativa Scolastica e Correlata!

00:45 - 09/10/11 - Il nuovo test dell'E-cat del 6 Ottobre 2011.

Tutti gli articoli e la bibliografia sulla Fusione Fredda.

Pubblicato su Ny Teknik in inglese (qui) e svedese (qui)

traduzione in italiano di Alex Passi autorizzata e in esclusiva per 22 passi d'amore e dintorni

In un nuovo test svoltosi a Bologna giovedì, l'”E-cat” ideato da Andrea Rossi ha funzionato per più di tre ore in modalità auto-sostentamento perfettamente stabile. Ny Teknik ha partecipato alla prova.
Diversi fisici e ingegneri di vari paesi — Italia, Svezia, USA e Cina — hanno assistito su invito al test di Giovedì assieme ai corrispondenti di un paio di testate dei media italiani e a Ny Teknik.

Tra i ricercatori invitati segnaliamo il chimico Roland Pettersson, già prof. associato presso l'Università di Uppsala e collega del prof. Sven Kullander. Kullander ha pubblicato il report sull'E-cat nel corso del corrente anno; Pettersson ha svolto ricerche sulle LENR [Low Energy Nuclear Reactions] assieme al prof. Hidetsugu Ikegami dell'Università di Osaka in Giappone.

“Sono convinto che funzioni, ma c'è ancora spazio per ulteriori misure”, ha dichiarato Pettersson a Ny Teknik dopo il test.

L'elemento di novità del test consiste nel fatto che è stato possibile aggirare il controverso calcolo dell'energia in base alla vaporizzazione immettendo il vapore dal catalizzatore di energia in uno scambiatore di calore, dove veniva riscaldato un flusso d'acqua.

Nonostante una precisione non perfettamente ottimale nelle misure, ottenute con una metodologia che avrebbe potuto essere più avanzata, i risultati sono apparsi chiari, soprattutto perché l'E-cat ha funzionato per più di tre ore in modalità auto-sostentamento.

Inoltre, a test ultimato, è stata aperto l'involucro del reattore, e i convenuti hanno potuto osservarne il contenuto. Si tratta in sostanza di uno scambiatore di calore con flange metalliche; al suo interno, secondo Rossi, è situato un reattore schermato di forma piatta con tre camere di reazione, di cui una sola è stata messa in funzione nel corso della prova.

Come nei testi precedenti, l'avvio è stato ottenuto scaldando l'E-cat con una resistenza elettrica, questa volta per un periodo di circa quattro ore, in modo di raggiungere, a detta di Rossi, una stabilità sufficiente.

Successivamente, è stata tolta l'alimentazione alla resistenza, e il reattore ha funzionato in modalità autosostentamento per circa tre ore ore e mezza, senza che si riscontrasse alcun calo nella resa (vedi rapporto dettagliato).

La stima per difetto dell'output di potenza durante il funzionamento in autosostentamento è compresa, secondo Ny Teknik, fra i 2 e i 3 kW.

Il test di giovedì è stata eseguito nella stessa sede delle prove precedenti, dove è ancora situato il container che ospita la centrale termica da 1 MW di cui, le cui immagini sono state rese disponbili qualche settimana fa da Ny Teknik. Secondo Rossi, l'impianto avrebbe dovuto essere consegnato a un cliente statunitense pochi giorni dopo la nostra visita.

“Avevamo un accordo preliminare con una controparte importante negli USA, ma quando abbiamo ricevuto la stesura finale, c'erano della clausole che i nostri avvocati ci hanno sconsigliato di accettare”, ha dichiarato Rossi a Ny Teknik.

In seguito a ciò, la consegna dell'impianto è stata sospesa. Tuttavia, secondo Rossi l'inaugurazione avrà comunque luogo in ottobre, come promesso, anche se non si può ancora rivelare dove.

Rossi afferma che al momento attuale non si prevedono altri test.

“Fra qualche mese il prodotto sarà sul mercato, e il test migliore lo faranno i clienti: se non funziona, lo restituiranno”, ha detto Rossi a Ny Teknik.

Al test di giovedì erano presente gli scienziati dell'Università di Bologna che, su incarico di Rossi, eseguiranno ricerche sull'E-cat; non si è trattata di una partecipazione ufficiale dell'Università, perché il progetto di ricerca non è stato ancora varato.

Tutti gli articoli e la bibliografia sulla Fusione Fredda.

2 comments to 00:45 – 09/10/11 – Il nuovo test dell'E-cat del 6 Ottobre 2011.

  • weachilluminati

    la natura ci ha detto : sono generosa se mi rispetti con intelligenza ti do l’Eldorado , energia infinita gratis per tutti. Parole veramente rivoluzionarie che nessuno oramai potrà smentire!

  • Che l’energia esista nella materia è un fatto scontato. Che si possa estrarre da essa anche.

    Che ci siano dei fenomeni ancora sconosciuti che devono ancora essere spiegati è un dato di fatto.

    Ciò che potete leggere in queste pagine sono solo dei riferimenti ad eventi già documentati dal mondo accademico più o meno ufficiale e non intendono in nessun modo supportare una particolare verità.

    Sicuramente dovremmo seguire con attenzione l’esito della vicenda fino al momento (se e come) in cui questa tecnologia diventerà veramente accessibile a tutti.

    Invito a riflettere i sostenitori più accesi che se tale tecnologia fosse veramente la scoperta del secolo essa dovrebbe fare i conti con l’imbecillità e l’avidità degli umani-speculatori…Perché?

    Se l’invenzione di Rossi (che usa il nichel e l’idrogeno) avesse in futuro un mercato, i suoi realizzatori dovrebbero avere ancora a che fare con i finanzieri d’assalto che speculerebbero sul prezzo del nichel al rialzo: esattamente come hanno fatto con il petrolio e tutte le altre risorse di energia…

Lascia un Commento

 

 

 

Puoi usare questi tags HTML

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>