Segnala questo sito - Recommend this site Bookmark and Share

Download Documento


frecima.gif


Nuova Area Saperi Fondamentali by Davide Suracifresin.gif


Reggio Approach by Davide Suracifredex.gif


Progetti di Comunicazione su Internet

Articolo originale in lingua inglese: "People-to-People Projects on the Internet"Febbraio 1994
di Judi Harris (Traduzione italiana e adattamento di Davide Suraci)



Translated and reprinted on
TerritorioScuola - INFORMAZIONE, Didattica, Reti, Ricerchewith permission from _The Computing Teacher_ (now _Learning & Leading with Technology_), vol. 21 no. 5, copyright (c) 1994, ISTE (International Society for Technology in Education), 800.336.5191 (U.S. & Canada) or 541.302.3777 (International), [email protected], www.iste.org. All rights reserved.

Tradotto e ristampato su TerritorioScuola - INFORMAZIONE, Didattica, Reti, Ricerche con l'autorizzazione della rivista"_The Computing Teacher_" (now _Learning & Leading with Technology_), vol. 21 no. 5, copyright (c) 1994, ISTE (International Society for Technology in Education), 800.336.5191 (U.S. & Canada) or 541.302.3777 (International), [email protected], www.iste.org.



Autorizzazione alla traduzione in lingua italiana, adattamento e pubblicazione concessi alla redazione di TerritorioScuola.com dall'autrice Judi Harris [email protected] - Department of Curriculum & Instruction University of Texas at Austin. - Director, Electronic Emissary Project - http://www.tapr.org/emissary/, e da Jennifer Roland [email protected] - Managing Editor, L&L/JRCE/Permissions ISTE - , della International Society for Technology in Education



(Nota personale di Davide Suraci) Il presente contributo di Judi Harris fa seguito al primo articolo "Organizzare la Telecollaborazione" comparso sulle pagine di "Nuova Area Saperi Fondamentali" nei primi mesi dell'anno 2000. Come il precedente, è il risultato di una estesa sperimentazione condotta dalle istituzioni educative U.S.A. con l'obiettivo preminente di dimostrare che i "nuovi" media possono essere impiegati proficuamente nella formazione e nell'educazione, nella misura in cui tutti i soggetti dell'apprendimento riescono a condividere le risorse dell'informazione e ad utilizzarle per finalità di crescita e di confronto. In tal senso condivido ampiamente un uso della rete per la condivisione, lo scambio, la critica e l'impiego corretto dell'informazione, anche perché le nuove generazioni dovranno apprendere a vagliare e a verificare le fonti prima di utilizzarle/riutilizzarle (cfr."Ipertestualità Aperta - CritLink Mediator per la Collaborazione in Rete"
di Davide Suraci | Seminario-Laboratorio, Macerata, 19 marzo 1999 ).



Introduzione

L'impiego delle nuove tecnologie assomiglia molto alle modalità più familiari di utilizzare i vecchi mezzi tradizionali.Conoscete qualcuno che, prima di imparare a usare un word processor, per esempio, insistette nello scrivere i propri contenuti su dei fogli di carta prima di trascriverli a macchina ?Voi probabilmente stavate usando un word-processor, mentre gli utilizzatori del metodo tradizionale avrebbero impiegato una macchina per scrivere soltanto per creare una copia finale del proprio documento.

Forse dopo, essi avranno appreso a progettare, comporre, editare e a dare una forma ai propri documenti, impiegando solo strumenti basati sul computer. Molte applicazioni a carattere educativo in cui siano coinvolti gli strumenti basati sul computer assomigliano molto agli usi istruttivi dei media non elettronici. Altri non fanno così. Una delle più diffuse attività di posta elettronica, ad esempio, coinvolge studenti di differenti città, stati o regioni per scambiarsi le classiche lettere reciproche di amicizia, molti nello stesso modo con cui i bambini si scambiano i messaggi scritti con carta e penna e spediti con la posta tradizionale. Come insegnanti stiamo scoprendo il susseguirsi di una grande varietà di strumenti per la telecollaborazione, oltre alla posta elettronica, ma osserviamo che le attività istruttive che sono state create non si conformano ai modelli familiari dei media tradizionali. Nei prossimi tre mesi, "Mining the Internet" (n.b..:in questo, come nei successivi paragrafi, i riferimenti temporali non sono quelli cui si riferisce la presente traduzione) presenterà esempi di tre differenti tipi di classi che impiegano attività educative basate sull'impiego del computer:

scambi interpersonali (questo mese);
raccolta delle informazioni (in Marzo);
problem-solving collaborativo (in Aprile).

Ciascuna classe generale di attività educative basate sul computer include 5 o 6 differenti strutture di attività e ciascuna di esse sarà presentata con almeno un esempio di attività che sarà stato testato a livello di classe e condiviso dagli insegnanti via Internet. Le applicazioni che saranno presentate per prime risulteranno quelle che fanno uso dei media non-elettronici. Successivamente, esamineremo le peculiarità dei media elettronici. Si prevede di articolare la pianificazione secondo il modello delle strutture di attività, piuttosto che una semplice mescolanza di lezioni pianificate. All'insegnante verrà conferito l'incarico di progettare una serie di esperienze educative basate sull'utilizzo della telecollaborazione che siano basate sui curricoli, ma che tengano conto delle esigenze specifiche di apprendimento degli allievi.Tale idea (e una precedente versione di di queste forme di strutture di attività) fu presentata nel Maggio 1993 dalle colonne di "Mining the Internet" . I modelli di attività che seguono sono l'evoluzione del contenuto di quell'articolo.



Amicizie di Penna (Keypals)

I tipi più popolari di attività di istruzione basati sull'impiego del computer fra soggetti distanti sono quelle nelle quali individui " parlano " elettronicamente con gli altri individui; individui " parlano " con gruppi; gruppi " parlano " con gli altri gruppi. Poiché tutti gli insegnanti provvisti di accesso a Internet possono usare la posta elettronica, molti di questi tipi di progetto la impiegano (qualche volta la discussione che avviene fra i componenti di una mailing-list "raggruppa") come il contesto comune per lo scambio delle informazioni. Gli altri insegnanti e studenti usano i "newsgroups" e le "bbs" per i progetti quali quelli indicati più sotto. I progetti di "Keypal" probabilmente sono la struttura di attività di telecomputing più comunemente-usata.

Mentre gli scambi da studente-a-studente coinvolgono un ulteriore lavoro di controllo che ciascun insegnante vi dovrebbe dedicare, gli scambi "gruppo-a-gruppo" (definiti "classi globali" o "global classroom" e presentati nella prossima sezione), specialmente quelli caratterizzati da una particolare enfasi nello studio, possono evolvere in affascinanti esplorazioni culturali , risparmiando così all'insegnante il noioso lavoro di dover trasferire e processare dei messaggi ad account multiplo spediti a un singolo account. Queste forme di partecipazione in "chiave amichevole", combinano spesso l'impiego di media nuovi e di media tradizionali.

Esempio - Di seguito, per esempio, è riportato un annuncio ben strutturato per la partecipazione che è stato postato da insegnanti e studenti di un'area suburbana della Pennsylvania:

Soggetto: Cercasi Classe-partecipante per attività di lettura, Pennsylvania.

"Analogamente a un progetto che abbiamo avviato da un anno con una locale scuola del sesto grado, la Twin Valley Middle School, Elverson, Pennsylvania, USA, ci piacerebbe scambiare informazioni culturali con educatori e le loro classi in Europa (o altri paesi stranieri) a mezzo lettere, e posta elettronica per l'anno scolastico 1992-93. Questo progetto, coordinato dagli insegnanti del sesto grado Nancy Newpher e Felice Marrongelle, coinvolgerà tutte le discipline oggetto di studio da parte degli studenti del sesto grado."


Il fatto di poter favorire gli scambi di articoli culturali e di consigli sollecitò , nel team degli studenti del sesto grado, una forte spinta motivazionale.I curricola degli studi sociali delle classi del sesto grado includono gli studi delle altre culture. Noi speriamo che tali scambi aiutino i nostri studenti a diventare più abili nel comunicare con le persone di altre culture. Tra i prossimi obiettivi di tale progetto vi è quello di coinvolgere un centinaio di studenti del sesto grado, includente anche soggetti con necessità speciali.

Di seguito, una descrizione delle richieste fatte dalla classe proponente:

1. Gli studenti della "Twin Valley Middle School" hanno un'età compresa fra gli 11 e i 13 anni e desiderano corrispondere con singoli coetanei, piccoli gruppi di studenti oppure con un'intera classe di studenti di età compresa fra gli 11 e i 15 anni.Una risposta affermativa dovrà essere ricevuta non oltre il 15 ottobre 1992.

2. Dal 31 ottobre uno scambio di corrispondenza attraverso internet dovrà aver avuto inizio e dovrà continuare per tutto l'anno scolastico 1992/1993. Questa corrispondenza dovrà attivare gli studenti a condividere le seguenti informazioni:

a. biografiche/famiglia, hobby, sports, e altri interessi;

b. geografiche e storiche circa la loro regione/stato/…;

c. informazioni politiche sulla loro regione/stato/…;

d. usi e costumi/abitudini gastronomiche, sociale, vestire, feste, ecc.; e. informazioni religiose sul loro regione/stato;

f. informazioni sui sistemi di istruzione adottati nella loro regione/stato;

g. letteratura;

h. problemi ambientali che concernono la loro regione/stato;

i. altro. . .

3. Un altro obiettivo da conseguire è far sì che gli studenti della "Twin Valley(*)" preparino un contenitore entro cui raccogliere lavori degli studenti, articoli culturali, fotografie, videotapes ed altri articoli caratteristici della nostra regione.

(*) La Twin Valley è localizzata 45 miglia a nord-est di Philadelphia, Pennsylvania, Stati Uniti. Molti anni fa la comunità era caratterizzata da molte aree agricole e dalla predominanza delle usanze Amish e Mennoniti. Attualmente, l'industria e la costruzione di case individuali hanno predisposto le basi per un cambiamento nella socialità, della cultura e ricchezza dell'area.

Il contenitore culturale deve essere pronto entro il 30 marzo. Gli studenti della "Twin Valley" apprezzerebbero ricevere articoli con contenuti simili da studenti coinvolti nel progetto, ma ciò non è obbligatorio. Alcuni dei progetti del tipo "KeyPal" chiedono agli studenti di utilizzare solamente media elettronici, ma esso è strutturato per includere anche forme più tradizionali di comunicazione.



Amicizie di Penna e lettera di introduzione

Nella richiesta di partecipazione seguente, postata da un insegnante in Virginia, per esempio, viene presentata un'attività per utenti di posta elettronica che include la creazione di una " lettera di introduzione ".

| Presentazione | il moderatore - Anne Pemberton
| Università 01:CLK005 | | Internet [email protected] |
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Soggetto: Un eccellente progetto per utenti novizi.

Gli studenti sono appaiati e ciascuno studente dovrebbe scrivere una lettera formale di introduzione all'altro, e spedirla a [email protected] .

Noi raccomandiamo che tale lettera dovrebbe essere di circa 30 righe, e che dovrebbe seguire questo modello:

- Paragrafo uno: una breve descrizione di X

- Paragrafo due: interessi/opinioni di X

- Paragrafo tre:una storia divertente su X (divertimento gentile forse?)

- Paragrafo quattro:i punti di forza/talenti di X.

Molti progetti del tipo "keypal" enfatizzano l'importanza del fatto che gli studenti imparino cose nuove sulle culture degli altri attraverso un contatto diretto (benché asincrono) con gli altri studenti. In questo progetto, scritto da due insegnanti nello Stato dell' Ohio , gli studenti usano referenze multiple e abilità pensanti di alto livello per indagare e chiarire reciprocamente delle informazioni sulle rispettive vite quotidiane.
------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------


Il Progetto-Geografia di REYNOLDSBURG.

Il Progetto di Geografia è disegnato per collegare studenti da paesi diversi insieme allo scopo di studiare le culture straniere così come le tecniche di ricerca. Gli obiettivi principali del progetto :

A) abilità degli studenti nella ricerca scientifica , nel raccogliere informazioni a carattere sociale nell'interpretazione delle mappe;

B) abilità degli studenti nel comunicare con altri di paesi stranieri;

C) aiutare gli studenti a sviluppare la comprensione delle differenze tra fatto scientifico, presunzione ed errori basati sulla disinformazione derivanti da stereotipi e pregiudizio.

Il progetto collegherà studenti singoli, o i piccoli gruppi di studenti, mediante la posta elettronica. Dopo avere scambiato poche lettere, gli studenti saranno istruiti poi per apprendere il più possibile sul paese dell'altro studente attraverso la ricerca. Loro possono utilizzare mappe, libri, periodici e computers che consentano di trovare i dati che cercano. Un esempio di risorsa che abbiamo a disposizione e il "World Book of Facts", elaborato dalla A.C.I.A. E' possibile rintracciare dati sul clima, la popolazione, principali attività economiche e principali infiuenze economiche in molte città e paesi. Il "Book" è disponibile sul nostro sistema informativo locale.Gli studenti potranno così conoscere quanto più possibile circa l'altro paese.

Dopo che la ricerca è stata completata, ciascuno studente deve scrivere " Un giorno nella vita dell'altro studente ". Il documento dovrebbe includere ciò che ciascuno studente pensa che nella vita dell'altro studente sia piacevole. Cosa gli piace di più a scuola? Cosa, gli studenti, fanno per divertimento? Che genere di lavori/responsabilità hanno loro fuori dalla scuola ? Quello che loro piace di più della vita in famiglia? Quali sono le aspettative della maggior parte degli studenti circa il loro futuro ?

Queste domande dovrebbero rivelare il grado di abilità di indagine dello studente che sta svolgendo la ricerca.Quindi se John Smith, di Reynoldsburg, ad esempio, sta lavorando con un studente in Giappone, proverà a immaginare il suo ritmo di vita, le abitudini, le consuetudini del ragazzo nel suo vivere quotidiano. Quindi scriverà un documento dal titolo:" Un giorno nella vita di ______ ". Lo studente in Giappone farà la stessa cosa per comprendere lo stile di vita dello studente statunitense.

Quando i documenti sono stati completati ,avverrà il loro reciproco scambio.Quando ciascuno studente riceve la descrizione fatta dall'altro sul come immagina la sua vita, esso la sottoporrà a critica. Evidentemente, loro scopriranno degli errori. John Smith non può capire come lo stile di vita giapponese si è modernizzato, mentre lo studente giapponese può fare delle false assunzioni circa le cose che i ragazzi statunitensi fanno durante il loro tempo libero.

Nella fase di critica, ciascuno studente dovrebbe evidenziare quali osservazioni sono corrette e quali no. Poi ciascuno di loro descriva come effettivamente si articola il proprio vivere quotidiano.

In tal modo, gli studenti useranno gli strumenti della ricerca per imparare e comprendere molte cose sugli stili di vita delle vere persone nelle altre culture, ed avranno l'opportunità di separare il "si dice"(lo stereotipo del pregiudizio) dai fatti veritieri dell'attuale comportamento sociale.



Classi globali

In questa variazione sulla struttura di attività" gruppo-a-gruppo keypals " , due o più classi (localizzate dovunque nel mondo, ovviamente) possono studiare insieme un tema comune e condividere quello che loro stanno imparando su quell'argomento durante un intervallo temporale preventivamente specificato.

Per esempio, gli studenti di Strongsville, Ohio, invitarono dei loro coetanei da altre parti del mondo a condividere il loro studio sui problemi ambientali in occasione della commemorazione Giornata Mondiale della Terra con questo invito di partecipazione:

"Associare gli studenti delle scuole superiori di altri Paesi a condividere la commemorazione della Giornata Mondiale della Terra" (anno 1993).

Leggendo e rispondendo al Poema Inaugurale della Giornata Mondiale della Terra ispirato da Robert Frost e Maya Angelou .Gli studenti del liceo di Strongsville, Ohio, Stati Uniti, compileranno e pubblicheranno le tue scritture, i tuoi sogni e le tue riflessioni su di una visione collettiva per un mondo pulito, più salutare e per una vita migliore sul pianeta Terra. Ecco, di seguito, le idee che si sono volute (o potute considerare):

- Condividi i sentimenti di entrambi i poeti sulla Terra, le sue genti, il nostro destino condiviso?
- Quale poema esprime ciò più in modo chiaro ? Perché ?
- R. Frost e M. Angelou stanno scrivendo sugli stessi problemi?

- Come è cambiata la situazione del mondo dai giorni di John Fitzgerald Kennedy?
- Come credi che Bill Clinton avverta la sfida espressa da ognuno dei poemi?
- Che genere di risposta è implicito in ciascun poema?

Per favore spedisci le tue risposte (non più di un breve paragrafo) e alcuni commenti e/o suggerimenti via e-mail solamente a: David Lackey, Strongsville H.S., [email protected]

Questo progetto è patrocinato da "Project Common Ground", una rete studentesca di ecologia sostenuta dall'EPA dell' Ohio e dall'Istituto dell'Università dell' Ohio per la diffusione della democrazia nell'ambito dell'istruzione.

I "Progetti di Classe globale" hanno come obiettivo lo studio di problemi ambientali per i quali ancora non sono state trovate delle soluzioni concrete.

Per esempio Bill Parks, un volontario di UNICEF del Regno Unito, conduce discussioni settimanali sui problemi ambientali con la mailing-list dei bambini del KIDPROJ
Di seguito, un esempio delle risposte date dai bambini alla sua domanda riguardo alla sicurezza:

" No, i bambini non sono sicuri."
" I bambini non dovrebbero accettare passaggi in macchina da sconosciuti."
" I loro genitori possono tenerli lontano dai pericoli."
" I loro parenti possono tenerli lontano dai pericoli."
" I bambini possono essere al sicuro a scuola."
" Non fare entrare nessuno in casa se la mamma non c'è".
" Se una persona ruberà qualche cosa io chiamerò la polizia."
" Noi possiamo conoscere tutte le cattive notizie dal mondo."
" Ma non possiamo essere sempre sicuri."
" E non possiamo salvarci dalle guerre."
" Dedrick tenterà di aiutare dei bambini con il suo lavoro."
" Lui tenterà di curare i bambini.
"

da Felicia, Timeka e Dedrick ----------------------------------


"In questo mondo ci sono molti generi di guerra: la Prima, la Seconda Guerra Mondiale, c'è il Vietnam. C'è anche un Vietnam commemorativo. E mio nonno vi ha combattuto. Se bambini si fossero trovati in mezzo, essi ne sarebbero rimasti inorriditi."

da Phillip----------------------------------


"Noi non siamo sicuri a causa di bande, droghe, abusi, spari e criminalità. E non c'è stato un giorno che io non abbia sentito una raffica di spari o una macchina della polizia. Sicurezza è quando tu hai un ricovero e una protezione. Noi possiamo procurarci un rivelatore di metalli così loro non possono portare le armi a scuola."

da Alexis----------------------------------


"Qualche volta ti senti sicuro. Talvolta timoroso di subire del male. Devi essere attento. Devi vigilare verso chiunque. In futuro molte altre persone rischieranno di essere uccise. Vi è troppa violenza in questo mondo."

da Darius----------------------------------


"Noi possiamo fermare la gente dall'uccidersi reciprocamente e possiamo provare a far durare la pace a lungo."

da Troy----------------------------------


Gli insegnanti con molta sensibilità possono aiutare i giovani di diverse culture, spesso distanti anche fisicamente, invitandoli a dialogare insieme sui problemi del mondo. Le soluzioni ai loro problemi possono essere trovate gradualmente, quando diventeranno più grandi.



"Sembianze" elettroniche

La posta elettronica, i newsgroups e le bbs possono "ospitare" degli esperti con i quali gli studenti possono corrispondere in modo asincrono oppure in "tempo reale"(con l'ospite e gli allievi che comunicano per mezzo di una "chat"). Un " evento elettronico " di questo tipo si è tenuto recentemente (n.b.:i riferimenti temporali non sono quelli cui si riferisce la presente traduzione)nella Rete Freenet di Cleveland - Accademia "Uno" - della Rete Pubblica Nazionale di Tele-Calcolo. Il Premio Nobel Paul Berg ha tenuto una "chiaccherata virtuale" con gli allievi della High School provenienti da condizioni, provincie e paesi differenti. Il programma per la partecipazione alla "riunione elettronica" è stato annunciato come segue:
PARTICOLARI SU COME PARTECIPARE ALLA CHAT


Descrizione generale dell'evento: _______________________________________________________

Quando: Martedì, 21 settembre 1993

Il Dott. Paul Berg, uno dei pionieri nel campo della" ricombinazione genetica", si incontrerà con gli studenti del liceo di Los Angeles per rispondere a delle domande che potranno avere come soggetto i geni ricombinanti, la struttura e le funzioni del DNA..


"Accademia Uno" estenderà questa riunione alla comunità online . La riunione comincerà alle 0900 PDST. Un sommario dell'avanzamento della riunione sarà affisso in uno speciale listserver ([email protected]) approssimativamente ogni 15 minuti. Le scuole possono sottoscrivere la loro adesione a questo listserver seguendo le istruzioni per l'uso sotto riportate e leggendo gli aggiornamenti in tempo reale o quando sarà ritenuto più opportuno.

Alle ore 10:00 PDST avrà inizio una una chat sul canale #Berg.
Le scuole possono partecipare a questo salotto virtuale per discutere con gli altri sui temi della genetica e collegarsi direttamente con il congresso in atto nello Stato della California.

Il pubblico di studenti partecipanti dalla California potrà assistere alla chat in corso attraverso un sistema di video-proiezione. Questo trasformerà una " riunione " locale in un meeting internazionale via rete e il Dott. Berg potrà rispondere via chat alle domande provenienti dalle scuole nelle altre aree. Il Dott. Berg ha fornito via Internet un documento sui geni ricombinanti da lui elaborato e una foto di sé stesso in formato gif che gli allievi potrebbero usare per preparare le domande da porre durante la riunione elettronica. Il fatto che Internet possa collegare gli esperti del tema direttamente con gli allievi, di modo che possano inserirsi nel dialogo basato sulle indagini, contemporaneamente o in modo asincrono, è stimolante, ma è ancora una funzione poco usata della rete.

Mentoring elettronico

Specialisti dell'ambito di Internet, collegati da università, società, enti di governo, le altre scuole, possono assumere il ruolo di mentori elettronici a studenti che vogliono esplorare temi specifici di studio in un corso di studi basato sull'interattività conversazionale. Per esempio, un " servizio " chiamato "Electronic Emissary", con sede nell'Università del Texas - Austin -, aiuta gli esperti in materia da tutto il mondo , insegnanti e relative classi a strutturare un progetto di mentoring elettronico e a condividere con essi ciò che stanno apprendendo nel comunicare via posta elettronica. Gli studenti possono a loro volta divenire mentori verso altri studenti. ' Gli studenti di chimica del "Kurt Grosshans", in Virginia, per esempio, stanno rispondendo alle domande scientifiche che gli studenti da tutti gli altri Paesi propongono , nell'ambito di un servizio chiamato "Ask Mr. Science".Questo è il terzo anno del progetto e mi piacerebbe ringraziare tutti voi che avete partecipato e incoraggiare gli altri che devono partecipare a continuare così.


Descrizione del Progetto.

I vostri studenti dovranno predisporre una serie di domande, relative a ciascun ambito scientifico, da inviare a:

[email protected]

Non c'è nessun limite circa i possibili temi dai quali loro possono attingere.
Astronomia, biologia chimica, fisica scienze della terra, qualunque domanda e/o tema.


Le domande saranno poi assegnate ai miei studenti di chimica che effettueranno le ricerche rispondendo entro 48 ore. Le risposte saranno spedite all'e-mail di chi ha formulato le domande. Si richiede che il numero di domande da postare sia limitato a cinque. Comunque, è possibile postare su "Ask Mr. Science" tutte le volte che lo riterrete opportuno. Gli altri mentori "on line" possono assumere caratterizzazioni più fantastiche, come nel caso di strutture di attività basate sull'interpretazione di soggetti inestistenti o non corrispondenti alla persona che li interpreta (spacciarsi per un altro).


Spacciarsi per un altro

I progetti basati sull'interpretazione di soggetti diversi da quelli reali, sono quelli in cui alcuni (o tutti) i partecipanti comunicano fra loro " in carattere ". All'Università della Virginia, per esempio, il professor Jennings Waggoner "interpretò" la parte di Thomas Jefferson via posta elettronica per molte classi elementari e locali che studiavano la storia dello Stato della Virginia. In "Caratteri Online", un progetto basato su Internet, patrocinato dal Reparto di Stato dell'Istruzione del Nebraska e dalla locale Università, a Omaha, gli insegnanti universitari del preservice, usarono la posta elettronica per impersonificare i caratteri principali dei personaggi dei libri che gli studenti delle classi elementari del Nebraska orientale stavano leggendo con i loro insegnanti. Un progetto condotto attraverso le reti telemetiche, del tipo "spacciarsi per un altro" è stato condotto sulla rete di FrEdMail in novembre e dicembre durante i nove anni trascorsi. Il carattere primario del progetto è familiare a molti studenti nel mondo.

Nome del progetto: "Santa Letters"(Lettere Babbo Natale)
(c) - 1 ottobre 1993 Di Dennis Cowick - FrEdMail Foundation.
- Un progetto annuale FrEdMail dal 1984.

Data: Il 12 novembre 1993 al 10 dicembre 1993

Scopo: Migliorare le abilità di scrittura negli allievi della scuola primaria e superiore e realizzazione di documenti "multi-autore" da parte degli studenti.

Soggetti: Arti del Linguaggio

Livello del grado: Studenti dei gradi K-1 o 2 scrivono lettere a "Santa". Studenti dei gradi 7-12 rispondono come " Santa".

Riassunto: Questo scambio epistolare, appaiando studenti delle classi elementari con quelli delle classi di qualche anno più avanti è uno dei più vecchi e ben riusciti.
Meglio di tutti, consiste semplicemente:

1) gli studenti delle classi primarie scrivono delle lettere a Babbo Natale usando un programma di video-scrittura.

2) Gli studenti delle classi seconde rispondono, impersonificando "Santa".

3) Le lettere sono scambiate attraverso la posta elettronica.

Numero di partecipanti: Illimitato.

Coordinatore di progetto: Dennis Cowick
Junior-Senior High School "Mark Twain" Distretto di San Diego,California.

Nel "California Missions Project"coordinato da Nancy Sutherland, del Network di FrEdMail , 21 classi californiane del quarto grado (una per ognuna delle 21 "California Missions") scrissero e condivisero le note fittizie di un diario in cui descrissero le vite e aspirazioni di persone che vissero nelle missioni nei primi anni e nella metà del 19° secolo. Ray Medeiros, dalla "Dighton High School" in Somerset, Massachusetts, organizzò un'esplorazione collaborativa dell'America Coloniale da postare come articolo sul bulletin board di FrEdMail che iniziava come segue: "I vostri allievi hanno mai letto le commoventi lettere scritte dai coloniPatricia e Peter Carpenter di Pittsburgh, in Pennsylvania? O quella dei loro bambini - David, un commerciante di pellicce e di Sara, che sposò un indiano Susquehannok ? Probabilmente no, in quanto i miei studenti della Middle School di Dighton li hanno creati come parte di un progetto sulla storia americana che vorremmo condividere on line con gli studenti dal terzo al decimo grado della regione circostante.".

Informazioni per la registrazione, una veduta d'insieme del progetto, e i materiali sono nell'archivio in allegato.

Nel contesto del suo progetto, "Colonial Computing", studenti di luoghi diversi formarono delle famiglie fittizie coloniali e si scambiarono lettere che contenevano i dettagli, storicamente accurati, della vita coloniale americana . Evidentemente, questa è una ricca e motivante modalità per gli studenti di usare gli strumenti della tele-collaborazione al fine di aiutarli a esplorare la storia, la letteratura, e gli eventi correnti in un contesto dinamico e interazionale.



Un Archivio Educational di Telecomputing

Le piacerebbe sapere di più in merito ad uno o a tutti questi progetti di istruttivi e innovatividi telecomputing ? Se è così, su internet vi è un archivio-sottodirectory costituito allo scopo . Usando i comandi ftp (file transfer protocol)(descritti nel numero di Dicembre/Gennaio 1992-93 della rivista "Mining the Internet") dal suo account di rete oppure mediante un accesso di tipo anonimo(descritto nel numero di aprile 1993 "Mining the Internet"), mediante la posta elettronica, è possibile accedere al "Texas Center for Educational Technology"a questo indirizzo: tcet.unt.edu Una volta collegati, occorre raggiungere le subdirectories contenute in: pub/telecomputing-info/ed-infusion …per trovare i dettagli supplementari sulle attività menzionate in precedenza, con l'aggiunta di descrizioni sui progetti di telecomputing relativi ad altri "generi di attività". Nel prossimo numero di" Mining the Internet ", condividerò degli esempi di progetti di "educational telecomputing" che possono essere classificati come sei tipi diversi di raccolta delle informazioni. Se desidera condividere le sue idee per le attività di telecomputing con me (e con gli altri visitatori degli archivi del tcet.unt.edu ), per favore spedisca(n.b.: in lingua inglese) le sue descrizioni di attività, via posta elettronica, all'indirizzo elencato di seguito. [Judi Harris, [email protected]; Department of Curriculum and Instruction; 406 Education Building; University of Texas at Austin; Austin, TX 78712-1294.]

Altri articoli pubblicati su" Mining the Internet " sono disponibili su: Learning Resource Server at the College of Education, University of Illinois, Urbana-Champaign.

Translated by Davide Suraci, 11/1/ 2000



Bibliografia

Harris, J. (1994a). Information collection activities. The Computing Teacher, 21 (6), 32-36.

Harris, J. (1994b). "Opportunities in work clothes": Online problem-solving project structures. The Computing Teacher, 21 (7), 52-55.

Harris, J. (1995c). Organizing and Facilitating Telecollaborative Projects The Computing Teacher, Volume 22 (5), 66-69.

Harris, J. (1995c). Organizzare e facilitare Progetti di Telecollaborazione - Precedente in versione italiana - Translation by Davide Suraci.

Suraci, D. (1999). Ipertestualità aperta: CritLink per la collaborazione in rete - Seminario-laboratorio - Macerata - by Davide Suraci.

Harris, J. (1994d). Way of the ferret: Finding educational resources on the Internet. Eugene, OR: ISTE.

Riel, M. (1992). Telecommunications: Avoiding the black hole. The Computing Teacher, 19 (4), 16-17.

Rogers, A., Andres, Y., Jacks, M., & Clausen, T. (1990). Keys to successful telecomputing.The Computing Teacher, 17 (8), 25-28.

Waugh, M. L., Levin, J. A., & Smith, K. (1994). Network-based instructional interactions, part 2: Interpersonal strategies.The Computing Teacher, 21 (6), 48-50.


 

TerritorioScuola.com HP



tick TerritorioScuola.com

Copyleft 1999-2017 TerritorioScuola. Some rights reserved. Informazioni d'uso

Creative Commons License
Salvo nei casi in cui sia diversamente specificato, i contenuti di questo sito sono rilasciati sotto Licenza Creative Commons.