1. Fußball-Club Köln 01/07

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
1. FC Colonia
Calcio Football pictogram.svg
Fckolnmark.png
Die Geißböcke (i caproni)
Segni distintivi
Uniformi di gara
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Casa
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Trasferta
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Terza divisa
Colori sociali Rosso e Bianco.svg rosso-bianco
Dati societari
Città Coat of arms of North Rhine-Westfalia.svg Colonia
Paese Germania Germania
Confederazione UEFA
Federazione Flag of Germany.svg DFB
Campionato Bundesliga
Fondazione 1948
Presidente Germania Werner Spinner
Allenatore Austria Peter Stöger
Stadio RheinEnergieStadion
(49.968 posti)
Sito web www.fc-koeln.de
Palmarès
Meisterschale.pngMeisterschale.pngMeisterschale.png Coppagermania.pngCoppagermania.pngCoppagermania.pngCoppagermania.png
Titoli di Germania 3
Trofei nazionali 4 Coppe di Germania
Si invita a seguire il modello di voce

L'1. FC Colonia e Colonia, tedesco 1. FC Köln (ufficialmente 1. Fußball-Club Köln 01/07), è una società polisportiva tedesca con sede a Colonia, che include pallamano, tennis tavolo e ginnastica. La sezione più nota è quella calcistica, che nella stagione 2013-2014 milita nella 2. Fußball-Bundesliga, la seconda serie del campionato tedesco, e gioca le partite casalinghe nel RheinEnergieStadion.

Fondato nel 1948 ha vinto tre titoli tedeschi e quattro Coppe di Germania. A livello internazionale ha disputato la finale della Coppa UEFA 1985-1986, ma è stato sconfitto dal Real Madrid; notevole è anche il raggiungimento della semifinale della Coppa dei Campioni 1978-1979.

Storiamodifica | modifica sorgente

Il Colonia nasce nel 1948 dall'unione del Kölner Ballspiel-Club 1901 e del SpVgg Sülz 07. Il club inizia a giocare nel campionato tedesco, e già nei primi anni di vita accede in due occasioni alla fase nazionale, inoltre arriva a disputare la finale della DFB-Pokal 1953-1954; è qui però sconfitto dallo Stoccarda nei tempi supplementari. I biancorossi giocano per la prima volta la finale nazionale del campionato nella stagione 1959-1960, ma anche in questo caso la vittoria va all'avversario, l'Amburgo. Intanto Paul Mebus e Hans Schäfer sono diventati campioni del mondo nel 1954 con la Nazionale tedesca.

Il Colonia conquista invece il primo titolo nella stagione 1961-1962, e in panchina c'è Zlatko Čajkovski: i biancorossi sconfiggono infatti il Norimberga nella partita decisiva. La stagione successiva inizia con l'eliminazione al primo turno nella Coppa dei Campioni ad opera del Dundee, e termina con il raggiungimento della terza finale per il titolo, che vede tuttavia prevalere il Borussia Dortmund. Una buona prova nelle competizioni europee si registra poi nella Coppa delle Fiere 1963-1964: i tedeschi durante il loro cammino sconfiggono anche la Roma, ma vengono fermati dal Valencia in semifinale.

Intanto è iniziata in questa stagione la Bundesliga, e il Colonia, guidato da Georg Knöpfle, conquista subito il suo secondo titolo. Nella Coppa dei Campioni 1964-1965, poi, i biancorossi sono protagonisti di un'altra buona prova in campo continentale: incontrano nei quarti il Liverpool, che pur riuscendo a prevalere non riesce a sconfiggere i tedeschi. Infatti entrambe le gare finiscono 0-0, e non essendo ancora stati introdotti i calci di rigore è necessario disputare una terza partita; questa termina 2-2, e gli inglesi passano solo grazie al lancio della moneta.

La squadra mette in bacheca la prima DFB-Pokal nella stagione 1967-1968 battendo in finale il Bochum; grazie a questo trofeo i tedeschi partecipano alla Coppa delle Coppe 1968-1969, dove, giunti in semifinale sono sconfitti dal Barcellona. Lo stesso prestigioso traguardo viene raggiunto anche nella Coppa delle Fiere 1970-1971, l'ultima della manifestazione: in questo caso a negare l'accesso alla finale è la Juventus. In questa stagione poi, come nella precedente, la squadra guadagna l'accesso alla finale della coppa nazionale: viene però sconfitta in entrambe le occasioni. Una nuova finale nella DFB-Pokal viene raggiunta nell'edizione 1972-1973, ma anche in questo caso a conquistare la coppa sono gli avversari. La squadra raggiunge un'altra semifinale europea nella Coppa UEFA 1974-1975 ma, come era sempre accaduto in passato viene qui eliminata, in questo caso dai connazionali e futuri campioni del Borussia Mönchengladbach.

Nella stagione 1976-1977 il Colonia, con in panchina Hennes Weisweiler, e con in rosa il campione europeo Hannes Löhr, i campioni del mondo Bernhard Cullmann, Wolfgang Overath e Heinz Flohe, più Dieter Müller, Harald Schumacher e Herbert Zimmermann conquista la DFB-Pokal. La stagione successiva è probabilmente la migliore nella storia del club: viene conquistato sia il titolo che la DFB-Pokal, e in questo modo viene realizzato il double; inoltre Müller è capocannoniere in campionato. Al gruppo si uniscono poi Pierre Littbarski e Bernd Schuster, e la squadra partecipa alla Coppa dei Campioni 1978-1979: viene eliminata in semifinale dai futuri campioni del Nottingham Forest.

Gli anni ottanta iniziano con la quinta finale di DFB-Pokal persa nel 1980, e in estate Schumacher, Cullmann, Schuster e Zimmermann diventano campioni d'Europa. Durante la stagione 1980-1981 la dirigenza assume come allenatore Rinus Michels, che nel decennio precedente aveva ottenuto molti successi con l'Ajax, il Barcellona e con la Nazionale olandese. Il Colonia raggiunge nuovamente le semifinali in una manifestazione continentale nella Coppa UEFA 1980-1981: qui i tedeschi eliminano nel loro cammino anche i Blaugrana, che vincono 1-0 la partita di andata a Colonia, ma sono poi sconfitti sul proprio terreno per 4-0, e i connazionali dello Stoccarda; vengono infine fermati dall'Ipswich Town. Successivamente si unisce al gruppo anche Klaus Allofs, e la squadra conquista la DFB-Pokal 1982-1983, mentre nella stessa stagione viene eliminata dalla Roma negli ottavi della Coppa UEFA. I tedeschi, senza più Michels in panchina, sono eliminati dall'Inter nella Coppa UEFA 1984-1985, ma riescono finalmente a raggiungere una finale europea nell'edizione successiva della manifestazione: a prevalere è il Real Madrid, tuttavia Allofs è capocannoniere. Di contro la squadra in campionato si classifica al tredicesimo posto, ma chiude il decennio con piazzamenti al vertice della Bundesliga.

Gli anni novanta si aprono con un'altra semifinale nell'edizione 1989-1990 della Coppa UEFA: tra le squadre eliminate c'è anche la Stella Rossa che sarà campione d'Europa nella stagione successiva. I tedeschi vengono sconfitti dai futuri vincitori della Juventus, ma il capocannoniere della manifestazione è Falko Götz; in estate, poi, Bodo Illgner, Pierre Littbarski, Thomas Häßler e Paul Steiner diventano campioni del mondo con la nazionale. Nella stagione successiva, invece, il Colonia viene eliminato dall'Atalanta negli ottavi di Coppa UEFA, ma alla fine raggiunge per la decima volta la finale della DFB-Pokal, dalla quale esce però sconfitto.

In campionato però, i biancorossi cominciano a scivolare verso il fondo della classifica e, nonostante la presenza di Anton Polster la squadra retrocede per la prima volta in 2. Fußball-Bundesliga al termine della stagione 1997-1998. In seguito vince il campionato 1999-2000 e riconquista la massima divisione, retrocedendo però nuovamente due anni dopo. Da qui in avanti la squadra non riesce a rimanere per due stagioni di seguito nella stessa divisione; dopo la promozione del 2008 rimane per tre anni in Bundesliga, pur finendo sempre nella parte bassa della graduatoria. Retrocede nuovamente al secondo livello al termine del campionato 2011-2012.

Cronistoriamodifica | modifica sorgente

Cronistoria del 1. Fußball-Club Köln 01/07
  • 1948: fondazione del club
  • 1947-48 ·
  • 1948-49 ·
  • 1949-50 ·

  • 1950-51 ·
  • 1951-52 ·
  • 1952-53 · 3º nel gruppo 1.
  • 1953-54 · 2º nel gruppo 2.
Finalista nella DFB-Pokal.
  • 1954-55 ·
  • 1955-56 ·
  • 1956-57 ·
  • 1957-58 · 4º nel gruppo 1.
  • 1958-59 · 2º nel gruppo 2.
  • 1959-60 · Sconfitto nella finale.

  • 1960-61 · 3º nel gruppo 2.
  • 1961-62 Meisterschale.png Campione della Germania Ovest (1º titolo).
Eliminato nel primo turno della Coppa delle Fiere.
Eliminato nel primo turno della Coppa dei Campioni.
  • 1963-64 Meisterschale.png Campione della Germania Ovest (2º titolo).
Semifinalista nella Coppa delle Fiere.
Eliminato nei quarti della Coppa dei Campioni.
Eliminato negli ottavi della Coppa delle Fiere.
Eliminato nel secondo turno della Coppa delle Fiere.

Coppagermania.png Vince la DFB-Pokal (1º titolo).

Semifinalista nella Coppa delle Coppe.
Finalista nella DFB-Pokal.

Semifinalista nella Coppa delle Fiere.
Finalista nella DFB-Pokal.
Eliminato nel secondo turno della Coppa UEFA.
Eliminato negli ottavi della Coppa UEFA.
Finalista nella DFB-Pokal.
Eliminato nei quarti della Coppa UEFA.
Semifinalista nella Coppa UEFA.
Eliminato negli ottavi della Coppa UEFA.
Eliminato negli ottavi della Coppa UEFA.

Coppagermania.png Vince la DFB-Pokal (2º titolo).

  • 1977-78 Meisterschale.png Campione della Germania Ovest (3º titolo).
Eliminato nel primo turno della Coppa delle Coppe.

Coppagermania.png Vince la DFB-Pokal (3º titolo).

Semifinalista nella Coppa dei Campioni.
Finalista nella DFB-Pokal.

Semifinalista nella Coppa UEFA.
Eliminato negli ottavi della Coppa UEFA.

Coppagermania.png Vince la DFB-Pokal (4º titolo).

Eliminato negli ottavi della Coppa delle Coppe.
Eliminato nei quarti della Coppa UEFA.
Finalista nella Coppa UEFA.
Eliminato negli ottavi della Coppa UEFA.
Semifinalista nella Coppa UEFA.

Eliminato negli ottavi della Coppa UEFA.
Finalista nella DFB-Pokal.
Eliminato nel primo turno della Coppa UEFA.


Colori e simbolimodifica | modifica sorgente

Simboli ufficialimodifica | modifica sorgente

Stemmamodifica | modifica sorgente

Il simbolo del club è un caprone che sorregge uno stemma. Esso riporta il simbolo della città di Colonia (le guglie della cattedrale) e il nome della squadra con l'"1" che sta a significare il titolo di "prima squadra".

Strutturemodifica | modifica sorgente

Stadiomodifica | modifica sorgente

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi RheinEnergieStadion.

La squadra gioca le partite interne al RheinEnergieStadion, impianto con una capacità di 50.997 spettatori. Il nome dello stadio è stato assunto dopo un contratto con la locale azienda di forniture energetiche, la RheinEnergie AG, che durerà fino al 2009. Comunque, molti tifosi chiamano ancora lo stadio col suo vecchio, "Müngersdorfer Stadion", dal nome del quartiere (il Müngersdorf) dove è situato.

Allenatori e presidentimodifica | modifica sorgente

Allenatorimodifica | modifica sorgente

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Categoria:Allenatori dell'1. F.C. Köln 01/07.

Gli allenatori del club sono stati[1]:

Fckolnmark.png
Allenatori


Presidentimodifica | modifica sorgente

Giocatorimodifica | modifica sorgente

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Categoria:Calciatori dell'1. F.C. Köln 01/07.

Vincitori di titolimodifica | modifica sorgente

I seguenti giocatori hanno ottenuto risultati di prestigio con le loro nazionali nel periodo di militanza nella società:

Karl-Heinz Schnellinger (1962)
Harald Schumacher (1984, 1986)
Thomas Häßler (1989)
Anton Polster (1997)
Morten Olsen (1986)
Hannes Löhr (1967-1968)
Dieter Müller (1976-1977)
Dieter Müller (1977-1978)
Klaus Allofs (1984-1985)
Thomas Allofs (1988-1989)
Klaus Allofs (1985-1986)
Falko Götz (1989-1990)

Palmarèsmodifica | modifica sorgente

Statistiche e recordmodifica | modifica sorgente

Recordmodifica | modifica sorgente

Il Colonia detiene il record di minuti senza andare in gol in Bundesliga. Nel 2002, i tifosi dovettero attendere 1034 minuti (equivalenti a 11 partite e mezza) fino a che Thomas Cichon riuscì a mandare nuovamente la palla in rete.[2]

Tifoseriamodifica | modifica sorgente

Gemellaggi e rivalitàmodifica | modifica sorgente

I principali rivali del Colonia sono il Bayer Leverkusen, il Borussia Mönchengladbach e il Fortuna Düsseldorf – tutte squadre provenienti dalla stessa regione, vicino al fiume Reno. I tifosi hanno amicizia con quelli del St. Pauli e del Paris Saint-Germain.

Organicomodifica | modifica sorgente

Rosa 2013-2014modifica | modifica sorgente

N. Ruolo Giocatore
1 Germania P Timo Horn
2 Slovenia D Mišo Brečko (Capitano)
3 Germania D Lukas Kübler
4 Spagna D Román Golobart
5 Slovenia D Dominic Maroh
6 Brasile D Bruno Nascimento
7 Marocco A Adil Chihi
8 Polonia C Adam Matuszczyk
9 Nigeria A Anthony Ujah
11 Germania A Thomas Bröker
13 Bosnia ed Erzegovina C Dino Bisanović
14 Germania C Jonas Hector
15 Germania C Tobias Strobl
16 Germania A Patrick Helmes
17 Polonia C Slawomir Peszko
N. Ruolo Giocatore 600px Rosso e Bianco.png
18 Germania P Thomas Kessler
20 Germania C Reinhold Yabo
21 Germania C Sascha Bigalke
23 Canada D Kevin James McKenna
24 Polonia A Kacper Przybylko
25 Austria C Daniel Royer
26 Germania P Marcel Schuhen
28 Austria D Kevin Winner
30 Germania C Fabian Schnellhardt
30 Germania C Fabian Schnellhardt
31 Germania C Yannick Gerhardt
Germania P Daniel Schwabke
Germania D Christian Eichner
Germania D Bienvenue Basala-Mazana
Germania D Christopher Schorch

Notemodifica | modifica sorgente

  1. ^ (DE) Die FC-Trainer in www.fc-koeln.de. URL consultato il 10-03-2014.
  2. ^ Fussballdaten.de

Altri progettimodifica | modifica sorgente

Collegamenti esternimodifica | modifica sorgente








Creative Commons License