Abdul Qadeer Khan

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.

Abdul Qadeer Khan, in lingua urdu عبدالقدیر خان (Bhopal, 1 aprile 1936), è un ingegnere pakistano.

È un ingegnere metallurgico, conosciuto per essere il "padre" della prima bomba atomica del Pakistan.

Il secondo nome "Qadeer" è reso a volte come Quadeer, Qadir o Gadeer ed il suo nome è spesso abbreviato in A.Q.. Nel gennaio del 2004, confessò di essere coinvolto in una rete internazionale che trafficava tecnologie per la costruzione di armi nucleari, che si estendeva dal Pakistan, alla Libia, alla Corea del Nord. Il 5 febbraio 2004, il presidente del Pakistan, il generale Pervez Musharraf, annunciò di aver ufficialmente perdonato Khan.

Il 23 agosto 2005, il generale Musharraf, in un'intervista con Kyodo News, confermò che A.Q. Khan aveva rifornito di gas centrifugato (usato per l'arricchimento dell'uranio) la Corea del Nord e alcune quantità di esafluoruro di uranio[1]

Notemodifica | modifica sorgente

  1. ^ "Dr AQ Khan provided centrifuges to N. Korea", Dawn (25 agosto 2005), online: http://www.dawn.com/2005/08/25/top3.htm.

Altri progettimodifica | modifica sorgente

Controllo di autorità VIAF: 92292655 LCCN: n85104293








Creative Commons License