Achille Vogliano

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Achille Vogliano (Firenze, 17 ottobre 1881Berlino, 26 giugno 1953) è stato un grecista e papirologo italiano.

Biografiamodifica | modifica sorgente

Allievo di Girolamo Vitelli, Achille Vogliano fu prima insegnante di letteratura greca all'Università di Cagliari, nel 1927, poi in quella di Bologna nel 1929, in seguito all'Università di Milano nel 1932. Dopo la seconda guerra mondiale, si trasferì a Berlino, insegnando alla Freie Universität.

Nel 1934 guidò una missione in Egitto, a Tebtynis, dove scoprì le Diegèseis (Διηγήσεις: riassunti) di poemi di Callimaco. Negli anni successivi, sempre in Egitto, condusse campagne archeologiche a Medinet Madi- Già, dove, nel 19351939, fece importanti scoperte riportando alla luce il tempio di Amenemhat III. Oggi molte statue egizie e romane che furono da lui ritrovate nel tempio sono esposte al Museo egizio di Milano, nei sotterranei del Castello Sforzesco.

A lui si deve, nel 1937, l'edizione dei papiri conservati alla Regia università di Milano e il lavoro di ricostruzione del trattato Sulla natura delle cose di Epicuro, basato sui frammenti papiracei da Ercolano (in particolare, i libri II, XI, XIV e XV).

Bibliografiamodifica | modifica sorgente








Creative Commons License