Acquedotto romano di Venafro

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

L'acquedotto romano di Venafro è un acquedotto di epoca romana, risistemato in epoca augustea, ma già esistente in precedenza.

L'acquedotto captava le acque dalla sorgente del fiume Volturno e le distribuiva lungo un percorso di circa 30 km alle ville del territorio e alla città di Venafro.

Il condotto, che seguiva un percorso a mezza costa dei rilievi, con una pendenza costante dell'1%, era realizzato in opera cementizia con interno rivestito da intonaco (larghezza di 65 cm e altezza di 160 cm).

Nel Museo nazionale archeologico di Venafro si conserva un'epigrafe di epoca augustea, redatta tra il 17 e l'11 a.C ("Tavola delle acque") con il regolamento d'uso delle acque captate[1].

Resti del condotto sono stati rinvenuti presso Montaquila, nella frazione di Santa Maria Oliveto, sotto la chiesetta di Santa Lucia[2], e nel capoluogo comunale di Pozzilli

Notemodifica | modifica sorgente

  1. ^ Pagina sul Museo archeologico di Venafro sul sito della Soprintendenza per i Beni Archeologici del Molise
  2. ^ Si conservano due tratti di qualche decina di metri, separati da un'interruzione in corrispondenza di un vallone, il primo in galleria e il secondo costruito in muratura.







Creative Commons License