Adrian Mutu

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Adrian Mutu
Adrian Mutu 2.jpg
Dati biografici
Nazionalità Romania Romania
Altezza 180 cm
Peso 74 kg
Calcio Football pictogram.svg
Dati agonistici
Ruolo Attaccante
Squadra Petrolul Ploiesti Petrolul Ploiești
Carriera
Giovanili
1992-1996 Arges Pitesti Argeș Pitești
Squadre di club1
1996-1998 Arges Pitesti Argeș Pitești 41 (11)
1998-2000 Dinamo Bucarest Dinamo Bucarest 33 (22)
2000 Inter Inter 10 (0)
2000-2002 Verona Verona 57 (16)
2002-2003 Parma Parma 31 (18)
2003-2004 Chelsea Chelsea 27 (6)
2005 Livorno Livorno 0 (0)
2005-2006 Juventus Juventus 33 (10)
2006-2011 Fiorentina Fiorentina 112 (54)
2011-2012 Cesena Cesena 28 (8)
2012-2014 Ajaccio Ajaccio 37 (11)
2014- Petrolul Ploiesti Petrolul Ploiești 4 (0)
Nazionale
1995
1996-1997
1998-2000
2000-2013
Romania Romania U-16
Romania Romania U-18
Romania Romania U-21
Romania Romania
2 (0)
14 (8)
12 (6)
77 (35)
1 Dati relativi al solo campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 2 novembre 2013

Adrian Mutu (Călineşti, 8 gennaio 1979) è un calciatore romeno, attaccante del Petrolul Ploiesti.

Biografiamodifica | modifica sorgente

È laureato in Giurisprudenza all'Università di Bucarest ed anche in Scienze dello Sport.[1] Dal 2005 è sposato con Consuelo, ex modella dominicana, figlia dell'ambasciatore dominicano presso la Santa Sede, da cui ha avuto due figlie, Maya Vega e Adriana. Inoltre ha un altro figlio, Mario, avuto da un precedente matrimonio con Alexandra Dinu.[2]

Caratteristiche tecnichemodifica | modifica sorgente

Nella zona offensiva può giocare come seconda punta, ala e anche come trequartista.

Carrieramodifica | modifica sorgente

Clubmodifica | modifica sorgente

Gli esordimodifica | modifica sorgente

Cresciuto calcisticamente nell'Argeş Piteşti, il suo debutto in campionato avvenne il 15 marzo 1997. Nelle successive due stagioni segna 11 gol in 41 partite e sforna molti assist.

Nel 1998 venne acquistato dalla Dinamo Bucarest, in cui giocò 33 partite segnando 22 gol vincendo, a 18 anni, la Coppa e il campionato rumeno (ottenute dopo il trasferimento di Mutu).

Inter e Hellas Veronamodifica | modifica sorgente

Nel 2000 viene tesserato dall'Inter[3]. Segnò il suo primo gol in maglia nerazzurra nel derby di Coppa Italia contro il Milan. In 10 presenze di campionato non realizzò alcun gol. I suoi unici due gol li mette a segno in Coppa Italia. A fine stagione venne ceduto in comproprietàsenza fonte al Verona.

A Verona segnò quattro gol contro Lazio, Napoli e Bari (doppietta). Nella stagione successiva segnò 12 gol, ma la squadra retrocesse in Serie B.

Parmamodifica | modifica sorgente

Tornato in B, il Verona lo cedette al Parma, dove il romeno segnò 18 gol in 31 partite, molti dei quali su punizione.senza fonte

Giocò in coppia con Adriano. Il Parma finisce la stagione al quinto posto a pochi punti dal quarto. In Coppa UEFA disputò 3 partite segnando 3 gol.

Dopo un solo anno, il Parma cedette all'offerta del Chelsea di Roman Abramovič.

Chelseamodifica | modifica sorgente

Il 1º agosto 2003 venne acquistato dal Chelsea. Nelle prime 4 partite segnò 3 gol, inclusa una doppietta in trasferta contro il Tottenham, ma progressivamente i gol diminuirono: furono solo 6 a fine stagione in 27 presenze più uno in Champions League contro la Lazio. Con il Chelsea arrivò alla semifinale di UEFA Champions League.

Nel settembre del 2004, dopo appena due presenze alla seconda stagione con la maglia del Chelsea, venne scoperto positivo alla cocaina. Venne quindi licenziato il 29 ottobre dal club londinese e ricevette una squalifica di 7 mesi (fino al 18 maggio 2005) e una multa di £20.000 dalla Football Association.[4]

Livorno e Juventusmodifica | modifica sorgente

Dopo l'avventura con il Chelsea firmò un contratto quinquennale con la Juventus il 12 gennaio 2005. In realtà, con un artificio di mercato che sfruttava le lacune delle normative, non fu inizialmente tesserato dalla Juventus ma dal Livorno, in quanto i bianconeri non potevano tesserare un extracomunitario proveniente dall'estero avendo già esaurito i posti a disposizione, e quindi "ceduto" dai toscani ai piemontesi. Con i toscani non scese mai in campo, mentre debuttò solo all'ultima giornata di campionato con la maglia della Juventus a causa della lunga squalifica per doping che doveva scontare. Nella stagione successiva in bianconero riuscì a ritagliarsi qualche spazio. Totalizzò dunque 33 presenze con 7 gol. Alla fine del campionato Mutu viene ceduto alla Fiorentina il 7 luglio 2006.

Fiorentinamodifica | modifica sorgente

Alla Fiorentina Mutu ritrova Cesare Prandelli come allenatore, che lo aveva allenato anche a Parma. Alla prima stagione realizza 16 gol in campionato al pari di Toni, e fornisce molti assist: la Fiorentina, partendo con una penalità di 15 punti[5] a causa di Calciopoli, riesce a finire la stagione al 5º posto (3º senza penalizzazione). Dopo ogni rete segnata, Mutu esulta facendo un inchino alla curva Fiesole. Mutu viene eletto da "Il Calcio", da "Datasport" e dalla "RAI" miglior giocatore del campionato e ottiene la media migliore del campionato in tutti i quotidiani sportivi italiani.[6]

Nella stagione 2007-2008 realizza 17 gol in campionato (5 su calcio di rigore) e 6 in Coppa UEFA, raggiungendo la semifinale di Coppa UEFA e il quarto posto, occupato dalla Fiorentina con due punti di vantaggio sul Milan.

Adrian Mutu nella stagione 2007-2008 con la maglia della Fiorentina

Nell'estate 2008 è stato molto vicino alla Roma[7] ma poi la società viola decise di tenere il giocatore.

Il 14 agosto è stato multato dalla FIFA per 13,68 milioni di sterline (17,17 milioni di euro) per aver rotto il contratto con il Chelsea, dopo che è risultato positivo alla cocaina, facendo di questa multa la più alta di tutti i tempi.[4]

Un infortunio subito nel precampionato mentre era in ritiro con la nazionale rumena, ne ha rallentato la preparazione, e Mutu ha giocato sotto tono le prime partite della stagione 2008-2009. Il problema al gomito era in via di guarigione ma verso la metà del mese di ottobre, nuovamente nel ritiro della nazionale, Mutu subisce un versamento al ginocchio che fa temere un possibile intervento chirurgico. Tornato a Firenze, i medici sociali del club viola ne scongiurano l'ipotesi. Altri due infortuni tormentano il primo quarto di stagione. Dopo aver saltato il match con l'Inter, gioca col Bayern Monaco, contro cui realizza un gol, ma è costretto a un nuovo stop di 15 giorni.

È stato nominato miglior giocatore romeno del 2008.[8]

Durante la partita Fiorentina-Lecce, si procura nuovamente una lussazione al gomito dopo un violento scontro di gioco. Ritorna in campo contro il Bologna, dove sigla una doppietta raggiungendo il traguardo dei 100 gol complessivi con squadre italiane.

Il 15 febbraio 2009, in Genoa-Fiorentina (3-3), segna la sua prima tripletta in carriera.

Il 31 luglio 2009 il TAS di Losanna respinge il suo appello.[9] Il 21 ottobre dello stesso anno il tribunale federale elvetico sospende però il pagamento della multa di 17 milioni di euro fino alla fine del 2009.[10]

Nell'inizio della stagione 2009-2010 segna un gol alla prima giornata di campionato a Bologna. Nel doppio confronto di Champions League contro gli ungheresi del Debrecen segna due gol in Ungheria e il gol del vantaggio nella partita di ritorno. Durante la partita di Firenze contro il Debrecen il giocatore si infortuna al menisco del ginocchio, costringendolo ad una nuova operazione.senza fonte Rientra in campo nel 2010 siglando 3 gol in 3 partite contro Siena, Bari e Bologna. Nelle partite di Coppa Italia segna due gol negli ottavi di finale in Fiorentina-ChievoVerona vinta per 3-2, e una successiva doppietta nei quarti di finale, Fiorentina-Lazio (3-2). Anche se la Fiorentina non vince la competizione, Mutu, con 4 gol, sarà capocannoniere della Coppa Italia, a pari merito con Alain Pierre Baclet del Lecce e Rachid Arma della Spal.

Il 10 gennaio 2010, nei campioni prelevati dalla commissione antidoping del C.O.N.I. dopo la partita contro il Bari, viene riscontrata la presenza di metaboliti della sibutramina, uno stimolante che annulla gli effetti della fame.[11] Sospeso subito in via cautelativa, in seguito viene trovato positivo alla stessa sostanza anche nelle analisi effettuate dopo la partita del 20 gennaio contro la Lazio in Coppa Italia, incontro in cui il romeno realizzò una doppietta.[12] Il 19 aprile 2010 il comitato antidoping nazionale decide una squalifica di 9 mesi, a decorrere dalla sospensione cautelativa; la Procura aveva richiesto un anno. La squalifica termina il 29 ottobre 2010, 2 giorni prima della partita di campionato Catania-Fiorentina.

Dal 7 gennaio 2011 è fuori dalla rosa della squadra viola per aver inadempiuto ai suoi obblighi contrattuali, lasciando l'allenamento in anticipo.[13]
Il 3 febbraio dello stesso anno la società comunica tuttavia che verrà reintegrato nella rosa a partire dal giorno seguente.[14] Il 6 marzo 2011, in Fiorentina-Catania (3-0), realizza la sua prima doppietta stagionale, con tanto di esultanza sotto la curva Fiesole, a suggellare la riappacificazione con la tifoseria viola.

Il 23 giugno 2011 la Fiorentina comunica la sua cessione a titolo definitivo al Cesena.[15]

Cesenamodifica | modifica sorgente

Il 23 giugno 2011 il Cesena comunica di aver acquistato a titolo definitivo l'attaccante romeno a parametro zero che firma un biennale con opzione per il terzo anno.[16][17] Ha realizzato il primo gol con i bianconeri nella sfida persa contro la Lazio (1-2) del 21 settembre 2011. Ha realizzato la prima doppietta contro il Genoa.

Ajacciomodifica | modifica sorgente

Il 28 agosto 2012 il club Ajaccio ufficializza l'acquisto dell'attaccante rimasto svincolato dopo la rescissione del contratto con il Cesena a seguito della retrocessione in Serie B.[18] Segna il suo primo goal nel campionato di Ligue 1 il 28 ottobre 2012 nella sfida in trasferta contro il Lorient finita 4-4. Successivamente segna nella trasferta di Nancy (1-1), contro lo Stade de Reims (2-0), contro il Rennes (2-4) , contro il Valenciennes (1-1), una doppietta rifilata al Lione il 3 febbraio 2013, contro il Tolosa (2-3), una doppietta in casa del Saint-Etienne (4-2), in casa dello Stade de Reims (1-1).

Petrolul Ploieștimodifica | modifica sorgente

Il 13 gennaio 2014 torna in Romania, dopo 14 anni, firmando un contratto con il Petrolul Ploiești, dopo aver rescisso il contratto con l'Ajaccio.[19]

Nazionalemodifica | modifica sorgente

È tra i giocatori più rappresentativi della Nazionale rumena, da quando Gheorghe Hagi si è ritirato dal calcio. Nel girone di qualificazione a Euro 2008 i suoi gol hanno permesso alla Romania di accedere alla fase finale del torneo, nel girone C, il cosiddetto "girone di ferro", vista la presenza di Francia, Paesi Bassi e Italia. Segna un solo gol nella partita contro l'Italia (1-1); nella stessa partita si fa parare un rigore da Gianluigi Buffon.

L'11 agosto 2011, in seguito a una nottata di baldoria e alcol insieme al compagno Gabriel Tamaş durante il ritiro due giorni prima dell'amichevole contro il San Marino, il C.T. Victor Piţurcă li esclude definitivamente dalla nazionale.[20] Tuttavia il 30 settembre viene richiamato in nazionale per le sfide di qualificazione agli Europei 2012. Il 22 marzo 2013 nella sfida contro l'Ungheria (2-2) valida per le Qualificazioni ai mondiali 2014, segna un calcio di rigore ed eguaglia con 35 reti il record di Gheorghe Hagi.[21]

Viene nuovamente escluso a vita dalla sua nazionale il 21 novembre 2013 all'indomani della mancata convocazione per i playoff mondiali contro la Grecia quando, per protesta, posta sul suo profilo Facebook un fotomontaggio che ritrae il selezionatore Piţurcă nelle vesti di Mr.Bean. Né lui, né la Federazione romena gradiscono, comunicando al giocatore l'esclusione il giorno successivo[22].

Curiositàmodifica | modifica sorgente

  • È stato vittima del programma Scherzi a parte il 12 marzo 2009 dello scherzo ( "L'ergastolano nel bagagliaio") su Canale 5.
  • Su molti videogiochi FIFA è spesso indicato col nome di "Murgu", in quanto la EA non ha mai acquistato i diritti dal giocatore.

Statistichemodifica | modifica sorgente

Presenze e reti nei clubmodifica | modifica sorgente

Statistiche aggiornate al 3 novembre 2013.

Stagione Squadra Campionato Coppe nazionali Coppe continentali Altre coppe Totale
Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Pres Reti
1996-1997 Romania FC Argeş Liga I 5 0 CR - - - - - - - - 5 0
1997-1998 Liga I 21 4 CR - - - - - - - - 21 4
1998-1999 Liga I 15 7 CR - - CU 6 3 - - - 21 10
Totale FC Argeş 41 11 6 3 47 14
1998-1999 Romania Dinamo Bucarest Liga I 15 4 CR - - - - - - - - 15 4
1999-gen. 2000 Liga I 18 18 CR - - CU 3 4 - - - 21 22
Totale Dinamo Bucarest 33 22 3 4 36 26
gen.-giu. 2000 Italia Inter A 10 0 CI 4 2 - - - - - - 14 2
2000-2001 Italia Verona A 25+1 4+0 CI 1 1 - - - - - - 27 5
2001-2002 A 32 12 CI 2 0 - - - - - - 34 12
ago. 2002 B 0 0 CI 2 0 - - - - - - 2 0
Totale Verona 57+1 16+0 5 1 63 17
ago. 2002-2003 Italia Parma A 31 18 CI 1 0 CU 4 4 - - - 36 22
2003-2004 Inghilterra Chelsea PL 25 6 FACup+CdL 3+1 3+0 UCL 7 1 - - - 36 10
ago. 2004 PL 2 0 FACup+CdL 0 0 UCL - - - - - 2 0
Totale Chelsea 27 6 4 3 7 1 38 10
ago. 2004-2005 Italia Juventus A 1 0 CI - - UCL - - SI - - 1 0
2005-2006 A 32 7 CI 4 3 UCL 8 1 SI 1 0 45 11
Totale Juventus 33 7 4 3 8 1 1 0 46 11
2006-2007 Italia Fiorentina A 33 16 CI 2 0 - - - - - - 35 16
2007-2008 A 29 17 CI 1 0 CU 10 6 - - - 40 23
2008-2009 A 19 13 CI 1 0 UCL+CU 7+2 2+0 - - - 29 15
2009-2010 A 11 4 CI 2 4 UCL 6 3 - - - 19 11
2010-2011 A 20 4 CI 0 0 - - - - - 20 4
Totale Fiorentina 112 54 6 4 25 11 143 69
2011-2012 Italia Cesena A 28 8 CI 1 0 - - - - - - 29 8
2012-2013 Francia Ajaccio L1 28 11 CF+CdL 0+0 0+0 - - - - - - 28 11
2013-2014 L1 9 0 CF+CdL 0+0 0+0 - - - - - - 9 0
Totale Ajaccio 37 11 0 0 37 11
Totale carriera 409+1 153+0 25 13 53 24 1 0 489 190

Palmarèsmodifica | modifica sorgente

Clubmodifica | modifica sorgente

Competizioni nazionalimodifica | modifica sorgente

Dinamo Bucarest: 1999-2000
Juventus: 2004-2005[23]

Individualemodifica | modifica sorgente

2003, 2005, 2007, 2008
2007
2009-2010 (4 gol)

Notemodifica | modifica sorgente

  1. ^ Mutu: "Sapete cosa combino? Mi prendo un'altra laurea" gazzetta.it, 7 ottobre 2011
  2. ^ Avances a moglie, rissa per Mutu sportmediaset.mediaset.it
  3. ^ Mutu firma per l' Inter: «Mi manda Lucescu» in la Repubblica, 26 novembre 1999, p. 44. URL consultato il 15 aprile 2013.
  4. ^ a b Stangata per Mutu: paghi 17 milioni, Corriere.it, 15 agosto 2008.
  5. ^ Inizialmente erano 19, poi furono ridotti a 15.
  6. ^ Mutu è il migliore Gazzeta.it
  7. ^ Offerta per il calciatore Adrian Mutu asroma.it
  8. ^ Calcio, Fiorentina: Mutu miglior giocatore romeno dell'anno 2008 news.kataweb.it, 12 dicembre 2008
  9. ^ Stangata del Tas su Mutu: "Paghi 17 milioni al Chelsea" Gazzetta.it
  10. ^ Tribunale svizzero sospende multa di 17 mln a Mutu Agi.it
  11. ^ ANTIDOPING: Positivo Adrian Mutu (calcio), Coni.it, 28 gennaio 2010. URL consultato il 29 gennaio 2010.
  12. ^ ANTIDOPING: Il calciatore Adrian Mutu positivo anche il 20 gennaio, Coni.it, 29 gennaio 2010. URL consultato il 29 gennaio 2010.
  13. ^ Comunicato stampa violachannel.tv
  14. ^ Comunicato stampa violachannel.tv
  15. ^ Comunicato Stampa, Viola Channel, 23 giugno 2011. URL consultato il 23 giugno 2011.
  16. ^ Adrian Mutu è un giocatore del Cesena cesenacalcio.it
  17. ^ Mutu al Cesena: Fiorentina lascia il giocatore a costo zero fiorentina.it
  18. ^ (FR) Adrian Mutu est arrivé in Ac-ajaccio.com, 27 agosto 2012. URL consultato il 28 agosto 2012.
  19. ^ http://www.fcpetrolul.ro/ro/Prezentare-oficial-Adrian-Mutu/ Prezentare oficială Adrian Mutu]
  20. ^ Mutu, notte brava - Mai più in nazionale repubblica.it, 11 agosto 2011
  21. ^ Mutu ritrova il campo e la nazionale gazzetta.it
  22. ^ http://www.sportmediaset.mediaset.it/calcio/calcioestero/2013/articoli/1018231/romania-mutu-paragona-il-ct-a-mr-bean-cacciato-dalla-nazionale-160-.shtml
  23. ^ A seguito della sentenza della Commissione di Appello Federale in merito ai fatti oggetto dello scandalo del calcio italiano del 2006, lo scudetto vinto dalla Juventus nel campionato 2004-2005 fu revocato e non più assegnato.

Altri progettimodifica | modifica sorgente

Collegamenti esternimodifica | modifica sorgente








Creative Commons License