Adriana Zarri

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Adriana Zarri

Adriana Zarri (San Lazzaro di Savena, 26 aprile 1919Crotte di Strambino, 18 novembre 2010) è stata una teologa, giornalista e scrittrice italiana.

Biografiamodifica | modifica sorgente

È nata nel 1919 a San Lazzaro di Savena, nelle immediate vicinanze di Bologna, figlia di un mugnaio (già bracciante), e della figlia di un capomastro.

Negli anni giovanili è stata dirigente dell'Azione Cattolica; dal 1952 è stata giornalista pubblicista.

Dopo aver vissuto in diverse città italiane (Roma, soprattutto), dal settembre 1975[1], per una scelta di tipo eremitica, si è ritirata prima ad Albiano, poi a Fiorano Canavese, e infine, dalla metà degli anni novanta, a Strambino, sempre in provincia di Torino[2].

Ha collaborato con molte testate cattoliche: L'Osservatore Romano, Rocca, Studium, Politica oggi, Sette Giorni, Il Regno, Concilium, Servitium e Adista. Ha collaborato con i periodici Avvenimenti (con la rubrica Diario inutile) e MicroMega. Nel quotidiano il manifesto aveva una rubrica domenicale, Parabole.

In passato partecipò anche come ospite fissa alla trasmissione televisiva Samarcanda condotta da Michele Santoro. È stata candidata nel 2004 per le elezioni europee nella liste di Rifondazione Comunista.

Ha portato avanti una teologia antitradizionalista, dubitando dell'esistenza dell'Inferno in quanto punizione non educativa e riproponendo una visione pessimistica della morte. Ha preso pubblicamente le distanze tanto dal disinteressamento nei confronti della religione quanto da movimenti come Comunione e Liberazione oppure Opus Dei.

In occasione dell'approvazione della Legge 194 che consentiva l'aborto procurato in Italia e del successivo referendum si schierò in modo apertissimo a favore dell'aborto, adducendo motivazioni legate ai principi evangelici.

Onorificenze e riconoscimentimodifica | modifica sorgente

Dama di gran croce dell'Ordine al merito della Repubblica italiana - nastrino per uniforme ordinaria Dama di gran croce dell'Ordine al merito della Repubblica italiana
— 6 dicembre 1995[3]
  • "Premio speciale Testimone del Tempo" assegnato dal Premio Acqui Storia
  • "Premio Matilde di Canossa" della Provincia di Reggio[4]
  • "Premio Minerva 1989" nella sezione "Ricerca scientifica e culturale"[5]
  • "Premio Igino Giordani 2002" del comune di Tivoli[6]

Con il suo volume Vita e morte senza miracoli di Celestino VI ha vinto, nel 2008, la quattordicesima edizione del "Premio Letterario Domenico Rea", nella sezione narrativa[7] e la quarta edizione del "Premio letterario Alessandro Tassoni", sempre per la sezione narrativa[8].

Bibliografiamodifica | modifica sorgente

  • Giorni feriali, IPL, Milano, 1953
  • L'ora di notte, SEI, Torino, 1960
  • La chiesa, nostra figlia, La Locusta, Vicenza, 1962
  • Impazienza di Adamo. Ontologia della sessualità, Borla, Torino, 1964;
  • Teologia del probabile, Borla, Torino, 1967;
  • Tu. Quasi preghiere, Gribaudi, 1973
  • È più facile che un cammello..., Gribaudi, 1975
  • Dodici Lune, Camunia, 1989
  • Figlio perduto. La parola che viene dal silenzio, La Piccola, 1991
  • Nostro Signore del deserto. Teologia e antropologia della preghiera, Cittadella, 1991
  • Quaestio 98. Nudi senza vergogna, Camunia, Milano, 1994
  • Dedicato a, Frontiera, 1998
  • Erba della mia erba. Resoconto di vita, Cittadella, 1998
  • Dio che viene. Il Natale e i nostri natali, La Piccola, 2007
  • Vita e morte senza miracoli di Celestino VI, Diabasis, 2008
  • Un eremo non è un guscio di lumaca, Einaudi, 2011
  • La gatta Arcibalda e altre storie. Riflessioni sugli animali e sulla natura, Graphe.it, 2011 ISBN 978-88-97010-08-1
  • Teologia del quotidiano, Einaudi, 2012
  • Quasi una preghiera, Einaudi 2012
  • Con quella luna negli occhi, Einaudi, 2014

Notemodifica | modifica sorgente

  1. ^ Radio 3 - Uomini e profeti
  2. ^ «Vorrei un papa laico» : Liberstef
  3. ^ Sito web del Quirinale: dettaglio decorato.
  4. ^ Matilde di Canossa, donna emiliana ed europea | Noi Donne .org
  5. ^ Premio Minerva 1989
  6. ^ Tivoli - Il Premio Igino Giordani ed il Movimento dei Focolari
  7. ^ http://www.ischia.tv/ultimora/2008/10/26/adriana-zarri-vince-la-14a-edizione-del-premio-letterario-domenico-rea/
  8. ^ Comunicati Stampa | premio alessandro tassoni

Collegamenti esternimodifica | modifica sorgente








Creative Commons License