Aeroporto di Reggio Emilia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Aeroporto di Reggio Emilia
Vista aerea dell'aeroporto, in basso a destra, delle Officine Reggiane (appena sopra) e di parte dell'abitato di Reggio nell'Emilia
Vista aerea dell'aeroporto, in basso a destra, delle Officine Reggiane (appena sopra) e di parte dell'abitato di Reggio nell'Emilia
IATA: ZRO – ICAO: LIDE
Descrizione
Nome impianto Aeroporto "Ferdinando Bonazzi"
Tipo civile
Esercente Aeroporto Reggio Emilia S.r.l.
Stato Italia Italia
Regione Emilia-Romagna Emilia-Romagna
Città Reggio Emilia-Stemma.png Reggio nell'Emilia
Posizione 1,5 km ad est del centro cittadino
Altitudine AMSL 47 m
Coordinate 44°41′56″N 10°39′45″E / 44.698889°N 10.6625°E44.698889; 10.6625Coordinate: 44°41′56″N 10°39′45″E / 44.698889°N 10.6625°E44.698889; 10.6625
Mappa di localizzazione
Mappa di localizzazione: Italia
LIDE
Sito web http://www.aeroportore.it
Piste
Orientamento (QFU) Lunghezza Superficie
11/29 1 212 m asfalto

Aeroporto di Reggio Emilia[1]

L'Aeroporto di Reggio Emilia[2] (IATA: ZROICAO: LIDE) è un aeroporto italiano situato a 1,5 km a est della città di Reggio nell'Emilia.

Dal 1997 è aperto al traffico commerciale, dopo essere stato la pista di prova per i prototipi delle Officine Meccaniche Reggiane fino alla Seconda guerra mondiale ed una pista da diporto nel secondo dopoguerra.

Storiamodifica | modifica sorgente

Le originimodifica | modifica sorgente

L'area dell'aeroporto di Reggio Emilia viene utilizzata dal 1916, anno in cui si insedia un ippodromo, le cui strisce erbose vengono utilizzate come piste per gli aerei della Caproni.

Con un DM del 12 novembre 1930 viene deciso di realizzare un aeroporto di fortuna per aerei, che trova attuazione solo dalla metà del decennio, quando inizia ad essere utilizzato come pista di collaudo per le Officine Reggiane poste nelle immediate vicinanze e acquistate nel 1935 dal Gruppo Caproni, che usarono ampiamente l'aeroporto per i test dei numerosi prototipi che produssero, a partire dal 1937, nella corsa agli armamenti che precedette la Seconda guerra mondiale.

La seconda guerra mondialemodifica | modifica sorgente

Durante il conflitto l'aeroporto svolge una molteplice funzione: oltre che come pista di collaudo viene utilizzato per l'addestramento dei piloti. Dal settembre 1942 inizia ad avere utilizzi di combattimento, seppur senza continuità, prima con i bombardieri Cant Z 1007-Bis, poi con aerei da caccia. In particolare dopo l'armistizio si insedia lo Jagdgeschwader 52 (JG 53) della Luftwaffe equipaggiato con i Messerschmitt Bf 109, e durante la tarda primavera-estate 1944 il 1º Gruppo caccia "Asso di bastoni" dell'Aeronautica Nazionale Repubblicana, comandato dal maggiore Adriano Visconti.

L'aeroporto viene quindi messo fuori uso dall'esercito tedesco nel settembre 1944, nel timore di un possibile sfondamento della Linea Gotica da parte degli Alleati.

Dal dopoguerra ai giorni nostrimodifica | modifica sorgente

Le strutture dell'aeroporto.

Nel dopoguerra l'aeroporto viene ricostruito ed adibito ad attività essenzialmente diportistiche.

Dal 19 maggio 1997 è stato aperto al traffico commerciale, sebbene non presenti tratte di rilievo. A causa di ciò, si trova periodicamente al centro di polemiche: pur essendo inserito in un territorio ricco di potenzialità e tradizioni storiche, l'aeroporto non è mai riuscito ad acquisire un peso rilevante nella rete infrastrutturale.

Nel maggio 2007, il Comune di Reggio Emilia ha dapprima deciso di porre in liquidazione la società che lo gestisce. In seguito si è invece fatta strada l'ipotesi della privatizzazione. Nel giugno 2008 la società gestrice dell'aeroporto ha quindi indetto un bando per la scelta di un socio privato, che acquisirebbe le quote societarie in mano ad enti pubblici.

I concertimodifica | modifica sorgente

Il principale motivo per cui l'aeroporto è noto è per avere ospitato concerti di dimensioni rilevanti:

Notemodifica | modifica sorgente

  1. ^ http://www.aeroportore.it/uploads/ADPDE1-1.pdf
  2. ^ AIP ITALIA - parte GEN2-4, www.enav.it. URL consultato il 15 settembre 2013.

Altri progettimodifica | modifica sorgente

Collegamenti esternimodifica | modifica sorgente








Creative Commons License