Agrate Brianza

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Agrate Brianza
comune
Agrate Brianza – Stemma Agrate Brianza – Bandiera
Villa Trivulzio a Omate
Villa Trivulzio a Omate
Dati amministrativi
Stato Italia Italia
Regione Regione-Lombardia-Stemma.svg Lombardia
Provincia Provincia di Monza e della Brianza-Stemma.png Monza e Brianza
Sindaco Ezio Colombo (Centro-Sinistra) dal 7/06/2009
Territorio
Coordinate 45°34′42″N 9°21′08″E / 45.578333°N 9.352222°E45.578333; 9.352222 (Agrate Brianza)Coordinate: 45°34′42″N 9°21′08″E / 45.578333°N 9.352222°E45.578333; 9.352222 (Agrate Brianza)
Altitudine 165 m s.l.m.
Superficie 11,29 km²
Abitanti 14 770[1] (31.12.2011)
Densità 1 308,24 ab./km²
Frazioni Omate
Comuni confinanti Burago di Molgora, Cavenago di Brianza, Cambiago (MI), Caponago, Carugate (MI), Concorezzo, Monza, Vimercate
Altre informazioni
Cod. postale 20864
Prefisso 039
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 108001
Cod. catastale A087
Targa MB
Cl. sismica zona 4 (sismicità molto bassa)
Cl. climatica zona D, 1 912 GG[2]
Nome abitanti agratesi
Patrono Sant' Eusebio
Giorno festivo prima domenica di ottobre
Localizzazione
Mappa di localizzazione: Italia
Agrate Brianza
Posizione del comune di Agrate Brianza nella provincia di Monza e della Brianza
Posizione del comune di Agrate Brianza nella provincia di Monza e della Brianza
Sito istituzionale

Agrate Brianza (Agrà in dialetto brianzolo[3], e semplicemente Agrate fino al 1862) è un comune di 14.770 abitanti della provincia di Monza e della Brianza. Attualmente il Comune è formato dall’unificazione (anno 1868) dei territori di Agrate e di Omate. Fa parte del territorio del Vimercatese.

Agrate si trova sul nodo che unisce la Tangenziale Est di Milano e l'autostrada A4 Torino-Trieste (la Serenissima): vi si trovano dunque due caselli a pochissimi chilometri di distanza.[4]

Etimologiamodifica | modifica sorgente

Il nome deriva da Agradate ed esistono diverse ipotesi che tentano di stabilirne la provenienza: secondo alcuni deriva dal nome latino di persona Acrius, secondo altri dal termine dialettale agher (acero). Altre ipotesi vogliono che derivi dal nome Acratus o Gratus con il suffisso -ate. La specifica Brianza è successiva. Agrate, chiamato in prima Gradi, fu detto anche Gratis, Grà, Grate, Gratum e finalmente Agrate.

Storia anticamodifica | modifica sorgente

Agrate vanta origini molto antiche: verso il 1879 si rinvennero fondazioni di indubbia origine romana, che, insieme con un’ara di granito, ora sostenente l’arcata di una porta di masseria, attestano l’esistenza di un vicus romano.

Verso la metà del sec. XIX, nel demolire un muro della casa parrocchiale di Agrate, fu scoperta una lapide con la seguente epigrafe cristiana risalente alla fine del V secolo (o all’inizio del seguente, poiché si accenna a un Boezio console, e Boezio fu console negli anni 487, 510, 522): Hic requiescit in Pace Primula quae vixit in seculo annus PL.M: XLV deposita sub V idus decembres Boetius vivo clariss.cos

Dell’aprile 745 è il testamento di Rottoperto "de vico Agrate" che costituisce un ospedale in Agrate per i poveri e per i pellegrini (Codex dipl. Lang., col.25, doc. XI). Nell’anno 835 Angilberto II, arcivescovo di Milano, nomina Gaudenzio abate di S.Ambrogio e tra i beni del monastero è ricordato Agrate, che viene chiamato Gratem. Nel XIII secolo Agrate doveva costituire un Comune rurale, se troviamo sotto la data dell'11 febbraio 1202 una transazione fra i consoli d’Agrate a nome del proprio Comune e la Canonica di Vimercate.

Agrate diede i natali a Gian Matteo Ferrario, medico della duchessa Bianca Maria Sforza e lettore nell’Università di Pavia e a Marco d'Agrate che fu l’autore della famosa statua di S. Bartolomeo scorticato che si trova nel Duomo di Milano.

Questa località, trovandosi in una posizione molto felice, si è arricchita nei secoli scorsi di belle ville, fra cui le più notevoli sono la Villa Fè, la Villa d’Adda, la Villa Corneliani e la Villa Trivulzio.

Evoluzione demograficamodifica | modifica sorgente

Abitanti censiti[5]


Etnie e minoranze stranieremodifica | modifica sorgente

Secondo i dati ISTAT al 31 dicembre 2009 la popolazione straniera residente era di 1.173 persone. Le nazionalità maggiormente rappresentate in base alla loro percentuale sul totale della popolazione residente erano:

Romania Romania 274 1,83%

Albania Albania 211 1,41%

Marocco Marocco 177 1,18%

Luoghi di interessemodifica | modifica sorgente

Chiesemodifica | modifica sorgente

Ad Agrate vi sono state diverse chiese: due erano dedicate a S.Martino, se non si deve incolpare d'errore Goffredo di Bussero, che lasciò scritto: "Grate, ecclesia S.Martini; iterum Grate Ecclesia Sancti Martini" Una di queste forse era nel villaggio, l'altra era campestre e di patronato del monastero di S.Dionigi di Milano: fu lasciata cadere in rovina nel 1570, come risulta dagli atti di una visita dell'Ordinario di Milano. Lo stesso Goffredo da Bussero menziona inoltre una chiesa dedicata a S.Eusebio, che oggi è la parrocchiale, e un'altra dedicata al martire S.Donnino. Altrettanto antiche la chiesa di S.Pietro e la chiesa di S.Maria. Con Bolla pontificia, il 22 marzo 1493 ebbe origine l’istituzione della Parrocchia d’Agrate. Dopo più di 1500 anni la Parrocchia di Sant'Eusebio in Agrate si è fusa con la parrocchia di San Zenone in Omate e la parrocchia di Santa Giuliana in Caponago per dare vita nel 2008 alla Comunità pastorale "Casa di Betania".

Parrocchiale di S.Eusebiomodifica | modifica sorgente

La Chiesa Parrocchiale dedicata a S.Eusebio di Agrate (costruita e ampliata due o tre volte) deve avere la sua origine nel secolo settimo o ottavo. È poi certo che Agrate, prima d'essere eletta Parrocchia, formava Parrocchia con la chiesa di S.Stefano di Vimercate già nel 754. L’attuale Chiesa è comunque il prodotto finale di lavori eseguiti nei primi decenni del Novecento. La prima pietra fu posta il 15 gennaio 1925, nel 1927 fu benedetto l’altare maggiore e nel 1934 avvenne la consacrazione.

Parrocchiale di S.Zenone (Omate)modifica | modifica sorgente

S.Maria Annunciatamodifica | modifica sorgente

Chiesa ad una navata, l’altare posto in fondo è sopraelevato di un gradino rispetto al piano della cappella. La struttura dell’edificio può far pensare ad epoche anteriori al Cinquecento.

S.Pietromodifica | modifica sorgente

Chiesa dell'ex oratorio femminile, ora Centro Parrocchiale, edificata nel 1200.

S.Luigimodifica | modifica sorgente

Chiesa dell'oratorio maschile, edificata nel 1954. Non più consacrata.

Ancilla Dominimodifica | modifica sorgente

Chiesa del convento delle suore, edificata nel 1960.

S.Annamodifica | modifica sorgente

Chiesa del quartiere della Cascina Morosina, edificata nel 1400.

S.Giovanni Battistamodifica | modifica sorgente

Chiesa del quartiere della Cascina Offelera, edificata nel 1954.

Parchimodifica | modifica sorgente

  • Parco Aldo Moro

Villemodifica | modifica sorgente

Villa Schira-Cornelianimodifica | modifica sorgente

Costruzione risalente al XVI – XVII secolo. Essa si differenzia dalle vecchie ville signorili del paese per la severa sobrietà della facciata, ornata comunque da un balconcino in ferro che è uno dei dettagli barocchetti dell’antico edificio. Il giardino interno, di forma rettangolare, con un grande gelso al centro, risale al Cìnquecento. Oggi è sede della biblioteca comunale.

Villa Trivulziomodifica | modifica sorgente

Nella frazione di Omate. Villa ottocentesca costituita da due corpi paralleli congiunti da un portico trasparente a sette arcate. La villa oggi appare molto diversa dal primitivo progetto dell’architetto Ruggeri. L’ampio parco, progettato in anni precedenti, fu in seguito trasformato in giardino paesaggistico. La villa apparteneva già nel Cinquecento alla nobile famiglia lombarda dei Trivulzio. Marc'Antonio dal Re illustra Villa Trivulzio con incisioni nell'opera "Ville di Delizia". Dopo diversi restauri (l'ultimo nel 2000) che le hanno restituito l'originaria bellezza, oggi la villa apre le sue sale per ospitare eventi esclusivi.

La vasca volanomodifica | modifica sorgente

La Vasca Volano

La vasca volano (40.000 m²) di Agrate è un impianto realizzato come parte della rete fognaria. Si trova nella zona sud del territorio comunale, in area industriale. È delimitata a nord dalla Strada Provinciale SP 121, a sud dal Canale Villoresi, a ovest dalla Strada Provinciale SP 121 e da una strada di collegamento Agrate – Carugate, a est da aree agricole e vivai. Venne realizzata come sfogo in caso di troppo pieno. Da alcuni anni non risulta più necessaria, le acque presenti sono quindi quasi esclusivamente di origine meteorica. Il territorio intorno è costituito da coltivi (cereali), prati e incolti. Fasce e chiazze ad arbusti e siepi risultano confinate lungo il lato occidentale della recinzione della vasca e, in parte, dal lato sud, lungo la strada che collega Agrate e Carugate. Il Canale Villoresi è bordato da una fascia alberata. Pur poco estese, tali fasce rivestono importanza: contribuiscono ad arricchire la biodiversità, così come una piccola altura, costituita da terra di riporto e posta a nord est della vasca. Alcuni settori dell'altura sono costituiti da vivai a piante d’alto fusto. Contigua alla zona, da cui è separata dal Canale Villoresi, è l’Oasi WWF di Carugate, area in parte boschiva, in parte a prato e arbusteti, e in parte bagnata da zone umide alimentate dallo stesso Canale. Nel settore nord est si trovano anche edifici e strutture di tipo industriale. La vasca presenta una profondità massima, in condizioni di piena, di 6 m. La superficie del bacino è posta a 8 m dal piano campagna. Le sponde risultano a forte pendenza. Lungo le sponde sono presenti strette fasce (al massimo 2–3 m) a vegetazione acquatica: Typha latifolia e Phragmites sp. Ad eccezione di plaghe molto strette (1–2 m di larghezza) collocate lungo la sponda meridionale e, in parte, occidentale, non sono presenti spiagge o ambienti di tipo simile lungo le sponde.

Sagre e appuntamentimodifica | modifica sorgente

  • Agrate Estate

Manifestazione-quadro che raccoglie gli eventi estivi organizzati da fine maggio ad agosto dal Comune e dalle associazioni locali

  • Stagione lirico-sinfonica

Giunta alla IV edizione, organizzata in collaborazione con le associazioni musicali locali, offre nel corso dell'anno quattro appuntamenti con proposte di musica classica eseguita da formazioni orchestrali, corali e da camera.

  • Festa Patronale della Madonna del Rosario

Prima domenica di ottobre. Varie iniziative culturali e ricreative.

  • Mercà d’Agrà

Prima domenica di ogni mese in piazza S. Paolo. Mercatino all’aperto di antiquariato, collezionismo, artigianato e oggettistica.

  • Palio degli asini

Prima domenica di giugno nella frazione di Omate, molto sentito dagli abitanti. Quattro contrade si sfidavano in una corsa sugli asini che percorrono le vie della frazione, e la gara è suddivisa in manche. Oggi la corsa non si svolge più, a causa delle possibili ferite agli animali durante la gara, ma rimane la festa.

  • Celtic Connection

Festival di musica celtica organizzato dal Comune in un fine settimana nel mese di luglio presso il parco Aldo Moro.

  • Falò di S. Antonio

Un sabato di gennaio nella frazione di Omate, viene bruciato un pupazzo simbolico a forma di Asino. Ogni anno il pupazzo è diverso, ispirandosi alla volte alla cultura contemporanea. In passato vi era la tradizione secondo cui a seconda della direzione in cui la testa dell'asino fosse caduta, la contrada in quella direzione era la favorita per il palio.

  • Parco In Vita

Festival di musica, danza e cultura organizzato sin dal 2001 presso il Parco Aldo Moro nel mese di giugno dal Centro Sulè[6] di Agrate Brianza.

Economiamodifica | modifica sorgente

La posizione geografica, che la rende di facile accesso quale crocevia di tutto il nord-est milanese, ha permesso l’espansione degli insediamenti produttivi e residenziali, cambiandone totalmente l’aspetto: sul suo territorio sono presenti, oltre ai grossi complessi industriali STAR e STMicroelectronics, numerosissime imprese artigiane e del terziario. Un altro polo di rilievo è il centro direzionale Colleoni, dove hanno sede decine di aziende della Brianza. Le attività agricole rimaste sono quelle specializzate del floro-vivaismo di Omate, vicino al torrente Molgora.

Agrate è uno dei comuni più ricchi d'Italia. Nel 2003 era il settimo in classifica generale, ma l'unico dei primi 15 ad avere più di 10 mila abitanti.

Persone legate ad Agrate Brianzamodifica | modifica sorgente

  • Marco d'Agrate È sua la statua più celebre del Duomo di Milano, il San Bartolomeo scorticato, con la pelle gettata come una stola sulle spalle e sul corpo. Lo scultore, con non troppa modestia, si firmò così: Non me Praxiteles, sed Marc'finxit Agrat (Non mi fece Prassitele, bensì Marco d'Agrate)
  • Clemente Vismara missionario del Pontificio Istituto Missioni Estere in Birmania). Ha lavorato 65 anni (1923-1988) nel "paese delle pagode", con un solo ritorno in Italia per malattia nel 1957. È morto il 15 giugno 1988 a Mong Ping. Nell'ottobre 1996 il cardinal Carlo Maria Martini ha aperto la sua causa di beatificazione conclusasi il giorno 26 giugno 2011. È ricordato dai cattolici come "il patriarca della Birmania".
  • Franco Mattavelli (Nato a Vimercate il 05/03/1946. Vivente e residente ad Agrate Brianza). Otorinolaringoiatra, Oncologo e Benefattore è parte attiva dell'Istituto Nazionale dei Tumori. Tra gli anni 1990 e 2000 è stato più volte eletto Sindaco di Agrate Brianza.
  • Mino Reitano (cantante) ha vissuto dagli anni settanta ad Agrate Brianza ed è morto qui il 27 gennaio 2009.
  • Alberto Porta, giornalista e intervistatore (con Paolo Beltramo) del motomondiale in onda su Italia 1.
  • Lucia Blini, conduttrice dello spazio riservato allo sport di Italia 1, conduce il quotidiano Studio Sport. È anche coordinatrice giornalistica di Controcampo e caposervizio della testata sportiva di Mediaset.
  • Luca Budel, giornalista sportivo.
  • Gianni Canova, critico cinematografico.
  • Vincenzo Venuto, biologo e conduttore televisivo di Missione Natura di La7.

Amministrazionemodifica | modifica sorgente

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
1995 1999 Franco Mattavelli centro-destra Sindaco [7]
1999 2004 Adriano Marcello Poletti lista civica "Insieme per Agrate" Sindaco [8]
2004 2009 Adriano Marcello Poletti centro-sinistra Sindaco
2009 in carica Ezio Colombo centro-sinistra Sindaco

Città gemellatemodifica | modifica sorgente

La città è gemellata con:

Notemodifica | modifica sorgente

  1. ^ ISTAT data warehouse
  2. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Ente per le Nuove Tecnologie, l'Energia e l'Ambiente, 1 marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012.
  3. ^ AA. VV., Dizionario di toponomastica. Storia e significato dei nomi geografici italiani, Milano, Garzanti, 1996, p. 11.
  4. ^ Per distinguere i due caselli, la barriera sulla tangenziale è chiamata Vimercate, pur essendo molti chilometri più a sud della località cui si fa riferimento. (vedi)
  5. ^ Statistiche I.Stat ISTAT  URL consultato in data 28-12-2012.
  6. ^ Centro Sulè
  7. ^ Fasce tricolori gia' assegnate anche in 99 piccoli centri
  8. ^ Gia' "incoronati" i vincitori in 93 piccoli centri

Voci correlatemodifica | modifica sorgente

Altri progettimodifica | modifica sorgente

Collegamenti esternimodifica | modifica sorgente








Creative Commons License