Ai confini della realtà (serie televisiva 1959)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ai confini della realtà
Twzone.jpg
La sigla della serie
Titolo originale The Twilight Zone
Paese Stati Uniti d'America
Anno 1959-1964
Formato serie TV
Genere fantascienza
Stagioni 5
Episodi 156
Durata Serie classica: 25 min. stag. 1, 2, 3, 5
50 min. stag.4
Lingua originale inglese
Caratteristiche tecniche
Aspect ratio 1.33 : 1
Colore bianco e nero colore dal 1964
Audio stereo
Crediti
Ideatore Rod Serling
Voci e personaggi
Doppiatori e personaggi
Musiche Bernard Herrmann (tema musicale della prima stagione e musica di repertorio), Jerry Goldsmith (musica di repertorio)
Produttore Rod Serling
Prima visione
Prima TV Stati Uniti d'America
Dal 2 ottobre 1959
Al 19 giugno 1964
Rete televisiva CBS
Prima TV in italiano (gratuita)
Dal 14 aprile 1962
Al
Rete televisiva RAI, Italia 1
Prima TV in italiano (pay TV)
Dal
Al
Rete televisiva Jimmy, Fantasy, Horror Channel

Ai confini della realtà (The Twilight Zone) è una serie televisiva di genere fantascientifico trasmessa in tre diversi periodi dalla televisione americana. La serie classica, creata da Rod Serling e che vide tra gli sceneggiatori Richard Matheson, Charles Beaumont e Ray Bradbury, andò in onda dal 1959 al 1964, la seconda serie fu trasmessa dal 1985 al 1989, e la terza è andata in onda tra il 2002 e il 2003.

Seppure considerata fantascientifica, la serie in realtà esplorò raramente i temi classici della fantascienza, focalizzandosi invece su storie incentrate sulle vite di normali persone che venivano radicalmente cambiate dall'incontro con l'"ignoto", con uno squarcio nella realtà che faceva diventare credibile anche l'impossibile.

Spesso, se non sempre con una morale finale, la serie contribuì a diffondere la fantascienza. Famosi i suoi switching endings, in cui la visuale dello spettatore veniva ribaltata con un colpo di scena finale che capovolgeva la prospettiva. Ogni episodio della serie originale era presentato da Serling, che introduceva lo spettatore nella vita di una persona che stava per cambiare per il suo ingresso nella zona "ai confini della realtà".

Il titolo originale della serie, The Twilight Zone, "La zona del crepuscolo", è un termine col quale in aviazione si indica il momento in cui, in fase di atterraggio di un aereo, la linea dell'orizzonte scompare sotto il velivolo, lasciando per un attimo il pilota senza riferimenti. Inoltre, tale titolo per molto tempo si attribuì alla caratteristica dell'ideatore Rod Serling che, soffrendo d'insonnia, sembrava fosse solito registrarsi (nella luce del crepuscolo, metaforicamente, quindi) le tracce di quelli che poi divenivano gli episodi della serie.[1]

Le stagionimodifica | modifica sorgente

La serie classica (1959-1964)modifica | modifica sorgente

Stagione Episodi Prima TV originale Prima TV Italia
Prima stagione 36 1959-1960 1962-1971
Seconda stagione 29 1960-1961 1963-1970
Terza stagione 37 1961-1962 anni ottanta
Quarta stagione 18 1963 1969
Quinta stagione 36 1963-1964

Prima stagionemodifica | modifica sorgente

Il 2 ottobre 1959 la serie iniziò sulla CBS, con l'episodio Where's everybody?. Accolta da ottime recensioni, la serie tuttavia non incontrò immediatamente il favore del pubblico, e rimase a rischio di chiusura anticipata, almeno fino a novembre, quando andò in onda uno degli episodi più amati di tutte le stagioni, Time enough at last, con Burgess Meredith nei panni dell'ultimo uomo rimasto sulla Terra dopo un disastro nucleare: amante dei libri, pensa che si consolerà con la lettura, ma rompe i suoi occhiali e non c'è proprio nessuno che glieli possa riparare.

Third from the Sun e People Are Alike All Over, due altri classici assoluti, giocati tutti sul ribaltamento di prospettiva finale, e The after hours, in cui la protagonista scopre di non essere ciò che pensava, furono gli altri episodi memorabili tra i 36 della prima stagione, che infine ottenne anche un grande successo di pubblico, oltre a numerosi premi della critica. Rod Serling, Richard Matheson e Charles Beaumont scrissero tutte le sceneggiature, tranne una, e si ripeterono negli anni seguenti, con 127 dei 156 episodi della serie classica.

Seconda stagionemodifica | modifica sorgente

L'arrivo di un nuovo sponsor, la Colgate-Palmolive, fu motivo di sollievo per i creatori della serie, soprattutto dopo che il nuovo direttore della CBS, James Aubrey, si era schierato contro il programma, minacciandone la chiusura perché troppo costoso.

Nonostante il clima di avversità in cui visse la serie, anche la seconda stagione produsse i suoi classici, tra i quali uno dei più famosi finali a sorpresa della storia del telefilm, l'episodio The eye of the beholder. Un giovanissimo William Shatner fu preda dell'euforia di conoscere il futuro in Nick of time, mentre Richard Matheson giocò ancora col cambio di prospettiva finale in The Invaders.

The Rip Van Winkle Caper fu uno dei classici episodi con morale finale, mentre in Will the real Martian please stand Up si ipotizzò la presenza di nuovi nemici per la Terra. Lo show ottenne nuovamente un grandissimo successo di critica, e fu confermato per la terza stagione.

Terza stagionemodifica | modifica sorgente

Il super lavoro delle stagioni precedenti portò Rod Serling a diminuire il suo intervento diretto nelle sceneggiature della terza stagione, comunque ricordata per alcuni classici, quali It's a good life, la storia di un bambino con tremendi poteri psichici che tiene in ostaggio dei suoi capricci un intero villaggio, e Kick the can, in cui un gioco da ragazzi, calciare la lattina, avrà poteri miracolosi su un gruppo di anziani: entrambi gli episodi sarebbero stati reinterpretati nel film omaggio alla serie del 1983, Ai confini della realtà.

Altri classici furono To serve man, in cui troppo tardi i protagonisti si accorgono che il significato letterale delle cose può essere pericoloso, The dummy, classica storia di un pupazzo che improvvisamente si anima, e Dead man's shoes, in cui delle scarpe rischiano di portare la persona che le ha trovate su un sentiero di morte. L'episodio numero 100 della serie, I sing the body electric fu firmato da Ray Bradbury.

Problemi di sponsor spostarono la quarta stagione dello show da settembre a gennaio, mentre la presenza di Serling diventò meno appariscente quando l'autore fu chiamato ad insegnare dall'università presso la quale si era laureato.

Quarta stagionemodifica | modifica sorgente

Già danneggiato dallo spostamento a gennaio, lo show ebbe altri problemi nella sua stagione più travagliata. Innanzitutto la decisione della CBS di portare la durata degli episodi a un'ora, che Serling e i suoi autori non condivisero, in quanto pensavano che l'efficacia delle storie si sarebbe "diluita", poi vari problemi di lavoro e personali che costrinsero alcuni autori ad allontanarsi dalla serie: Serling diviso tra il nuovo impiego di professore e il lavoro di produttore, Beaumont debilitato da una grave malattia, e il nuovo produttore Herbert Hirschman trasferito a un altro show.

Tra le note positive della stagione, la nuova sigla di apertura, girata proprio da Hirschman, che presentava una porta, un occhio, e una finestra i cui vetri si rompono, in un'ambientazione che richiamava le opere di René Magritte e sarebbe stata poi ripresa anche nel film dedicato alla serie; e almeno due dei diciotto episodi da ricordare, No time like the past, classico sul tema dei paradossi dei viaggi nel tempo, e He's alive, in cui il protagonista è un giovanissimo Dennis Hopper.

Al termine della stagione, fu presa la decisione di riportare il telefilm in autunno, e gli episodi alla loro durata originaria.

Quinta stagionemodifica | modifica sorgente

Malgrado il ritorno alla sua formula originaria, lo show era destinato a vivere la sua ultima stagione: il nuovo produttore, William Froug, ebbe vari scontri con i creativi, tanto da rinunciare a una sceneggiatura di Matheson, che poi sarebbe diventata un classico, The doll. Serling diminuì ulteriormente la propria presenza, anche perché stanco del super lavoro, e infine il network decise di cancellare lo show.

Ci fu una proposta di acquisizione da parte della ABC, ma Serling rifiutò di dare al programma la connotazione molto più "gotica" richiesta dalla rete. Nel corso dell'ultimo anno William Shatner fu protagonista di un altro classico assoluto, Incubo a 20.000 piedi, nei panni di un passeggero di un aereo che fa un incontro ravvicinato con un gremlin, Number 12 looks just like you denunciò i rischi dell'omologazione a un sistema totalitario, e in Night call un'anziana riceve una telefonata da molto lontano.

In questa ultima stagione, per problemi di sforamento del budget previsto, fu trasmesso l'unico episodio non prodotto appositamente per la serie, Un avvenimento sul ponte di Owl Creek, tratto da un celebre racconto di Ambrose Bierce, adattamento del cortometraggio francese La Rivière du hibou del regista Robert Enrico già vincitore della Palma d'oro al Festival di Cannes, e che successivamente si aggiudicò anche il Premio Oscar (1964).

Il 19 giugno 1964 andò in onda The Bewitchin' Pool, episodio numero 156 della serie, ultimo di quella che sarebbe diventata "la serie classica" dello show.

La nuova "Ai confini della realtà" (1985-1989)modifica | modifica sorgente

Stagione Episodi Prima TV USA Prima TV Italia
Prima stagione 59 1985-1986 1986-1987
Seconda stagione 21 1986-1987 1988
Terza stagione 30 1988-1989

Nonostante il progetto di iniziare una nuova stagione fosse in cantiere da tempo, la CBS non si decideva a dare il via libera alle riprese, ma il successo che stava incontrando la fantascienza presso il pubblico del cinema, soprattutto grazie alle opere di Steven Spielberg, molte delle quali prendevano degli spunti proprio dai temi classici del telefilm, convinse infine i dirigenti del network.

Il ritorno in tv della serie fu anticipato dal film del 1983 Ai confini della realtà, che vedeva tra gli autori proprio Spielberg.

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Ai confini della realtà (serie televisiva 1985).

Il secondo "revival" (2002-2003)modifica | modifica sorgente

Stagione Episodi Prima TV USA Prima TV Italia
Prima stagione 44 2002-2003

Dopo un tentativo fallito a causa dei bassi indici di ascolto di aggiornare il mito del telefilm fatto nel 1994 da Richard Matheson e dalla moglie di Serling, Carol, con due film per la tv tratti da una sceneggiatura di Serling e da una di Matheson che dovevano dare inizio alla serie Twilight Zone: Rod Serling's lost classics, fu la UPN a proporre la terza serie dello show. L'attore Forest Whitaker introduceva gli episodi, 44 trasmessi in coppia nelle 22 puntate di quella che fu l'unica stagione del "revival" della serie, cancellata per i bassi indici di ascolto.

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi The Twilight Zone (serie televisiva).

Gli omaggimodifica | modifica sorgente

La cultura popolare ha reso più volte omaggio alla serie e ai suoi episodi classici, con tutti i propri Media, dalla musica, alla televisione, al cinema, ai cartoni animati.

La musicamodifica | modifica sorgente

  • Il gruppo vocale dei Manhattan Transfer ha inciso nel 1979 il singolo Twilight Time, proposto poi dal vivo con particolari costumi ed effetti speciali. Anche gli olandesi Golden earring, nel 1983, hanno inciso un singolo dallo stesso titolo.
  • Il gruppo The number twelve looks just like you ha preso il nome dall'omonimo episodio della serie.
  • Twilight zone è anche un singolo degli Iron Maiden.
  • The Twilight Zone è un brano dei Rush incluso nell'album 2112, ispirato da due episodi della serie, "Will the Real Martian Please Stand Up?" e "Stopover in a Quiet Town". È stato il primo singolo tratto da 2112.
  • Il gruppo punk inglese Chaos U.K. inizia il brano "2010"(The Day They Made Contact) come l'intro della sigla di The Twilight Zone.
  • Il musicista italiano Paolo Catena (in arte Paul Chain) ha inciso un brano intitolato Ai confini della realtà, compreso nella compilation Not of This Earth.
  • I sing the body electric (titolo dell'episodio nr. 100) è anche il titolo di un album dei Weather Report (1972)

La televisionemodifica | modifica sorgente

  • I protagonisti del celebre show Saturday Night Live hanno più volte proposto parodie di episodi classici della serie.
  • In un episodio de L'albero delle mele, una delle ragazze protagoniste imita il modo di raccontare le storie di Rod Serling.
  • Un episodio di Sposati con figli termina con la sigla di chiusura della serie.
  • Un episodio di Una mamma per amica cita "The long morrow".
  • Lo show televisivo Avanzi prodotto dalla Rai aveva, nelle sue rubriche, uno spazio chiamato Ai confini della decenza in cui si parlava di strani eventi e ingiustizie nell'Italia degli anni Novanta. Un uomo abbastanza simile a Rod Serling introduceva gli episodi e, alla fine, partiva la musica della sigla iniziale seguita dal commento: "Incredibile, eppure reale; assurdo eppure possibile. Come definireste un fatto del genere nel vostro mondo? Qui da noi vogliamo chiamare questa storia... Ai confini della decenza!".

L'immagine di Serling è stata inserita in entrambe le sigle iniziali delle due serie di revival: in quella degli anni Ottanta, appare come immagine fantasma prima del titolo, mentre in quella degli anni Duemila è tra altre immagini che scorrono sullo schermo.

Il cinemamodifica | modifica sorgente

Oltre che nel film omonimo, anche in Ace Ventura: missione Africa c'è un omaggio alla serie, quando Jim Carrey dice di aver visto un mostro sull'ala dell'aereo, come nell'episodio classico Nightmare at 20.000 feet.

Anche nel film Madagascar c'è una citazione: nella scena in cui gli animali nativi dell'isola si riuniscono in un vecchio aereo per parlare dell'arrivo degli strani esseri (in realtà gli animali dello zoo di New York), ad un certo punto si crea un clima di terrore generale. Tutti gli animali scappano terrorizzati in tutte le direzioni. Ad un certo punto un animaletto prende un libro dal titolo "Servire i Lemuri" ed esclama: "È un ricettario!", proprio come la traduttrice del libro "Servire l'Uomo" dell'omonima puntata della serie degli anni sessanta.

I cartoni animatimodifica | modifica sorgente

Il mondo dei cartoni animati è quello che ha reso il maggior numero di omaggi alla serie, soprattutto grazie a Matt Groening e alle sue due serie di straordinario successo, I Simpson e Futurama. Nel cartone ambientato nella New York dell'anno 3000, c'è uno show chiamato The scary door, che gioca con i classici ribaltamenti di prospettiva della serie, portandone le conseguenze all'estremo, con personaggi che subiscono continuamente i colpi della sorte.

I Simpsons hanno reso vari omaggi alla serie, soprattutto negli episodi speciali di Halloween, La paura fa novanta. Tra gli episodi parodiati:

  • To Serve Man ("Hungry are the damned", La paura fa novanta I)
  • It's a good life ("The Bart Zone", La paura fa novanta II)
  • Living doll ("Clown without pity", La paura fa novanta III)
  • Nightmare at 20.000 feet ("Terror at 5½ feet", La paura fa novanta IV)
  • Little girl lost ("Homer3", La paura fa novanta VI)
  • The little people ("The genesis tub", La paura fa novanta VII)
  • A kind of a stopwatch ("Stop the World, I want to goof off", La paura fa novanta XIV)
  • The purple testament ("The Ned Zone", La paura fa novanta XV)

Anche nella serie I Griffin si ritrovano vari riferimenti allo show: in un episodio compare anche Serling, che viene interrotto mentre sta parlando sui titoli di coda da un colpo che riceve dal cane di famiglia, Brian. In un altro episodio, l'ultima cellula cerebrale rimasta al capofamiglia, Peter, interpreta il personaggio di Time enough at last, circondato di libri da leggere ma con gli occhiali che accidentalmente si rompono, lasciandolo senza quell'ultimo svago.

Anche Johnny Bravo si è trovato in tre episodi del suo cartone animato nella Zona dove le cose normali non accadono molto spesso. Anche in un episodio di The Garfield Show viene citata la zona garfield (garfield zone) chiara parodia di "the twilight zone",nome originale della serie.

I librimodifica | modifica sorgente

Nel suo saggio sull'orrore Danse macabre, Stephen King dedica un'intera sezione a parlare dell'amata prima serie di "Ai confini della realtà". Scrive King sulla famosa serie televisiva: "Di tutti i programmi di ispirazione drammatica mai trasmessi nelle Tv americane, è sicuramente quello che si presta con maggiore difficoltà a una classificazione. Non era un western o un poliziesco (anche se certi episodi erano girati nel West o trattavano di guardie e ladri); non era fantascienza (anche se la guida televisiva lo considerava tale); non era commedia (eppure certi episodi erano divertenti); non trattava dell'occulto (anche se c'erano spesso storie dell'occulto, girate nel singolare modo proprio del programma), non era una trasmissione sul soprannaturale".[2]

I videogiochimodifica | modifica sorgente

Nel videogioco Alan Wake vi si potranno accendere dei televisori sparsi in vari livelli dove in onda sarà trasmessa una serie tv chiamata "Night Springs". Si tratta di un evidente omaggio ad "Ai confini della realtà", con musica d'apertura molto simile, design del logo e con un conduttore, sosia di Rod Serling, che inizia e conclude gli episodi con una morale.

I fumettimodifica | modifica sorgente

Stati Unitimodifica | modifica sorgente

  • Negli Stati Uniti la Western Publishing pubblicò 4 fumetti dal titolo "Twilight Zone" tramite la casa editrice Dell Comics: il primo nel 1961, gli altri 3 nel 1962. I primi due albi facevano parte della serie antologica di lungo corso Four Color (erano numerati come 1173 e 1288[3]), gli altri due numerati ed editi in modo autonomo (maggio-luglio 1962 l'albo indicato come 01-860-207; agosto-ottobre, sempre del 1962, l'albo 12-860-210).
  • La Western ricominciò poi la serie con un nuovo numero 1 (novembre 1962), sotto la Gold Key[4]: questa serie durò 92 numeri, fino al 1982 (in verità il numero 91 uscì nel 1979, solo l'ultimo numero vide le stampe nel maggio del 1982). Le storie ebbero anche alcune ristampe (in Mystery Comics Digest): molti artisti celebri contribuirono alla serie, Dan Spiegle, Frank Thorne, Alex Toth, Joe Orlando, Jerry Robinson. Il numero 84 (giugno 1978) è il primo albo a fumetti pubblicato dallo sceneggiatore e disegnatore Frank Miller (Devil, Batman: Anno uno, Il ritorno del Cavaliere Oscuro, 300 e molte altre serie di successo).
  • Nel novembre 1990 una nuova serie venne pubblicata dalla NOW Comics, utilizzando come logo quella della nuova serie televisiva del 1985. Durò 9 numeri, fino all'ottobre 1991; il mese successivo uscì un nuovo numero 1 per un'altra serie, che durò 11 albi (fino a settembre 1992).

Italiamodifica | modifica sorgente

  • Nell'albo gigante n.4 (dicembre 1995) di Dylan Dog, "Cronache di straordinaria follia" e, più precisamente all'inizio della prima storia, si vede un uomo che si suicida perché aveva perso il significato comune delle parole, proprio come il protagonista di Wordplay.
  • Nell'albo n.76 (luglio 1988) di Martin Mystère, intitolato "Il Piccolo Popolo", viene rivissuta la scena del passeggero terrorizzato dal Gremlins e viene appositamente citata la serie televisiva.
  • La storia "Paperino Paperotto e il grande sonno" (scritta da Bruno Enna, e disegnata da Nicola Tosolini), pubblicata su Topolino nei nn. 2898 e seguenti (2011) ha come incipit la frase iniziale della serie trasportata nel mondo dei paperi e tutta la storia si incentra su situazioni già narrate o narrabili nella serie.

In Italiamodifica | modifica sorgente

Ai confini della realtà è andato parzialmente in onda nei canali RAI (a partire dal 14 aprile 1962), Italia 1, Jimmy, Fantasy, Horror Channel e su alcune emittenti locali.

Riguardo alla "serie classica", sono uscite (ma sono andate fuori catalogo) in italiano tutte e cinque le edizioni in DVD, nei cofanetti prodotti dalla Dall'Angelo Pictures e distribuiti dalla DNC, basati sulla "definitive edition" della versione americana: per la stessa casa di distribuzione è stato inoltre pubblicato il cofanetto "Ai confini della realtà - I tesori perduti", contenente lo speciale del 1994 "Twilight zone - Rod Serling's Lost Classics" e l'episodio della serie Westinghouse Desilu Playhouse intitolato "The Time Element", mai uscito in home video, che può essere considerato il vero pilot di Twilight Zone (andò in onda per la prima volta negli USA il 6 ottobre 1958) ed è inedito in Italia.

Notemodifica | modifica sorgente

  1. ^ Speciale Destinazione Serie - puntata n° 64, st. 1 - 18 luglio 2000 (Canal Jimmy)
  2. ^ S. King - Danse macabre, Ediz. Frassinelli 1981 (rist. 2000) pag. 253 - ISBN 88-7684-594-1
  3. ^ Official Overstreet - CBPG, Gemstone Publishing 2007
  4. ^ The Twilight Zone (1962-1982) su GCD

Collegamenti esternimodifica | modifica sorgente

Elenco delle serie televisive trasmesse in Italia: 0-9 | A | B | C | D | E | F | G | H | I | J | K | L | M | N | O | P | Q | R | S | T | U | V | W | X | Y | Z







Creative Commons License