Alain Krivine

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Alain Krivine

Alain Krivine (Parigi, 10 luglio 1941) è un politico francese.

Biografiamodifica | modifica sorgente

Figlio di una famiglia ucraina emigrata in Francia alla fine dell'Ottocento. Studia lettere a Parigi e diventa presto insegnante. Politicamente fin dal 1956 aderisce all'organizzazione giovanile del Partito Comunista Francese. Sostiene il Fronte di Liberazione Nazionale in occasione della Guerra d'Algeria. Nel 1966 viene espulso dal Partito Comunista Francese (PCF) per opposizione allo stalinismo, dopo aver aderito alla IV Internazionale e nello stesso anno fonda l'organizzazione giovanile dei JCR.

Intanto partecipa al movimento contro la Guerra del Vietnam e poi nel 1968 è tra i protagonisti del Maggio francese. Nel 1969 partecipa alla creazione della Lega Comunista, che lo candida alle Elezioni Presidenziali Francesi del 1969, dove ottiene l'1,1% dei voti. Nel 1973 il suo partito viene sciolto dalle autorità dopo alcuni scontri con movimenti di estrema destra. Ma presto verrà fondato un nuovo soggetto, il Fronte Comunista Rivoluzionario, che lo candida nuovamente come leader alle Elezioni Presidenziali Francesi del 1974 (ottenendo lo 0,37%).

Poco tempo dopo viene creata la Ligue communiste révolutionnaire, di cui Krivine entra subito a far parte degli organismi dirigenti, restandone membro fino ai giorni nostri. In occasione delle Elezioni europee del 1999 viene fatto un accordo elettorale tra Ligue communiste révolutionnaire (LCR) e Lutte Ouvriere, che consente a Krivine di essere eletto Europarlamentare, unitamente a Roseline Vachetta della LCR e ad Arlette Laguiller di LO. Krivine è stato uno dei tre portavoce nazionali della LCR, assieme a Olivier Besancenot ed a Roseline Vachetta; è stato uno dei sostenitori della nascita del Nuovo Partito Anticapitalista.

Altri progettimodifica | modifica sorgente

Controllo di autorità VIAF: 76317995 LCCN: nr89002126








Creative Commons License