Albrecht Thaer

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Albrecht Thaer

Albrecht Daniel Thaer (Celle, 14 maggio 1752[1]Wriezen, 26 ottobre 1828) è stato un agronomo tedesco molto rinomato in Germania e un sostenitore della teoria dell'importanza dell'humus per la nutrizione della pianta[2].

Il suo libro di quattro volumi (Principii dell'agricoltura razionale, 1809-1812) è stato tradotto in inglese molto tempo dopo la sua morte, nel 1844, ma le sue teorie erano largamente accettate nel corso di buona parte del XIX secolo[3].

Nel 1786 fondò una scuola a Celle, ora in Bassa Sassonia, che è stata successivamente a lui dedicata (Albrecht-Thaer-Schule). Ci sono due statue conosciute di Albrecht Thaer nel mondo: una a Berlino (in Schinkelplatz) e l'altra a Kadaň, Repubblica Ceca (davanti alla scuola di agricoltura).

Albrecht Thaer è stato considerato il più importante agronomo europeo nello scorcio tra il Settecento e l'Ottocento[4]: Thaer ha riassunto l'immenso lavoro delle decine di agronomi inglesi che nel corso del Settecento hanno proceduto a migliaia di esperienze interessanti, mirando a creare nuove rotazioni, ma senza riuscire mai a fondare una teoria razionale delle rotazioni, e ha creato la teoria che mancava, la teoria di cui, poi, saranno due agronomi inglesi, John Lawes ed Henry Gilbert, a sviluppare le conseguenze più significative, creando il sistema di congnizioni che è alla base dell'agricoltura moderna.

Casa di Albrecht Thaer a Celle

Così l'immensa biblioteca degli scrittori britannici del Settecento, John Mortimer, Francis Home, Jethro Tull, Arthur Young ed i loro epigoni trovano in Thaer la sintesi organica, la sintesi che saranno ancora agronomi inglesi a sviluppare fino alla conseguenze ultime. Sempre secondo tale giudizio Thaer grande sostenitore della rotazione agraria manca di percezione del futuro[5], forse, sul terreno della chimica, sul quale non capisce il ruolo chiave che la chimica assumerà[6], nel decennio successivi, per il progresso teorico e pratico dell'agricoltura e di cui la figura più nota è Justus von Liebig.

Statua di Albrecht Thaer a Celle

Tra i meriti di cui Thaer andava particolarmente fiero c'è quello di aver diffuso la coltivazione della patata in Germania, con accurati studi agronomici per adattare la coltivazione al clima tedesco, con un compito paragonabile a quello di Parmentier in Francia[7]

Notemodifica | modifica sorgente

  1. ^ Celle era la capitale del ducato di Braunschweig-Luneburg che era congiunto da stretti vincoli dinastici con il casato di Hannover, che era salita sul trono inglese.
  2. ^ Antonio Saltini Storia delle scienze agrarie Ed. Edagricole volII pag. 513 e seguenti
  3. ^ i rapporti tra il regno di Hannover e l'Inghilterra era all'epoca molto stretti, soprattutto a livello culturale Idem ibidem vol. II p. 515
  4. ^ Lo storico dell'agronomia Antonio Saltini ha dedicato circa cento pagine al Albrecht Thaer nella sua opera Storia delle scienze agrarie ed. Edagricola 1989 Bologna e ha paragonato il ruolo di Thaer nelle scienze agrarie a quella del conterraneo filosofo Kant nella storia della filosofia europea.
  5. ^ idem, ibidem vol II p. 594
  6. ^ Idem, ibidem vol III, pag.79
  7. ^ Idem, Ibidem, vol II p. 558

Bibliografiamodifica | modifica sorgente

  • Saltini Antonio, Storia delle scienze agrarie, vol. II, I secoli della rivoluzione agraria, Edagricole, Bologna 1987, pp. 513–594
  • Klemm Volker, Meyer Guenther, Albrecht Daniel Thaer. Pionier der Landwirtschaftswissenschaften in Deutschland, Saale, Halle 1968
  • Koerte W., Albrecht Thaer. Sein Leben, und Wirken als Arzt un Landwirt, 1839

Altri progettimodifica | modifica sorgente

Collegamenti esternimodifica | modifica sorgente

Controllo di autorità VIAF: 8180534 LCCN: n85283514








Creative Commons License