Aleksej Grigor'evič Bobrinskij

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Aleksey Grigorievich Bobrinsky)
Rangkronen-Fig. 18b.svg
Aleksej Grigor'evič Bobrinskij
Aleksej Grigor'evič Bobrinskij
Il conte Bobrinskij in un ritratto del 1800.
Conte
Stemma
In carica 12 novembre 1796 –
2 luglio 1813
Predecessore Titolo inesistente
Successore Aleksej Aleks'evič Bobrinskij
Trattamento Sua Eccellenza
Nascita Palazzo d'Inverno, Mosca, 22 aprile 1762
Morte Bogorodick, 2 luglio 1813
Dinastia Bobrinskij
Padre Grigorij Grigor'evič Orlov
Madre Caterina II di Russia
Consorte Anna di Ungern-Sternberg
Figli Marija
Aleksej
Pavel
Vasilij
Religione ortodossa

Aleksej Grigor'evič Bobrinskij (in russo: Алексей Григорьевич Бобринский[?]; Mosca, 22 aprile 1762Mosca, 2 luglio 1813) era figlio illegittimo del conte Grigorij Grigor'evič Orlov e della sua amante, la zarina Caterina II di Russia.

Biografiamodifica | modifica sorgente

I primi annimodifica | modifica sorgente

Aleksej Grigor'evič Bobrinskij infante, in un ritratto di Fëdor Rokotov.

Aleksej Grigor'evič Bobrinskij nacque a Mosca, nel Palazzo d'Inverno, e data la particolare condizione della sua nascita la madre, la zarina Caterina II lo affidò subito a Vasilij Grigor'evič Škurin, nella famiglia del quale venne allevato e dal 1774 venne riconosciuto pari con i figli dello stesso Škurin. Nel 1770 Aleksej venne inviato coi fratellastri a studiare all'estero, a Lipsia. Nel 1774 fece ritorno in Russia e dal 1775 venne ammesso alla corte della zarina la quale gli consegnò il titolo di conte Bobrinskij, nome derivato dal villaggio ove il piccolo crebbe (ora noto come Novomoskovsk), nella Gubernija di Tula.

Il bambino, secondo le testimonianze d'epoca, era di fisico debole, timido, mite ed obbediente, studioso (conosceva oltre al russo anche il francese ed il tedesco), ed era stato iniziato all'aritmetica ed alla geografia.

Dopo il suo ritorno in Russia, Aleksej Bobrinskij venne quindi collocato presso il corpo dei cadetti della capitale sotto la supervisione di un tutore. Nel 1782 ottenne la medaglia d'oro al valor militare e venne promosso al grado di tenente.

All'esteromodifica | modifica sorgente

Grazie alla sua ottima condotta d'esercito, assieme agli altri migliori studenti del suo corso, venne inviato in un viaggio d'istruzione che toccò tappe importanti in Russia come Jaroslavl', Novgorod, Ekaterinburg, Simbirsk, Astrachan', Kizlyar, Taganrog, Cherson, Kiev ed infine Varsavia da dove proseguì in un viaggio verso l'Europa toccando altre tappe rilevanti come Vienna, Venezia, Firenze, Roma, Napoli, Torino, Ginevra e poi Parigi ove giunse nella primavera del 1785.

Il giovane conte Bobrinskij in un ritratto di Carl-Ludwig Christinek del 1770

Il denaro necessario al suo sostentamento durante questo periodo di viaggi in Europa e Russia gli venne fornito dalla corte russa direttamente tramite Caterina II, la quale gli assegnò una rendita mensile di 3000 rubli, il che fu sovente motivo di discordia tra Bobrinskij ed i suoi compagni di viaggio.

Aleksej Bobrinskij decise di stabilirsi a Parigi e venne sostentato in questo dalla madre la quale oltre al denaro ricevuto ogni mese gli garantì la somma di 74.426 rubli. Nel 1787, il giovane decise di trasferirsi da Parigi a Londra, ove però rimase solo breve tempo sotto tutela dell'ambasciatore russo a Londra, il conte Voroncov il quale ebbe l'ordine nel 1788 di richiamare il giovane a tornare in patria a causa della sua condotta dissoluta. Aleksej sbarcò a Riga il 27 aprile 1788 accompagnato dall'ambasciatore.

Il rientro in patriamodifica | modifica sorgente

Aleksej, forse pentitosi del suo stile di vita oltremare, espresse il desiderio di entreare a far parte del servizio militare attivo a San Pietroburgo, largamente favorito anche in questo dalla presenza della madre, la quale lo assegnò alla città di Tallinn con però il permesso di fare ritorno frequentemente alla corte di San Pietroburgo. Il 18 giugno 1790 venne promosso brigadiere e venne assegnato al reggimento di guardie a cavallo locale. Durante gli ultimi anni di regno della madre, Aleksej rimase comunque a Tallinn ove ebbe modo di acquistare anche un castello nel 1794 presso la città lituana di Jur'eva, ove il 16 gennaio 1796 sposò la baronessa Anna di Ungern-Sternberg, la cui famiglia era proprietaria del castello di Kirn, non lontano dalla stessa Tallinn, ove Aleksej aveva incontrato la ragazza e dove spesso si recava in visita. Qui rimase sino alla morte della madre.

Sotto il governo di Paolo Imodifica | modifica sorgente

Dopo la morte della madre, benevolente verso il fratellastro, il nuovo zar Paolo I nominò Aleksej comandante del IV squadrone di guardie a cavallo e lo elevò al rango di conte dell'Impero di Russia, unitamente ad una casa che si trovava tra le proprietà del conte Orlov suo padre.

Il giorno dell'incoronazione dell'imperatore, il 5 aprile 1797 Aleksej Bobrinskij venne promosso maggior generale dell'esercito russo ed ottenne la medaglia di I classe dell'Ordine di Sant'Anna unitamente al governo della contea di Gdov consistente in 11 villaggi. Dopo la promozione a generale di cavalleria il 24 dicembre 1797, venne esonerato dal servizio attivo (2 settembre 1798) e decise di ritirarsi nella propria residenza per gran parte dell'anno, conducendo visite occasionali a San Pietroburgo.

Morì nel 1813 e venne sepolto nel villaggio di Bobrika nella tomba di famiglia ove il corpo, nonostante i saccheggi della rivoluzione, si trova ancora oggi. Il suo monumento è stato restaurato completamente nel 2003.

Onorificenzemodifica | modifica sorgente

Cavaliere di I classe dell'Ordine di Sant'Anna (Impero russo) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di I classe dell'Ordine di Sant'Anna (Impero russo)

Matrimonio e figlimodifica | modifica sorgente

Aleksej e Anna di Ungern-Sternberg ebbero i seguenti figli:

  • Aleksej Alekseevič (9 ottobre 1796 - 20 luglio 1797), morto infante
  • Marija Alekseevna (30 gennaio 1798 - 30 luglio 1835)
  • Aleksej Alekseevič (5 gennaio 1800 - 4 ottobre 1868)
  • Paul Alekseevič (27 novembre 1801 - 7 novembre 1830)
  • Vasilij Alekseevič (13 gennaio 1804 - 2 settembre 1874)

Collegamenti esternimodifica | modifica sorgente

biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie







Creative Commons License