Alessandra di Sassonia-Altenburg

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Principessa Alessandra
Principessa Alessandra
Granduchessa Alekandra Iosifovna di Russia
Nascita Altenburg, Sassonia-Altenburg, 8 luglio 1830
Morte San Pietroburgo. Impero russo, 6 luglio 1911
Luogo di sepoltura Cripta Granducale
Padre Giuseppe, Duca di Sassonia-Altenburg
Madre Amalia di Württemberg
Consorte di Granduca Konstantin Nikolaevič

Granduchessa Alessandra Iosifovna di Russia, nata Principessa Alessandra Federica Enrichetta di Sassonia-Altenburg (Altenburg, 8 luglio 1830San Pietroburgo, 6 luglio 1911), era la quinta figlia femmina di Giuseppe, Duca di Sassonia-Altenburg e della Duchessa Amalia di Württemberg..

Famiglia d'originemodifica | modifica sorgente

Suo padre era il duca Giuseppe di Sassonia-Altenburg, figlio del duca Federico di Sassonia-Hildburghausen (di Sassonia-Altenburg dal 1826) e della duchessa Carlotta di Meclemburgo-Strelitz; sua madre era la principessa Amalia di Württemberg, figlia del principe Ludovico Federico Alessandro di Württemberg e della duchessa Enrichetta di Nassau-Weilburg

Matrimoniomodifica | modifica sorgente

Konstantin Nikolaevič nel 1865

Nell'estate del 1846, incontro' il granduca Konstantin Nikolaevič di Russia, figlio dello zar Nicola I di Russia e della zarina Aleksandra Fёdorovna, nata Carlotta di Prussia, durante la sua visita Altenburg.

Costantino soggiornò per un paio di giorni al castello del padre di Alessandra. La sua visita era stato organizzato dalla zia di Alessandra, la granduchessa Elena Pavlovna, che era nato principessa di Württemberg. Elena e la madre di Alessandra erano entrambi discendenti di Federico II Eugenio, duca di Württemberg. Elena era sposata con il granduca Michail Pavlovič Romanov, fratello minore dello zar Nicola I. Elena Pavlovna era quindi zia di Costantino attraverso il suo matrimonio e zia di Alessandra per nascita. Elena aveva una forte influenza su Costantino, che ne ammirava l' intelligenza e le idee progressiste. Aveva interessi letterari ed musicali, fondò il Conservatorio di San Pietroburgo, e il giovane Costantino spesso trascorse del tempo a casa di Elena a San Pietroburgo.

Costantino era intellettuale e liberale, mentre Alessandra era conservatrice e piuttosto vivace. Anche se il loro temperamento era differente, entrambi avevano un interesse comune per la musica, e si divertivano a fare duetti al pianoforte. Costantino è stato affascinato dalla bellezza giovanile di Alessandra: era alta, snella e attraente. Si ne infatuò subito, ed era impaziente di sposarla "Non so cosa sta succedendo in me. È come se io fossi una persona completamente nuova. Solo il pensiero mi commuove, una sola immagine riempie i miei occhi:.. sempre e solo lei, il mio angelo, il mio universo. Credo di essermi davvero innamorato. Tuttavia, ciò che può significare? la conosco solo da poche ore e sono già sento la passione in me". Aveva solo sedici anni e Costantino diciannove, quando si fidanzò, ma dovettero aspettare due anni prima di potersi sposare.

Alessandra arrivò in Russia il 12 ottobre 1847, ed è stato accolto da molto clamore e feste popolari, con folle festanti lungo le strade e balconi. Nel mese di febbraio 1848, Alessandra si convertì all'ortodossia, prendendo il nome di granduchessa Alexandra Iosifovna.

Alexandra e Costantino si sono sposati nel Palazzo d'Inverno a San Pietroburgo, l' 11 settembre 1848. Costantino ricevette il Palazzo di Marmo di San Pietroburgo come regalo di nozze dei suoi genitori. Dal matrimonio nacquero:

Un anno dopo il loro matrimonio Costantino ereditò il palazzo di Pavlovsk, situato a 19 km a sud di San Pietroburgo, da suo zio il granduca Michael Pavlovič.

Crisi familiaremodifica | modifica sorgente

Costantino e Alessandra con i loro figli nel 1860.

Nel 1867, la figlia maggiore di Alexandra, Olga, sposò il re Giorgio I di Grecia. Aveva solo sedici anni, e Costantino era inizialmente riluttante che lei si sposasse così giovane. Nel mese di luglio 1868, nacque il primo figlio di Olga e venne chiamato Costantino in onore di suo nonno. L'inizio della famiglia della figlia ha coinciso con l'inizio della ripartizione del matrimonio dei suoi genitori.

Anche se aveva solo 40 anni, Costantino ne dimostrava di più a causa delle lotte e travagli del precedente decennio-navale e delle riforme giudiziarie e la liberazione dei servi. Dopo venti anni di matrimonio si era allontanato dalla moglie. Alessandra era conservatrice come il marito era liberale, e lei aveva imparato a preoccuparsi con la sua società e il misticismo. Presto, Costantino si rivolse altrove per l'intimità sessuale.

Alla fine del 1860, Costantino intraprese una relazione e concepì una figlia illegittima, Maria Condousso. Nel 1880, Marie è stato inviata in Grecia, poi servì come dama di compagnia alla sua sorellastra, la regina Olga e sposò un banchiere greco.

Poco dopo la nascita di Maria, Costantino inizio un nuova relazione. Intorno al 1868, iniziò una relazione con Vasil'evna Anna Kuznetsova, una giovane ballerina dal Conservatorio di San Pietroburgo. Lei era la figlia illegittima della ballerina Tatyana Markyanovna Kuznetsova e dell'attore Vasily Andreyevich Karatygin. Anna era vent' anni più giovane di Costantino e nel 1873 ha dato alla luce il primo di quattro figli. Gli comprò una grande, confortevole dacia nella sua tenuta di Pavlovsk. Con questo atto Costantino ha dato munizioni ai suoi nemici politici, e la società russa reagire allo scandalo, schierandosi con la moglie sofferente, Alexandra, che ha cercato di comportarsi con dignità.

Nel 1874, scoppiò un altro scandalo. Il figlio primogenito, il granduca Nikolay Konstantinovich, che aveva vissuto una vita dissipata e aveva idee rivoluzionarie, aveva rubato tre diamanti preziosi da un'icona nella camera da letto di Alexandra con l' aiutato dalla sua amante, una cortigiana americana. Venne riconosciuto colpevole, venne dichiarato pazzo e bandito per la vita in Asia centrale. Alexandra ha subito un altro duro colpo quando, nel 1879, il figlio più piccolo, Vjačeslav, morì improvvisamente per una emorragia cerebrale.

Ultimi anni e mortemodifica | modifica sorgente

Nel mese di giugno 1889, la diciottenne Alessandra di Grecia, nipote di Alexandra, arrivò in Russia per sposare il Granduca Paolo, fratello minore dello zar Alessandro III. Verso la fine delle celebrazioni nuziali, Costantino venne colpito da un ictus. Un altro ne seguì nel mese di agosto 1889, che non lo lasciò in grado di camminare o parlare.

Per i restanti tre anni della sua vita Costantino visse con la moglie nel suo palazzo di Pavlovsk. Egli si limitava a una sedia a rotelle, e Alexandra fece in modo che a egli gli fosse negato il contatto con la sua amante e figli illegittimi. Il nipote di Alexandra, Cristoforo di Grecia, scrisse nelle sue memorie che Costantino divenne così frustrato di essere sotto il controllo di Alexandra che egli un giorno l'afferrò per i capelli e la picchiò con il suo bastone".

Quando Costantino morì, nel gennaio del 1892, Alexandra permise alla sua amante di pregare al suo capezzale. Alexandra morì il 6 luglio 1911 e venne sepolta al fianco del marito nella Cattedrale di Pietro e Paolo.

Albero genealogicomodifica | modifica sorgente

Alessandra di Sassonia-Altenburg Padre:
Giuseppe di Sassonia-Altenburg
Nonno paterno:
Federico di Sassonia-Altenburg
Bisnonno paterno:
Ernesto Federico III di Sassonia-Hildburghausen
Trisnonno paterno:
Ernesto Federico II di Sassonia-Hildburghausen
Trisnonna paterna:
Carolina di Erbach-Fürstenau
Bisnonna paterna:
Ernestina Augusta di Sassonia-Weimar
Trisnonno paterno:
Ernesto Augusto I di Sassonia-Weimar
Trisnonna paterna:
Sofia Carlotta di Brandenburgo-Bayreuth
Nonna paterna:
Carlotta di Meclemburgo-Strelitz
Bisnonno paterno:
Carlo II di Meclemburgo-Strelitz
Trisnonno paterno:
Carlo Ludovico Federico di Meclemburgo-Strelitz
Trisnonna paterna:
Elisabetta Albertina di Sassonia-Hildburghausen
Bisnonna paterna:
Federica Carolina Luisa d'Assia-Darmstadt
Trisnonno paterno:
Giorgio Guglielmo d'Assia-Darmstadt
Trisnonna paterna:
Maria Luisa Albertina di Leiningen-Dagsburg-Falkenburg
Madre:
Amalia di Württemberg
Nonno materno:
Ludovico Federico Alessandro di Württemberg
Bisnonno materno:
Federico II Eugenio di Württemberg
Trisnonno materno:
Carlo I Alessandro di Württemberg
Trisnonna materna:
Maria Augusta di Thurn und Taxis
Bisnonna materna:
Federica Dorotea di Brandeburgo-Schwedt
Trisnonno materno:
Federico Guglielmo di Brandeburgo-Schwedt
Trisnonna materna:
Sofia Dorotea di Prussia
Nonna materna:
Enrichetta di Nassau-Weilburg
Bisnonno materno:
Carlo Cristiano di Nassau-Weilburg
Trisnonno materno:
Carlo Augusto di Nassau-Weilburg
Trisnonna materna:
Augusta Federica Guglielmina di Nassau-Idstein
Bisnonna materna:
Carolina d'Orange-Nassau
Trisnonno materno:
Guglielmo IV di Orange-Nassau
Trisnonna materna:
Anna di Hannover

Bibliografiamodifica | modifica sorgente

  • King, Greg, and Wilson, Penny. Gilded Prism. Eurohistory, 2006. ISBN 0-9771961-4-3
  • Zeepvat, Charlotte. Romanov Autumn. Sutton Publishing, 2000. ISBN 0-7509-2739-9
  • Kirill Vladimirovich, Grand Duke. My Life in Russia’s Service. London: Selwyn and Blount, 1939.

Altri progettimodifica | modifica sorgente

Controllo di autorità VIAF: 28551567 LCCN: n86059398








Creative Commons License