Alessandro D'Aste Ricci

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Alessandro D'Aste)
Alessandro d'Aste Ricci
Stemma del Regno d'Italia Parlamento del Regno d'Italia
Camera del Regno d'Italia
Alessandro d'Aste Ricci
Luogo nascita Albenga
Data nascita 6 luglio 1814
Luogo morte Genova
Data morte 15 febbraio 1881
Titolo di studio Accademia Navale
Professione Contrammiraglio
Legislatura VIII
Circoscrizione Albenga
Pagina istituzionale
Alessandro d'Aste Ricci
Dati militari
Paese servito Flag of Italy (1861-1946).svg Regno d'Italia
Forza armata Emblem of the Regia Marina.svg Regia Marina
Arma Marina
Anni di servizio 1830 - 1865
Grado Rank insignia of contrammiraglio of the Italian Navy.svg Contrammiraglio
Campagne Campagna in Adriatico 1848-1849, Campagna della Bassa Italia del 1860
Battaglie Assedio di Ancona e Assedio di Gaeta
Studi militari Scuola di Marina di Genova

senza fonte

voci di militari presenti su Wikipedia

Alessandro D'Aste (Albenga, 6 luglio 1814Genova, 15 febbraio 1881) è stato un ammiraglio e politico italiano.

Biografiamodifica | modifica sorgente

Allievo alla Regia Scuola Militare di Marina di Genova nel 1830, partecipò alla Campagna in Adriatico (1848-1849), con il grado di tenente di vascello, prima a bordo della corvetta a vela Aurora quindi con la fregata San Michele. Nel 1853, promosso capitano di corvetta, ebbe il comando della Reale Scuola di Marina di Genova. Dal 1856 al 1859 venne nominato capo missione, della commissione europea che aveva l'incarico di redigere le vertenze per la navigazione delle Bocche del Danubio.

Nella Campagna della Bassa Italia del 1860 come capitano di vascello di 2ª classe ebbe il comando della pirofregata Governolo che condusse all'attacco, insieme alla pirofregata a ruote Costituzione, dei forti di Ancona. Con l'ausilio delle fregate Vittorio Emanuele e Carlo Alberto, sopraggiunte in rinforzo, contribuì alla capitolazione della Piazza marittima, smantellandone le opere difensive e provocando l'esplosione della santabarbara. Per l'audacia dimostrata nell'occasione venne decorato di medaglia d'oro al valor militare a promosso capitano di vascello di 1ª Classe. La medaglia gli venne affidata con la citazione:

« Pel modo ardito e sotto ogni aspetto commendevole con cui si comportò nell'assedio di Ancona.[1] »

Sempre al comando della Governolo si segnalò anche nelle operazioni condotte dalla Squadra sarda nell'assedio di Gaeta (gennaio 1861).

Promosso contrammiraglio il 1º aprile 1861 fu nominato comandante del materiale del Dipartimento Meridionale, quindi, dal giugno 1863 all'ottobre 1865, fu membro del Consiglio dell'Ammiragliato, venendo collocato a riposo per infermità contratta in servizio in data 1º novembre 1865.

Deputato nel Collegio di Albenga per sei legislature, morì a Genova nel 1881.

Onorificenzemodifica | modifica sorgente

Medaglia d'oro al Valor Militare - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia d'oro al Valor Militare
Ufficiale dell'Ordine militare di Savoia - nastrino per uniforme ordinaria Ufficiale dell'Ordine militare di Savoia
Ufficiale della Legion d'onore della Repubblica Francese - nastrino per uniforme ordinaria Ufficiale della Legion d'onore della Repubblica Francese

Notemodifica | modifica sorgente

  1. ^ Marina Militare

Collegamenti esternimodifica | modifica sorgente








Creative Commons License