Alessandro Levi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Alessandro Levi (Venezia, 19 novembre 1881Berna, 6 settembre 1953) è stato un giurista e antifascista italiano.

Biografiamodifica | modifica sorgente

Di famiglia ebraica, figlio di Giacomo, direttore delle Assicurazioni Generali, e di Irene Levi Civita, sorella di Giacomo Levi-Civita, si laureò nel 1902 in Giurisprudenza nell’Università di Padova con una tesi su Delitto e pena nel pensiero dei Greci, pubblicata l'anno successivo a Torino dai Fratelli Bocca, e recensita su La Critica da Georges Sorel.

Di idee democratiche e socialiste, collaborò a Critica Sociale, e dopo l'avvento del fascismo, al gruppo di Giustizia e libertà.

Nel 1938, a seguito delle Leggi razziali fasciste, fu estromesso dall'insegnamento della Filosofia del diritto presso l'Università di Catania. Nel 1940 subì la condanna al confino e in seguito espatriò in Svizzera. Dopo la caduta del fascismo tornò a insegnare presso l'Università di Firenze. Fu membro dell'Accademia nazionale dei Lincei.

Opere principalimodifica | modifica sorgente

  • Delitto e pena nel pensiero dei greci, Torino, Fratelli Bocca, 1903
  • Sur le droit naturel dans la philosophie de Spencer, Geneve, H. Kundig, 1904
  • Quelques remarques sur la conception du droit naturel dans la philosophie de Vico, Heidelberg, Winter, 1908
  • La societe et l'ordre juridique, Paris, O. Doin et fils, 1911
  • Sul concetto di buona fede: appunti intorno ai limiti etici del diritto soggettivo, Genova, Angelo Fortunato Formiggini, 1912
  • Filosofia del diritto e tecnicismo giuridico, Bologna, Zanichelli, 1920
  • La filosofia politica di Giuseppe Mazzini, Bologna, Zanichelli, 1922
  • La filosofia del diritto nel momento presente della scienza e della vita sociale, Torino, UTET, 1922
  • Filippo Turati, Roma, Formiggini, 1924
  • Ricordi della vita e dei tempi di Ernesto Nathan, Firenze, F. Le Monnier, 1927
  • Il positivismo politico di Carlo Cattaneo, Bari, Laterza, 1928
  • Ricordi dei fratelli Rosselli, Firenze, La Nuova Italia, 1947
  • La filosofia critica come problematica del diritto, Milano, Giuffrè editore, 1951
  • Scritti minori, Padova, CEDAM, 1957
  • Teoria generale del diritto, Padova, CEDAM, 1967

Bibliografiamodifica | modifica sorgente

  • Guido Fassò, Il pensiero e l'opera di Alessandro Levi, Milano, Giuffré, 1953
  • Norberto Bobbio, Alessandro Levi, "Il giornale dell'Universita", 1-2 (1954)
  • Renato Treves, La rinascita del diritto naturale e l'insegnamento di Alessandro Levi, "Rivista di filosofia", v. 52, 1 (gen. 1961)
  • Giovanni Marino, La filosofia giuridica di Alessandro Levi tra positivismo e idealismo, Napoli, Jovene, 1976
  • Liliana Aloisi, Alessandro Levi: la crisi del "sottosuolo" positivistico, Napoli, Edizioni scientifiche italiane, 1982

Altri progettimodifica | modifica sorgente

Collegamenti esternimodifica | modifica sorgente








Creative Commons License