Alice Terry

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Alice Terry nel 1924

Alice Terry, nome d'arte di Alice Frances Taaffe (Vincennes, 29 luglio 1899Burbank, 22 dicembre 1987), è stata un'attrice statunitense, apparsa in circa 39 film tra il 1916 ed il 1933. Delle pellicole da lei interpretate (inclusi quattro cameo) diciannove sono andate perdute, mentre le altre sono conservate in alcune cineteche e collezioni private sparse in tutto il mondo.

Biografiamodifica | modifica sorgente

La sua famiglia, originaria dell'Indiana, si trasferì a Los Angeles nel 1914 quando Alice aveva quindici anni.

Dopo essere entrata nel mondo del cinema come comparsa, interpretò diversi ruoli (dalla contadina al soldato tedesco) tutti nella stessa pellicola, Civilization del 1916, diretto da Thomas H. Ince e Reginald Barker. Nonostante tutto il suo debutto passò inosservato e la sua carriera cinematografica non ebbe sbocchi fino a quando nel 1917 non fece il suo incontro con il regista di origini irlandesi Rex Ingram.

Dopo aver sposato Ingram il 5 novembre 1921, i due collaborarono nella celebre pellicola I quattro cavalieri dell'Apocalisse tratta dal romanzo di Vicente Blasco Ibañez. Nel film la Terry ebbe il suo primo ruolo da attrice protagonista al fianco di Rodolfo Valentino, che con questa pellicola vide consolidarsi la sua immagine di amante latino.

La sua carriera artistica venne ulteriormente valorizzata nel film Il prigioniero di Zenda del 1922, diretto sempre da suo marito Rex Ingram e al fianco della stella nascente Ramon Novarro, il quale divenne suo partner nel successivo Scaramouche del 1923 e in altre tre pellicole. Ingram accostò Novarro alla moglie Alice nel preciso intento di usurpare all'ormai affermato Valentino lo scettro di attore amante e rubacuori ma non ebbe fortuna.

Nel 1925 Ingram acquistò lo studio cinematografico Victorine Studios con sede a Nizza, dove si trasferì con la moglie nello stesso anno, i due realizzarono alcune pellicole per la Metro Goldwyn Mayer, facendo tappa in diverse parti d'Europa, tra le quali anche l'Italia. Fu qui che nel 1926 la Terry interpretò quello che ella stessa considerò il suo film preferito, Mare nostrum, al fianco di Antonio Moreno.

Nel 1927 la coppia Ingram-Terry realizzò un'altra importante pellicola del loro sodalizio artistico, The Garden of Allah, che verrà poi nuovamente interpretato da Marlene Dietrich nel 1930 in un celebre remake della pellicola. Dal 1930 Alice Terry decise di coadiuvare suo marito ed è accreditata come regista per la pellicola Baroud del 1932[1].

Con l'avvento del sonoro la casa di produzione dei due artisti finì in cattive acque fino a raggiungere il fallimento, costringendo i coniugi Ingram a fare ritorno in patria, dove Ingram morirà nel 1950 dopo essersi ritirato dal mondo del cinema insieme alla moglie. Nel 1951 la Columbia Pictures realizzò una pellicola celebrativa di Rodolfo Valentino dove si insinuava che tra i due ci fosse stata una relazione sentimentale, la Terry, indignata, citò in tribunale la casa cinematografica e vinse la causa intentata.

Morì nella casa che condivideva con sua sorella maggiore per uno pneuma e venne sepolta nel Valhalla Memorial Park Cemetery di Los Angeles.

Galleria di fotomodifica | modifica sorgente

Filmografiamodifica | modifica sorgente

Attricemodifica | modifica sorgente

Registamodifica | modifica sorgente

Notemodifica | modifica sorgente

  1. ^ Rex Ingram - Master of Silent Cinema, pag. 217

Bibliografiamodifica | modifica sorgente

  • Liam O'Leary Rex Ingram - Master of Silent Cinema, Le Giornate del Cinema muto, 1993 ISBN 88-86155-01-8

Altri progettimodifica | modifica sorgente

Collegamenti esternimodifica | modifica sorgente

Controllo di autorità VIAF: 34719476 LCCN: n85185283

Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Biografie







Creative Commons License