Alvin Burke jr.

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Alvin Burke)
Alvin Burke jr.
Fotografia di {{{nome}}}
Ring name Antonio Bank$/Banks
Montel Vontavious Porter (MVP)
Lord of War
Nazionalità Stati Uniti Stati Uniti
Nascita Liberty City
28 ottobre 1973
Residenza Miami
Altezza dichiarata 191 cm
Peso dichiarato 114 kg
Allenatore Soulman Alex G
Norman Smiley
Debutto 2002
Federazione TNA
Progetto Wrestling

Alvin Burke jr. (Liberty City, 28 ottobre 1973) è un wrestler statunitense. Attualmente è sotto contratto con la Total Nonstop Action Wrestling.

Gli inizimodifica | modifica sorgente

Burke entrò nel mondo del wrestling nel 2002, dopo aver scontato nove anni e mezzo di reclusione (contro una pena prevista di diciotto anni) per rapina a mano armata e rapimento.[1][2] Iniziò partecipando a diversi show nel circuito indipendente con il nome Antonio Bank$, prendendo inoltre parte a qualche pay-per-view settimanale della prima Total Nonstop Action.[3][4]

World Wrestling Entertainment (2005 - 2010) =modifica | modifica sorgente

Nel 2005, dopo aver preso parte ad alcuni house show ed aver combattuto alcuni dark match, Burke firmò un "contratto di sviluppo" con la World Wrestling Entertainment e fu mandato alla Deep South Wrestling.[5] Fu proprio nella DSW che iniziò a sviluppare la gimmick di Montel Vontavious Porter, un atleta orgoglioso, arrogante e pieno di sé.

United States e Tag Team Champion (2006 - 2007)modifica | modifica sorgente

MVP durante uno house show di SmackDown.
MVP mentre viene inseguito dai paparazzi.

Il primo angle portò MVP ad apparire più volte nel corso delle varie puntate di SmackDown!, circondato da donne e da bodyguard, per parlare con il GM Theodore Long del contratto che il suo agente stava negoziando con la federazione. Il personaggio di Porter è descritto come arrogante dai commentatori, giacché interrompe le conversazioni e le interviste per rispondere al cellulare e ammira i gioielli che indossa mentre la gente parla con lui. Quando firmò il contratto con SmackDown! un video fu trasmesso dal sito ufficiale della federazione[6].

Il suo debutto in un match avvenne nel corso del pay-per-view No Mercy 2006: dopo un ingresso sul ring in stile NFL, passando per un tunnerl e circondato da fuochi pirotecnici, sconfisse il jobber Marty Garner. Nel corso del match i commentatori Michael Cole e JBL criticarono la scelta dell'avversario, il quale sarebbe dovuto essere qualcuno "più competente"[7], e risero del suo costume definendolo "patetico", mentre i fan presenti all'evento lo presero in giro cantarono in coro "Power Ranger". In un'intervista a WWE.com dopo il match MVP si difese dicendo che non fu lui a scegliere l'avversario, non accettando le critiche mosse dai commentatori.

Nelle settimane successive a SmackDown! MVP chiese apertamente di poter sfidare un avversario più duro rispetto a quello di No Mercy per dimostrare le sue abilità; per tutta risposta, Porter si dovette trovare a fare i conti con Kane, al suo debutto a SmackDown! MVP fece qualunque cosa per rinviare il più possibile il match. Quando fu però costretto a lottare, portò a casa alcune vittorie (come uno Street Fight match ed uno Steel Cage match) prima di perdere in un Inferno match ad Armageddon 2006, dal quale uscì ferito con ustioni di primo grado (kayfabe); MVP fu tenuto lontano dai ring per qualche tempo.

Quando il feud con Kane finì, MVP ne iniziò un altro con lo United States Champion Chris Benoit. In preparazione al match con Benoit, MVP partecipò a SmackDown! presentando di volta in volta diversi "Campioni" da diverse parti del mondo, fornendo misure esagerate della loro altezza e del loro peso, e battendoli uno dopo l'altro in match "squash" (brevissimi e a senso unico)[8][9][10]. MVP non riuscì a battere Benoit né a WrestleMania 23, né nel rematch di Backlash 2007. A Judgment Day, Benoit mise nuovamente in palio lo U.S. Championship in un 2 Out of 3 Falls match; MVP riuscì a vincere il match (2 a 0 il risultato finale) e divenne per la prima volta U.S. Champion A Vengeance 2007 MVP ha difeso con successo il titolo degli Stati Uniti vincendo un match contro Ric Flair.

Cambi di roster (2007 - 2010)modifica | modifica sorgente

MVP durante la sua faida contro Matt Hardy.
MVP a un house of show.
MVP vs. Chris Masters a Tribute to Troops.

Intraprese quindi un faida contro Matt Hardy; tuttavia, in seguito alla diagnosi di problemi cardiaci ricevuta, fu costretto ad abbassare il ritmo; per permettere ciò, la WWE inserì altri personaggi nel feud: per il match di boxe che Hardy ed MVP avrebbero dovuto disputare a Saturday Night's Main Event si optò per la sostituzione di Burke con Evander Holyfield, mentre a SummerSlam 2007 il posto di Hardy nel Beer Drinking Contest fu preso da Stone Cold Steve Austin.

Nel corso della puntata di SmackDown! registrata il 28 agosto Porter ha lottato assieme ad Hardy in un match contro i WWE Tag Team Champions Deuce e Domino; Hardy ed MVP sono riusciti a batterli e a conquistare il titolo, nonostante fossero in palese competizione tra loro. Il duo si è confermato campione anche a Unforgiven, sconfiggendo nuovamente Deuce e Domino.

Durante la puntata di SmackDown! del 13 novembre MVP e Matt Hardy hanno perso il Tag Team Championship in favore di John Morrison e The Miz.

A Backlash 2008 MVP ha perso il titolo US in favore di Matt Hardy. A SummerSlam 2008 ha sconfitto Jeff Hardy utilizzando una nuova finisher, il Drive-By Kick. Ad Unforgiven prese parte alla WWE Championship Scramble di Smackdown, ma il vincitore fu Triple H. Da agosto 2008, MVP ha instaurato una deprecabile losing streak, perdendo contro tutti (perfino i jobber). La striscia di sconfitte è andata avanti fino al 16 gennaio 2009, quando a Smackdown è riuscito a sconfiggere Big Show in un Last Man Standing match grazie all'intervento di Triple H. Effettua dunque un Turn Face. Il 20 marzo 2009 in una puntata di Smackdown riconquista per la seconda volta il WWE United States Championship contro Shelton Benjamin. Fallisce nell'impresa di conquistare la valigetta al Money in The Bank a Wrestlemania 25.

Nel corso della WWE Draft Lottery, MVP passa a Raw con lo US Title, che difende con successo per l'ultima volta a SmackDown contro Dolph Ziggler. La sua prima difesa titolata a Raw l'ha visto prevalere su Matt Hardy, suo storico ex rivale. Il 1 giugno perde il suo titolo a vantaggio di Kofi Kingston. Entra poi in feud con Jack Swagger e riesce a batterlo a SummerSlam. Forma poi un'alleanza con Mark Henry e i due tentano di vincere gli Unified WWE Tag Team Championship di Chris Jericho e Big Show a Breaking Point. Nel PPV tuttavia i due non riescono a vincere i titoli.

Il 4 gennaio diventa numero 1 contender per lo US Title di The Miz. Il match si svolge alla Royal Rumble, dove però MVP non riesce a conquistare il titolo. La stessa storia si ripete nel PPV seguente Elimination Chamber mentre la sera successiva a Raw MVP e Mark Henry vengono sconfitti da Big Show e The Miz per i titoli di coppia. MVP si qualifica al money in the bank di Wrestlemania XXVI sconfiggendo Zack Ryder ma comunque non riesce a vincere. A Extreme Rules MVP & Mark Henry perdono un tag team Gauntlet match contro la Hart Dynasty; nel match erano coinvolti anche The Miz & Big Show e R-Truth & John Morrison.

MVP torna nel roster di SmackDown il 27 aprile 2010 durante la Supplemental Draft.

Nella puntata di Smackdown! avvenuta il 30/04/10 vince un incontro con Rey Mysterio contro CM Punk e Luke Gallows, finendo CM Punk con una nuova finisher, The 305. A Over The Limit 2010 sconfigge in un Dark match Chavo Guerrero. Il 1º giugno è stato annunciato come Pro del lottatore NxT Percy Watson. Nella puntata dello show azzurro del 5/7 sconfigge nuovamente Chavo Guerrero. A WWE Fatal Four Way perde un Dark match contro Zack Ryder. Inoltre in una puntata di Smackdown! perde l'opportunità di qualificarsi per il PPV Money in the Bank e la vittoria è a favore di Dolph Ziggler grazie all'intervento di Vickie Guerrero. Dopodiché MVP intraprende un Feud con Jack Swagger. Nella puntata dello Show Blue M.V.P. si fa squalificare (dando uno schiaffo a Swagger) in un match della stessa tipologia di quello nel quale Jack Swagger aveva conquistato per la prima volta il titolo di All American American: il match consisteva nel mandare cinque volte l'avversario al tappeto: se Swagger avesse vinto la settimana successiva avrebbe potuto dirigere lo Show di MVP, il "Vip Lounge". La settimana dopo interviene nel Vip Lounge diretto da Swagger con suo padre, dicendo che quello è il suo show e ci può fare quello che vuole, e dopo una breve scazzottata scaraventa Swagger fuori ring, eseguendo poi la Ballin Elbow sul padre di Swagger. Nella settimana seguente la Ballin Superstar viene sconfitto dall'Ankle Lock di Swagger. Nella puntata del 24/09/10 sconfigge il Campione Intercontinentale Dolph Ziggler(quest'ultimo ha abbandonato e quindi ha perso per Count Out). La settimana dopo affronta Ziggler in un incontro per il titolo Intercontinentale, ma questo match viene reso nullo dall'intervento del Nexus. Nella puntata di Smackdown! del 10/08/10 perde un incontro a favore di Ziggler grazie all'intervento di Kaitlyn. Nella puntata dopo viene sconfitto da Jack Swagger in un Match di qualificazione per il Team di Smackdown! per Bragging Rights 2010. A Bragging Rights 2010 vince un Dark match contro Chavo Guerrero. A Smackdown! del 05/11/10, si guadagna il posto di numero 1 Contender nella puntata successiva di Smackdown per l'Intercontinental Championship di Dolph Ziggler sconfiggendo Cody Rhodes & Drew McIntyre. Nella puntata dopo viene sconfitto da Ziggler. A Raw "Old School" nel match tra Alberto Del Rio & Sgt. Slaughter (vinto da Del Rio) interviene in soccorso del perdente perché Del Rio a fine Match continuava a massacrare l'Hall of Famer. Nella stessa serata viene ingaggiato nel Match di Survivor Series 2010 nel Team di Rey Mysterio contro il Team di Alberto Del Rio. Nella puntata dopo di Smackdown batte Drew McIntyre. A Survivor Series il Team Mysterio (Rey Mysterio, Big Show, Kofi Kingston, MVP e Chris Masters) sconfigge il Team Del Rio (Alberto Del Rio, Cody Rhodes, Drew McIntyre, Jack Swagger e Tyler Reks). Viene rilasciato dalla WWE il 2 dicembre 2010 su sua esplicita richiesta, perché desideroso di nuove esperienze internazionali. In particolare è possibile che faccia presto il suo esordio in Giappone. MVP potrebbe usare la gimmick attuale anche in altre federazioni, perché potrebbe avere lui stesso i diritti della sua gimmick.

New Japan Pro Wrestling (2011 - 2013)modifica | modifica sorgente

MVP in Giappone.

Nel mese di febbraio 2011 Burke firma un contratto di un anno con la federazione giapponese New Japan Pro Wrestling. Esordisce nella puntata del 20/02 in coppia con Nosawa affrontando Togi Makabe e Tomoaki Honma. Il 15 maggio 2011 Burke diventa il primo IWGP Intercontinental Champion della federazione. Perde il titolo contro Masato Tanaka. Dopo vari assalti a vari titoli MVP partecipa al PPV Wrestle Kingdom VI in Tokyo Dome sconfiggendo in coppia con Shelton Benjamin il team formato da Tanaka e Takahashi. La coppia si riunisce a Dominion 6.16, sconfiggendo Karl Anderson and Tama Tonga. A ottobre debutta a Wrestling Retribution Project.

Total Nonstop Action Wrestling (2014)modifica | modifica sorgente

Nella puntata della TNA del 30 Gennaio 2014, Dixie Carter, affida la federazione, ad un nuovo investitore. Questi si rivela poi essere MVP, che debutta così, nella federazione di Orlando, Florida

Vita privatamodifica | modifica sorgente

Il 10 agosto 2007 il sito ufficiale della WWE ha emesso un comunicato[11] nel quale dichiara che Alvin Burke jr. risulta affetto da una malformazione cardiaca nota come Sindrome di Wolf-Parkinson-White consistente nel battito del cuore accelerato; la scoperta è avvenuta durante i controlli di routine previsti per gli atleti nell'ambito del Wellness Program e risale a qualche mese prima. Il lottatore è ora costantemente monitorato e non è ancora chiaro quanto questa malattia inciderà sul suo impegno agonistico.

Burke ha molti tatuaggi: un ritratto di Malcolm X sul petto, uno di Tutankhamon sul bicipite sinistro, un Occhio di Horo sul retro del braccio sinistro ed una scritta con un piccolo anello sulla parte superiore destra della schiena.

Nel wrestlingmodifica | modifica sorgente

MVP mentre esegue la Playmaker.
Mosse finalimodifica | modifica sorgente
Mosse caratteristichemodifica | modifica sorgente
Musiche d'ingressomodifica | modifica sorgente
  • "I'm Comin'" by Silkk the Shocker (2006 - 2010)
  • "V.I.P. Ballin'" by Mickael, T-Pain, Cyclone and Baby Bash (5 novembre 2010 – 2013)
  • "Most Valiantly Person" by New Japan Pro Wrestling (NJPW)
  • "Return of the Ronin" by MVP (TNA) (30 Gennaio 2014–present)
Soprannomimodifica | modifica sorgente
  • "The Franchise Playa"
  • "Half Man, Half Amazing"
  • "The Ballin' Superstar"
  • "The Captain of the Team"
  • "The Man with 3 Halves"
  • "Mr. 305"

Condotta in Pay Per View WWEmodifica | modifica sorgente

2006modifica | modifica sorgente

2007modifica | modifica sorgente

2008modifica | modifica sorgente

2009modifica | modifica sorgente

2010modifica | modifica sorgente

Titoli e riconoscimentimodifica | modifica sorgente

Porter è lo United States Champion col regno più lungo nella WWE e il quarto più lungo di tutti.
Porter con le cinture degli Stati Uniti (spalla destra) e di Coppia.

Coastal Championship Wrestling

  • CCW Heavyweight Championship (1)

Future of Wrestling

  • FOW Tag Team Championship (1 - con Punisher)

New Japan Pro Wrestling

  • IWGP Intercontinental Championship (1)

Pro Wrestling Illustrated

  • 23º tra i 500 migliori wrestler singoli nella PWI 500 (2008)

World Wrestling Entertainment

Xtreme Wrestling Alliance

  • XWA Heavyweight Championship (2)

Notemodifica | modifica sorgente

  1. ^ Alan Wojcik interviews Antonio Banks. URL consultato il 21 dicembre 2006.
  2. ^ WWE wrestler making most of MVP opportunity. URL consultato il 6 maggio 2007.
  3. ^ TNA.com Xplosion results - 2003. URL consultato il 7 aprile 2007.
  4. ^ TNA.com iMPACT! results - 2004. URL consultato il 7 aprile 2007.
  5. ^ Obsessed with Wrestling profile. URL consultato il 7 aprile 2007.
  6. ^ Video della firma sul contratto di MVP
  7. ^ WWE.com No Mercy 2006 results. URL consultato il 7 aprile 2007.
  8. ^ Obsessed with Wrestling - SmackDown! results - 16 marzo 2007. URL consultato il 7 aprile 2007.
  9. ^ Obsessed with Wrestling - SmackDown! results - 23 marzo 2007. URL consultato il 7 aprile 2007.
  10. ^ Obsessed with Wrestling - SmackDown! results - 30 marzo 2007. URL consultato il 7 aprile 2007.
  11. ^ MVP's Most Valuable Program, WWE.com, 10 agosto 2007. URL consultato il 10 agosto 2007.

Altri progettimodifica | modifica sorgente

Collegamenti esternimodifica | modifica sorgente

wrestling Portale Wrestling: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di wrestling








Creative Commons License