Amara Lakhous

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Amara Lakhous (Algeri, 1970) è uno scrittore, giornalista e traduttore algerino. Vive e lavora a Roma dal 1995.

« Ero cittadino della lingua italiana. La lingua è come la madre. Ti ama perché sei figlio. Per imparare la lingua non sono necessari visti, passaporti, Schengen, permessi di soggiorno»
(Amara Lakhous[1])

Biografiamodifica | modifica sorgente

Si è laureato in filosofia all’Università di Algeri e in antropologia culturale all'Università La Sapienza di Roma. Ha lavorato sulla prima generazione dei musulmani arabi immigrati in Italia.

Nel 1994 ha lavorato come giornalista della radio nazionale algerina.

Dal 1995 lavora in Italia nel campo dell'immigrazione, svolgendo attività di mediatore culturale, interprete e traduttore.

Ha lavorato dal 2003 al 2006 come giornalista professionista all’agenzia di stampa Adnkronos International a Roma.

Nel 2006 ha vinto il premio Flaiano e il premio Racalmare–Leonardo Sciascia.

Operemodifica | modifica sorgente


Bibliografiamodifica | modifica sorgente

Piero Citati I narratori che scelgono l'italiano

Voci correlatemodifica | modifica sorgente

Notemodifica | modifica sorgente

  1. ^ Intervista di Silvana Mangione, 2008

Collegamenti esternimodifica | modifica sorgente








Creative Commons License