Andrea Celesti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Andrea Celesti (Venezia, 1637Toscolano, 1712) è stato un pittore italiano.

Biografiamodifica | modifica sorgente

Nato a Venezia nel 1637, secondo lo storico d’arte l’istriano Italo Sennio era figlio di Stefano Celesti[1], Andrea fu allievo di Matteo Ponzone e successivamente di Sebastiano Mazzoni.

È autore del Ritratto del doge Nicolò Sagredo, realizzato per la Sala dello Scrutinio di Palazzo Ducale nel 1676. Pochi anni fu insignito dal doge Alvise Contarini del titolo di cavaliere. Verso il 1684 fu tra gli autori delle decorazioni della chiesa di San Zaccaria, mentre nel 1687 divenne Priore del Collegio dei pittori veneziani. Dopo il ritorno a Venezia, dove nel 1700 apre una bottega, si iscrive alla Fraglia dei pittori veneziani nel 1708. Muore nel 1712.

Per la parrocchiale di Verolanuova verso il 1703 realizza, su commissione dei conti Gambara, la pala dell'altare maggiore raffigurante il martirio di S.Lorenzo, santo al quale è dedicata la chiesa. Per la stessa chiesa gli verranno commissionate, attorno al 1708, altre due grandissime tele per la cappella del Rosario. I temi affrontati dal pittore sono "la natività di Maria" e "l'Assunzione della Vergine". In questi tre dipinti è ben riconoscibile lo stile caratteristico del pittore, che immerge la scena in una lieve tenebrosità, arricchendola però con forti accenti luminosi. Successivamente anche la confraternita del SS Sacramento di Verolanuova decise di commissionare ad Andrea Celesti due grandi tele per la relativa cappella, completando così un progetto pittorico di notevoli dimensioni, ma la morte del pittore rese inattuabile il programma. La scelta cadde allora su Giambattista Tiepolo, che completò i due teleri verso il 1740.

Fu un pittore originale, grazie alla sua abilità di fondere stili e derivazioni varie, che gli consentì di oscillare tra la pittura dei tenebrosi e la luminosità veronesiana. Al perfezionismo e alla abbondanza decorativa predilesse l'espressione di delicatezze sensorie.[2]

Operemodifica | modifica sorgente

Notemodifica | modifica sorgente

  1. ^ Italo Sennio, La Chiesa e il Convento di S. Anna in Capodistria, Capodistria 1910.
  2. ^ "Le muse", De Agostini, Novara, 1965, Vol.III, pag.188

Bibliografiamodifica | modifica sorgente

  • G. Ericani, La Crocifissione di Piove di Sacco: una primizia di Andrea Celesti "tenebroso" e una singolare iconografia, in Omaggio secondo all'arte veneta nel ricordo di Rodolfo Pallucchini, Monfalcone 2000
  • I. Marelli, Andrea Celesti: 1637 – 1712. Un pittore sul lago di Garda, San Felice del Benaco 2000
  • G.M. Pilo, Andrea Celesti (Venezia 1637 – Toscolano [?] 1712), in Civiltà e cultura di villa tra '700 e '800 a Mirano e nella terraferma veneziana, catalogo a cura di M. Esposito, Venezia 2000
  • A. Spalenza, Nuovi documenti su Andrea Celesti a Toscolano, in "Civiltà bresciana", 9, 2000
  • " Andrea Celesti a Lonato " : I quaderni della fondazione Ugo Da Como, A.V. novembre 2006
  • " Andrea Celesti a Desenzano - Capolavori della chiesa di S. Maria Maddalena'", Acherdo edizioni 2009

Altri progettimodifica | modifica sorgente

Controllo di autorità VIAF: 37806148 LCCN: nr90012219








Creative Commons License