Anfield

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Anfield Road)

Coordinate: 53°25′50.95″N 2°57′38.98″W / 53.430819°N 2.960828°W53.430819; -2.960828

Anfield
View of inside Anfield Stadium from Anfield Road Stand.jpg
Informazioni
Ubicazione Anfield Road
Liverpool
L4 0TH
Telefono: 0151 263 2361
Fax: 0151 260 8813
Biglietteria: 0870 220 2345
Fax biglietteria: 0151 261 1416
Inghilterra Inghilterra
Inizio lavori 1884
Inaugurazione 1884
Struttura Cemento, rettangolare
Copertura Tutti i settori
Ristrutturazione 1973, 1992, 1994
Mat. del terreno Erba
Dim. del terreno 100 x 67 m (110 x 74 yds)
Proprietario Liverpool Liverpool
Uso e beneficiari
Calcio Liverpool Liverpool (1892-)
Everton Everton (1884-1892)
Capienza
Posti a sedere 45.362
 

Anfield è uno stadio calcistico di Liverpool (Regno Unito), sede delle partite interne della squadra di calcio del Liverpool.

Fortress Anfield (Fortezza Anfield), come viene anche chiamato lo stadio dai tifosi della squadra di casa, deve tale soprannome alla sua reputazione di campo difficilissimo per le squadre ospiti. Il tecnico Bill Shankly, che costruì le basi per il dominio nazionale ed europeo del Liverpool degli anni settanta e ottanta, fece apporre sul muro di spalletta della scalinata che conduce i giocatori sul campo di gioco una targa, con la scritta This Is Anfield (Questo è Anfield), «per ricordare ai nostri ragazzi per quale maglia giocano, e ai nostri avversari contro chi giocano». Molti, tra i giocatori del Liverpool, salendo le scale del campo di gioco toccano la targa in segno di buon augurio.

Dal 1957, quando furono installati i riflettori notturni, lo stadio può ospitare incontri serali. Il primo fu il derby Liverpool-Everton.

Storiamodifica | modifica sorgente

L'Evertonmodifica | modifica sorgente

Nel 1882 l'Everton, squadra anch’essa di Liverpool, fu obbligata per regolamento a dotarsi di un proprio impianto sportivo per le gare interne. La scelta cadde su un campo da gioco in affitto a Priory Road. Ma due anni dopo il contratto d'affitto non fu rinnovato e la squadra dovette cercare un altro stadio casalingo. John Houlding, un produttore di birra, convinse un suo amico birraio, John Orrell, a concedere al club l'uso di un terreno ad Anfield Road, non lontano da Stanley Park, il luogo dove l'Everton giocava le sue prime partite. Il 28 settembre 1884 si tenne ad Anfield Road il primo incontro, Everton - Earlstown 5-0. Negli otto anni successivi, Houlding investì denaro nel club e finanziò la costruzione di tribune e servizi per il campo di gioco, nonché un albergo in prossimità di esso. Si arrivò a 8.000 spettatori per gara e, quando nel 1888 nacque la Football League, della quale l'Everton fu socio fondatore, Houlding insistette perché i giocatori del club usassero i servizi del suo albergo per cambiarsi prima e dopo le gare e aumentò anche il tasso d'interesse dei suoi finanziamenti al club. A quel punto John Orrell minacciò la revoca del permesso di usufrutto del terreno a meno di radicali cambiamenti: Houlding propose la formazione di una società a responsabilità limitata per l'acquisto e la gestione del terreno (confinante con un fondo di sua proprietà e dal quale avrebbe voluto trarre profitto). Ma la proposta fu rifiutata e al club venne notificato lo sfratto decorrente dal termine della stagione. L'Everton decise di andarsene comunque e nel marzo 1892 trovò un terreno in vendita a Goodison Park, a circa un miglio di distanza dal vecchio impianto di Stanley Park, e lo acquistò per 8.000 sterline. Goodison Park è tuttora lo stadio di casa dell'Everton.

Il Liverpoolmodifica | modifica sorgente

Houlding non si perse d'animo, e fondò il Liverpool Association Football Club (presto trasformato semplicemente in Liverpool Football Club) nel marzo 1892. Il 1º settembre di quello stesso anno, mentre l'Everton giocava la sua prima partita a Goodison Park, il Liverpool faceva il suo esordio ad Anfield, un'amichevole contro il Rotherham Town, vinta 7-1. Ma, a fronte di un Goodison Park gremito di 10.000 spettatori, sugli spalti di Anfield vi era solo qualche centinaio di persone. Solo duecento spettatori o poco meno, infatti, assistettero al secondo match interno del Liverpool, un 8-1 contro l'Higher Walton in Lancashire League. Da quel momento, tuttavia, il Liverpool iniziò ad attrarre sempre più gente e già tremila spettatori videro il Liverpool battere lo Stockton il 10 settembre 1892 e andare in testa al campionato. Iniziò quindi la lunga rivalità tra Everton e Liverpool, che dura ancora ai giorni nostri.

I settorimodifica | modifica sorgente

La Kopmodifica | modifica sorgente

Dal 1906 una delle curve dello stadio è chiamata ufficialmente Spion Kop, dal nome di una collina nella regione sudafricana del Natal, luogo dell'omonima battaglia della seconda guerra Anglo-Boera. Tale battaglia vide una grave sconfitta con perdite da parte delle forze britanniche: molti dei caduti erano soldati provenienti da Liverpool e inquadrati nel reggimento di fanteria del Lancashire. La definizione viene ripresa per lo stadio del Liverpool da Ernest Edwards[1], cronista del Liverpool Post, che così ribattezza la nuova gradinata costruita sul lato di Walton Breck Road.

La tifoseria che occupa tale curva viene chiamata familiarmente The Kop. Anche altri stadi, come St. Andrews a Birmingham o Hillsborough a Sheffield, hanno una curva o una tribuna chiamata Kop. Nel suo periodo di massima capienza, la Kop poteva ospitare 28.000 spettatori ed era una delle tribune più capienti del mondo.

Secondo le note di colore della tifoseria locale, i tifosi della Kop possono «risucchiare la palla in rete» quando il Liverpool attacca verso la porta sotto tale curva, a sottolineare l'entusiasmo con il quale i fan sostengono senza sosta la loro squadra.

La capacità totale della Kop fu ridotta drasticamente a seguito dell'adozione delle misure di sicurezza istituite dopo la strage di Hillsborough del 1989, che provocò la morte di 96 persone. Nel 1994 Anfield divenne uno stadio con posti solo a sedere, e la capacità totale della curva si ridusse a circa 12.500 spettatori. Il 1º maggio 1994 resta così una data storica per la End, che vede per l'ultima volta un incontro dei Reds (Liverpool-Norwich 0-1); a fine incontro una festa celebrativa verrà scandita dall'entrata sul terreno di gioco di una serie di figure storiche del club, tra i quali gli ex-calciatori Kenny Dalglish e Kevin Keegan.

Gli altri settorimodifica | modifica sorgente

Vista dalla Anfield Road Stand durante Liverpool-Portsmouth del 13 ottobre 2006
  • Main Stand. La tribuna principale dello stadio, la prima a essere costruita. Ristrutturata completamente nel 1973 non ha subìto da allora sostanziali modifiche. Ospita circa 12.300 posti a sedere.
  • Centenary Stand. Conosciuta anche come Kemlyn Road Stand, dal nome della strada a fianco della quale si trovava, fu ricostruita nel 1992 in occasione del centenario del club, da cui il nome Tribuna del Centenario. A seguito della ricostruzione, tutte le case di Kemlyn Road furono distrutte e oggi la strada non esiste più. La capacità è di circa 11.800 posti a sedere.
  • Anfield Road Stand. La curva opposta alla Kop e ricostruita nel 1998. Essa include un settore riservato di 2.000 posti per i tifosi della squadra ospite. La capacità totale di tale curva è di poco più di 9.000 posti a sedere.

Monumenti e altre installazionimodifica | modifica sorgente

Nello stadio si trovano anche una targa commemorativa a ricordo dei 96 morti di Hillsborough e una statua di Bill Shankly, il tecnico che guidò il Liverpool tra il 1959 ed il 1974, riportandolo tra le grandi squadre dell'Inghilterra (3 campionati e 2 Coppe d’Inghilterra), oltre a vincere la Coppa Uefa nella stagione 1972/73. Anche uno degli ingressi dello stadio è intitolato a Bill Shankly, mentre l'ingresso opposto è intitolato al suo successore Bob Paisley, che portò i Reds alla vittoria della prima Coppa dei Campioni, nel 1977.

Problemi di espansione e necessità di un nuovo stadiomodifica | modifica sorgente

A causa di problemi nell'espansione dell'impianto oltre i suoi limiti fisici (come detto, fu necessario eliminare una strada laterale nel 1992 per allargare una tribuna) è prevedibile, nel medio periodo, un trasferimento del Liverpool verso un nuovo stadio, il cui piano, originariamente approvato nel febbraio del 2005, avrebbe dovuto essere sottoposto entro 12 mesi al consiglio municipale della città di Liverpool. Il piano è stato approvato dalla città l'11 aprile 2006 e attualmente il club sta intraprendendo una raccolta di finanziamenti per mettere insieme i 160 milioni di sterline necessari a costruire un nuovo stadio di 60.000 posti a sedere.

Quando si prospettò la necessità di dotarsi di un nuovo impianto più capiente, fu suggerito di costruire un nuovo stadio sull'area di Stanley Park, il primo campo da gioco di Liverpool, e di dividere il campo e la gestione delle spese con l'Everton, sul modello degli stadi italiani che ospitano due squadre della stessa città, ma l'idea non venne approvata dal consiglio d'amministrazione del Liverpool nel 2005.

Dati statisticimodifica | modifica sorgente

Record di presenzemodifica | modifica sorgente

2 febbraio 1952, quarto turno di Coppa d'Inghilterra, Liverpool - Wolverhampton: 61.905 spettatori.

Presenze medie in Premier Leaguemodifica | modifica sorgente

Incontri internazionalimodifica | modifica sorgente

Diverse partite tra squadre nazionali sono state disputate ad Anfield, ivi inclusi varî incontri casalinghi della nazionale gallese. Il primo incontro tra nazionali disputato sul terreno di Anfield fu il 2 marzo 1889, Inghilterra-Irlanda del Nord 6-1.
Mentre in occasione del campionato del mondo del 1966 fu Goodison Park la sede delle partite che si giocarono a Liverpool, nel campionato d'Europa per nazioni del 1996 fu Anfield a ospitare quattro incontri;

Il più recente match internazionale ospitato ad Anfield è stato Inghilterra-Uruguay 2-1, il 1º marzo 2006.

Notemodifica | modifica sorgente

  1. ^ La Kop, REDS. URL consultato il 3 aprile 2013.

Voci correlatemodifica | modifica sorgente

Altri progettimodifica | modifica sorgente

Collegamenti esternimodifica | modifica sorgente









Creative Commons License