Angelo Gigli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Angelo Gigli
Angelo Gigli.JPG
Dati biografici
Nazionalità Italia Italia
Altezza 209 cm
Peso 104 kg
Pallacanestro Basketball pictogram.svg
Dati agonistici
Ruolo Ala grande / centro
Squadra Pall. Reggiana Pall. Reggiana
Carriera
Giovanili

2002-2003
A.P.D. Vigna Pia Roma
Pall. Reggiana Pall. Reggiana
Squadre di club
2001-2002 Fortitudo Roma 1908
2003-2006 Pall. Reggiana Pall. Reggiana 123 (969)
2006-2008 Pall. Treviso Pall. Treviso 59 (348)
2008-2011 Virtus Roma Virtus Roma 71 (386)
2011-2013 Virtus Bologna Virtus Bologna 31 (289)
2013-2014 Olimpia Milano Olimpia Milano 7
2014- Pall. Reggiana Pall. Reggiana
Nazionale
2002
2005-
Italia Italia U-20
Italia Italia

84 (444)
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 3 maggio 2012

Angelo Gigli (Pietermaritzburg, 4 giugno 1983) è un cestista italiano. Alto 209 cm, gioca nel ruolo di ala grande, ma talvolta ricopre il ruolo di centro.

Gigli è nato in Sudafrica, dove la sua famiglia risiedeva per motivi di lavoro del padre. Quando aveva due anni la famiglia è rientrata in Italia e si è stabilita a Roma.

Carrieramodifica | modifica sorgente

Clubmodifica | modifica sorgente

Nato cestisticamente alla A.P.D. Vigna Pia Roma, andò alla Fortitudo Roma 1908, con la quale ha giocato in C1 nel 2001, esordendo così in una squadra professionistica.

In seguito passa alla Bipop Carire di Reggio Emilia, prima alle giovanili, dopo, nella stagione 2003-04, in prima squadra, dove è stato il giocatore rivelazione della Legadue. Ha esordito in Serie A nell'ottobre 2004, impressionando subito gli addetti ai lavori, tanto da essere notato addirittura da qualche scout NBA. Eccezionale fu la sua partita contro la Viola Reggio Calabria, in cui mise a segno 29 punti con 5 triple.

Si è dichiarato eleggibile per il Draft NBA del 2005[1], ma non essendo stato scelto ha deciso di restare, anche per la stagione 2005-06, alla Bipop Carire, dove si è confermato come ottimo giocatore.

Nel luglio 2006 ha firmato un contratto triennale con la Benetton Treviso. Nella sua prima stagione a Treviso ha collezionato 33 presenze in campionato con una media di 7,2 punti e 4,2 rimbalzi a partita e una notevole percentuale (44,6%) nel tiro da tre punti. Non ha potuto esordire nei playoff a causa della penalizzazione inflitta alla Benetton, in seguito al "caso Lorbek".

A Treviso ha avuto anche la possibilità di esordire in Eurolega dove ha avuto un bilancio di 7,1 punti in stagione regolare e 6,8 in Top 16. In entrambe le competizioni, è stato utilizzato da coach David Blatt 18 minuti a partita.

La stagione 2007-08 è stata negativa sia per la Benetton, che non riesce a raggiungere né i playoff né la qualificazione all'Eurolega, sia per Gigli, che a causa di alcuni acciacchi (tra i quali un serio infortunio al polso sinistro che lo costringerà all'operazione) non riesce a esprimere il suo reale valore.

Il 7 agosto 2008 sigla un contratto triennale con la squadra della sua città, la Lottomatica Roma. Dalla stagione 2011/2012 passa alla Virtus Bologna.

Il 5 agosto 2013 la Pallacanestro Olimpia Milano comunica la sottoscrizione di un contratto biennale con il giocatore.[2]

Il 13 febbraio 2014 viene ceduto in prestito alla Pallacanestro Reggiana dove torna ad indossare la "sua" maglia numero 6.

Nazionalemodifica | modifica sorgente

Dopo la stagione 2004-05, viene convocato da coach Carlo Recalcati all'Europeo 2005 di Serbia e Montenegro, dove non gioca particolarmente bene. Le sue prestazioni migliorano decisamente nel mondiale nipponico del 2006, dove però con la sua nazionale non riesce ad andare oltre agli ottavi di finale. Il 18 luglio 2007 si presenta a Bormio al raduno in vista degli Europei di Spagna: inizialmente è in dubbio per la convocazione, avendo come pari ruolo gente come Andrea Bargnani, Richard Mason Rocca, Denis Marconato, Giacomo Galanda e Andrea Crosariol, ma alla fine grazie alla sua costanza e al duro lavoro convince coach Recalcati a portarlo con sé, e sul campo è probabilmente il miglior giocatore azzurro in dell'europeo, mettendosi in mostra in particolare nella partita contro la Turchia, nella quale realizza 17 punti, 10 rimbalzi e 3 stoppate. Le sue prestazioni non bastano però a salvare gli azzurri dall'eliminazione, sia dai quarti di finale, sia dalle Olimpiadi 2008. L'Italia viene eliminata nello spareggio contro la Germania, ma anche in questa partita Gigli si mette in buona luce marcando egregiamente una delle migliori ali grandi del mondo, Dirk Nowitzki. Nell'estate 2012 disputa le partite del vittorioso girone di qualificazione all'Europeo 2013, torneo a cui non può prendere parte a causa di un infortunio al ginocchio.

Statistichemodifica | modifica sorgente

Cronologia presenze e punti in Nazionalemodifica | modifica sorgente

Palmarèsmodifica | modifica sorgente

Pall. Treviso: 2006
Pall. Treviso: 2007

Notemodifica | modifica sorgente

  1. ^ Prospect Profile, nba.com.
  2. ^ Un azzurro a Milano: Angelo Gigli. URL consultato il 5 agosto 2013.
  3. ^ Ufficio Stampa FIP, Italia-Repubblica Ceca 64-63. Esordio vincente per gli azzurri in FIP.it, 14 luglio 2009. URL consultato il 12 luglio 2010.
  4. ^ Ufficio Stampa FIP, Trofeo Gianatti – L’Italia batte la Svezia 85-49. Azzurri belli e concreti in FIP.it, 16 luglio 2009. URL consultato il 12 luglio 2010.
  5. ^ Ufficio Stampa FIP, Trofeo Gianatti. Italia-Repubblica Ceca 89-97. I cechi chiudono al primo posto in FIP.it, 18 luglio 2009. URL consultato il 12 luglio 2010.
  6. ^ Ufficio Stampa FIP, Trentino Cup. Italia-Canada 91-69 in FIP.it, 25 luglio 2009. URL consultato il 12 luglio 2010.
  7. ^ Ufficio Stampa FIP, Trentino Cup. Italia-Nuova Zelanda 88-70 in FIP.it, 26 luglio 2009. URL consultato il 12 luglio 2010.
  8. ^ Ufficio Stampa FIP, Trento. L'Italia batte il Portogallo 83-72 e si aggiudica la Trentino Cup in FIP.it, 27 luglio 2009. URL consultato il 12 luglio 2010.
  9. ^ Ufficio Stampa FIP, Italia-Canada 81-75. Una festa guastata da una rissa in FIP.it, 1° agosto 2009. URL consultato il 12 luglio 2010.
  10. ^ Ufficio Stampa FIP, Additional Qualifying Round. Italia-Francia 77-80 d1ts in FIP.it, 05 agosto 2009. URL consultato il 12 luglio 2010.
  11. ^ Ufficio Stampa FIP, Additional Qualifying Round. Finlandia-Italia 75-77 in FIP.it, 11 agosto 2009. URL consultato il 12 luglio 2010.
  12. ^ Ufficio Stampa FIP, Additional Qualifying Round. Francia-Italia 81-61 in FIP.it, 14 agosto 2009. URL consultato il 12 luglio 2010.
  13. ^ Ufficio Stampa FIP, Additional Qualifying Round. Italia-Finlandia 89-95 in FIP.it, 20 agosto 2009. URL consultato il 12 luglio 2010.
  14. ^ Ufficio Stampa FIP, Bormio. Trofeo Gianatti. Italia-Ungheria 88-46 in FIP.it, 09 luglio 2010. URL consultato il 10 luglio 2010.
  15. ^ Ufficio Stampa FIP, Bormio. L'Italia batte l'Iran 78-41 e si aggiudica il Trofeo GIanatti. in FIP.it, 11 luglio 2010. URL consultato il 12 luglio 2010.
  16. ^ Ufficio Stampa FIP, Trofeo Mandela Forum. Italia-Macedonia 83-60. Pianigiani: “Bene in attacco e in difesa. Siamo fiduciosi” in FIP.it, 16 luglio 2010. URL consultato il 20 luglio 2010.
  17. ^ Ufficio Stampa FIP, Trofeo Mandela Forum. Italia-Polonia 88-76. Pianigiani: “Questo è il modo in cui si cresce” in FIP.it, 17 luglio 2010. URL consultato il 20 luglio 2010.
  18. ^ Ufficio Stampa FIP, Trofeo Mandela Forum. Italia-Bulgaria 83-84. Pianigiani: “Complessivamente contento per la voglia dimostrata da questo gruppo” in FIP.it, 18 luglio 2010. URL consultato il 20 luglio 2010.

Collegamenti esternimodifica | modifica sorgente








Creative Commons License