Angiolino Gasparini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Angiolino Gasparini
Angiolino Gasparini (Inter).jpg
Gasparini con la maglia dell'Inter
Dati biografici
Nazionalità Italia Italia
Altezza 175 cm
Peso 70 kg
Calcio Football pictogram.svg
Dati agonistici
Ruolo Difensore
Carriera
Giovanili
Brescia Brescia
Squadre di club1
1969-1974 Brescia Brescia 138 (0)
1974-1975 Verona Verona 38 (0)
1975-1978 Inter Inter 68 (0)
1978-1983 Ascoli Ascoli 134 (1)
1983-1986 Monza Monza 93 (0)
1 Dati relativi al solo campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Angiolino Gasparini (Bedizzole, 22 marzo 1951) è un ex calciatore italiano, di ruolo stopper.

Carrieramodifica | modifica sorgente

Cresciuto nelle giovanili del Brescia, esordisce in prima squadra nella stagione 1969-1970, disputando tre incontri in Serie A (esordio il 5 aprile 1970 in occasione della sconfitta esterna contro la Juventus). A partire dalla stagione successiva si impone come titolare, disputando con le rondinelle 4 stagioni in Serie B. Nell'estate 1974 si trasferisce al Verona, dove con 38 presenze su 38 incontri è uno dei protagonisti della promozione dei veneti, ottenuta nello spareggio di Terni contro il Catanzaro, quindi si trasferisce all'Inter.

A Milano resta per tre stagioni, con la conqusita della Coppa Italia nella stagione 1977-1978, senza mai riuscirsi ad imporsi da titolare fisso (alternandosi successivamente con Mario Giubertoni, Viviano Guida e Nazzareno Canuti). Nel 1978 si trasferisce all'Ascoli, neopromosso in Serie A. Nelle Marche è protagonista dei migliori anni della formazione bianconera, culminati con il quinto posto finale della stagione 1979-1980, anno in cui scende in campo in tutti i 30 incontri di campionato.

Nella stagione 1980-1981 realizza anche, nella vittoria interna contro il Como,[1] quella che sarà la sua unica rete in massima serie. Nel 1983 si trasferisce al Monza dove disputa 3 stagioni in Serie B, chiuse con la retrocessione in Serie C1 della stagione 1985-1986. Coinvolto nello Scandalo del calcio italiano del 1986, viene squalificato per quattro mesi.

In carriera ha disputato complessivamente 205 presenze e una rete in Serie A e 266 presenze in Serie B. Il 29 luglio 1981, durante il ritiro estivo ai tempi dell'Ascoli, fu arrestato dalla polizia per detenzione di cocaina (possedeva 50 grammi). Il suo è stato il primo caso in Italia di giocatore fermato per cocaina.[2] Oggi collabora con la comunità di recupero tossicodipendenti Lautari.

Palmarèsmodifica | modifica sorgente

Inter: 1977-1978

Notemodifica | modifica sorgente

  1. ^ Dal sito dell'Istituto di Storia e Statistica del Calcio
  2. ^ Cocaina ? «Ne gira parecchia nel mondo del calcio» in www.violanews.com, 20 febbraio 2009. URL consultato il 14-07-2010.

Bibliografiamodifica | modifica sorgente








Creative Commons License