Annibale Brugnoli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Annibale Brugnoli (Perugia, 22 febbraio 1843Perugia, 11 dicembre 1915) è stato un pittore italiano.

Frequentò l'Accademia di Belle Arti di Perugia, avendo come maestro il pittore Silvestro Valeri. Si recò quindi a Napoli per perfezionarsi alla scuola di Domenico Morelli, dal quale ereditò uno spiccato gusto per il realismo. Si specializzò nelle arti decorative e fu uno dei più famosi decoratori della Roma umbertina. Dopo il buon successo all'Esposizione parigina del 1878 ricevette molte commissioni importanti, dalle decorazioni del teatro Lirico di Milano alla sala d'aspetto reale della Stazione Termini.[1]

A Roma decorò il Teatro Costanzi (poi dell'Opera). A Perugia lasciò notevoli affreschi a Palazzo Cesaroni (Danza delle Ore), Palazzo Graziani, Palazzo delle Poste e Villino Fani.

Ad Ussita nel 1913 decorò gli interni della cappella neogotica annessa all'Asilo Orfanotrofio e Scuola di Lavoro "Francesco Arsini" (attuale Casa di Accoglienza).

Nel 1999 gli è stata dedicata una grande monografia grazie all'interessamento della fondazione della Cassa di Risparmio di Perugia.

Notemodifica | modifica sorgente

  1. ^ Google Books.

Voci correlatemodifica | modifica sorgente

Bibliografiamodifica | modifica sorgente

  • Dizionario biografico degli italiani, XIV, Roma, Istituto dell'Enciclopedia italiana, 1972
  • Don Pietro Pirri,Ussita, Tipografia Poliglotta Vaticana, 1920







Creative Commons License