Antoine Kremer

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Antoine Kremer (Sarreguemines, 1951) è uno scienziato francese. Consegue nel 1976 presso l'ENITEF[1] una laurea in Ingegneria delle Tecniche Forestali e nel 1992 un dottorato in Genetica quantitativa nonché l'abilitazione a dirigere delle Ricerche. Nel 2003 diventa direttore dell'Unità Biodiversità, geni ed ecosistemi dell'INRA-Università di Bordeaux I.

Nel quadro del progetto europeo FAIROAK, Antoine Kremer si è distinto per l'importanza e l'originalità dei suoi lavori scientifici vertenti sulla diversità genetica e sulla ricostruzione della dinamica della ricolonizzazione delle querce d'Europa (Quercus robur e Quercus petraea) dalla fine dell'ultima Era glaciale 18000 anni fa ad oggi e tramite il campionamento sistematico di 2600 foreste di tutta Europa ha potuto realizzare una Banca dati dell'impronta genetica delle querce europee.

Riceve il 28 settembre 2006 da re Carlo XVI Gustavo di Svezia l'ambito premio Marcus Wallenberg[2].

Notemodifica | modifica sorgente

  1. ^ École Nationale des Ingénieurs des travaux des Eaux et Forêts.
  2. ^ (FR) Profilo di Antoine Kremer su INRA.fr. URL consultato il 07-07-09.

Collegamenti esternimodifica | modifica sorgente

biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie







Creative Commons License