Antonello Satta

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Antonello Satta

Antonello Satta (Gavoi, 19292003) è stato un giornalista e scrittore italiano.

Biografiamodifica | modifica sorgente

Dopo simpatie comuniste, entra nel movimento del neosardismo e collabora alla lotta per il bilinguismo. È stato direttore di numerose testate giornalistiche come Sardegna Oggi, Il Giornale e Nazione Sarda, nonché direttore editoriale della Jaca Book. Ha tradotto in italiano poeti rumeni contemporanei. Dal 1949 sui articoli sono comparsi su "L'Unità" e sulla "Nazione Sarda".

Negli anni Settanta fu con Eliseo Spiga il fondatore e l'organizzatore del circolo culturale Città-Campagna [1]

È sepolto a Gavoi e la sua tomba è stata realizzata da Pinuccio Sciola. A Satta ed al fratello Pietro, a lungo sindaco, è dedicata la biblioteca comunale di Gavoi.

Operemodifica | modifica sorgente

Satta con Mialinu Pira
  • Cronache del sottosuolo. La Barbagia, Jaca Book, Milano (1991)
  • (SC) Sa scomuniga de predi Antiogu arrettori de Masuddas: edizione critica, Edizioni Della Torre, 1983
  • Opere: "Politica e istituzioni" - Identità e sottosuolo" (a cura di Alberto Contu), Condaghes, 2009
  • Emilio Lussu e la cultura popolare della Sardegna: Convegno di Studio Nuoro 25-27 aprile 1980 Autori vari , ISRE, Regione Autonoma della Sardegna 1983 Nuoro
  • (SC) Istoria de Cantoni Buttu e de sos cantadores a ballu, Ed. Domus de Janas, 2005

Notemodifica | modifica sorgente

  1. ^ http://www.alpcub.com/eliseo_spiga.htm.

Collegamenti esternimodifica | modifica sorgente








Creative Commons License