Antonino Salinas

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Antonino Salinas

Antonino Salinas (Palermo, 19 novembre 1841Roma, 7 marzo 1914) è stato un numismatico e archeologo italiano.

Biografiamodifica | modifica sorgente

Fu educato già da giovane a severi metodi di ricerca scientifica ed ebbe la possibilità di completare la sua formazione all'Università di Berlino. Dopo aver viaggiato a lungo in Grecia tornò in Italia dove, nel 1865, fu nominato professore di Archeologia all'Università di Palermo. Nel 1867 divenne ordinario di Archeologia e nel 1873 divenne direttore del Museo Archeologico di Palermo. Nel testamento lasciò al museo la sua collezione privata, tra cui i molti libri e circa 6000 monete da lui raccolte.
Dal 1903 al 1904 è stato Rettore della Università di Palermo[1]. Fu tra i fondatori dell'Istituto italiano di numismatica e ne fu per un periodo il presidente. Partecipò agli scavi che si effettuavano in quel tempo in Sicilia come Mozia e Selinunte dove rinvenne quattro metope arcaiche, ora al Museo di Palermo.

Fu eletto socio nazionale dell'Accademia dei Lincei nel 1908[2].

A Salinas è intitolato il Museo Archeologico Regionale di Palermo.

Operemodifica | modifica sorgente

  • I monumenti sepolcrali scoperti presso la chiesa della Santa Trinità in Atene. Torino 1863.
  • Le monete delle antiche città di Sicilia. Palermo, 1870.
  • Del Museo nazionale di Palermo e del suo avvenire. Palermo, 1874.
  • Ricordi storici delle rivoluzioni siciliane del secolo XIX. Palermo, 1886.

Notemodifica | modifica sorgente

  1. ^ Annuario dei Rettori della Università di Palermo
  2. ^ Salìnas, Antonio, Enciclopedie on line, Istituto dell'Enciclopedia italiana Treccani

Altri progettimodifica | modifica sorgente

Collegamenti esternimodifica | modifica sorgente

Predecessore Rettore Università degli Studi di Palermo Successore Stemma Università Palermo.jpg
Adolfo Venturi 1903 - 1904 Luigi Manfredi

Controllo di autorità VIAF: 772505 LCCN: n96076361 SBN: IT\ICCU\CFIV\057725








Creative Commons License