Antonio López Nieto

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Antonio López Nieto (Málaga, 1958) è un arbitro di calcio spagnolo.

Debuttò giovanissimo nella Liga iberica nel 1988, e poco dopo venne promosso al rango di internazionale. Diresse ben tre finali di Coppa UEFA (nel 1995, la finale di andata Parma-Juventus; nel 1998, a Parigi, Inter-Lazio; nel 2000, a Copenaghen, Galatasaray-Arsenal).

Ha arbitrato nell'edizione del campionato europeo di calcio 1996 due partite, Rep. Ceca-Italia e il quarto di finale Francia-Olanda, in cui non concesse un calcio di rigore agli olandesi per un fallo di mano volontario di Marcel Desailly, concedendo soltanto un calcio di punizione al limite dell'area di rigore[1].

Vanta una sola presenza ai Mondiali di calcio, nel 2002, dove diresse Camerun-Germania, partita in cui stabilì il primato di ammonizioni in una sola gara per quella competizione (16), record poi eguagliato dal russo Valentin Ivanov ai Mondiali di calcio 2006 in Portogallo-Olanda.

Nel 1995 accusò i dirigenti della Dinamo Kiev di aver tentato di corromperlo prima del match di Coppa dei Campioni 1995-1996 contro il Panathinaikos, gara d'esordio del Gruppo A: per effetto di quella denuncia, l'UEFA decise di escludere per due anni la squadra ucraina dalle competizioni europee (in appello la squalifica venne ridotta ad un solo anno)[2].

Nel 2006, entrò in polemica con la Federazione iberica per il mancato pagamento di alcuni rimborsi agli arbitri di prima e seconda divisione, e come conseguenza il presidente degli arbitri spagnoli, Victoriano Sanchez Arminio, lo destituì dalla carica di membro della commissione designatrice della Liga.

Collegamenti esternimodifica | modifica sorgente

Notemodifica | modifica sorgente

  1. ^ Fischietto scandalo Rovinato l' Europeo
  2. ^ Dinamo Kiev espulsa per corruzione







Creative Commons License