Antonio Maria Jaci

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Antonio Maria Jaci (Napoli, 1739Messina, 5 febbraio 1815) è stato un matematico e astronomo italiano. Pur essendo nato a Napoli da padre napoletano, sua madre era messinese e di nome Flavia Ferrara. Rimasto orfano da bambino, venne accudito dallo zio materno Annibale. Studiò filosofia e scienze naturali e si laureò giovanissimo all'Università di Messina in matematica, fisica e medicina. Dal 1783 insegnò filosofia e matematica presso il Seminario Arcivescovile di Messina.

L'invenzione per la quale oggi è ricordato fu la meridiana centrale del Duomo di Messina, costruita nel 1802 e andata danneggiata nel terremoto del 1908 e poi definitivamente distrutta dalle bombe della II guerra mondiale del 13 giugno 1943.

La città di Messina gli ha intitolato l'Istituto Tecnico Commerciale e per il Turismo, sito in via Cesare Battisti. Probabilmente questo amore che la città gli riconosce è dovuto al fatto che egli non la volle mai abbandonare nonostante i numerosi inviti che ebbe da personalità illustri e rinomate accademie di scienze. «La terra che mi accolse infante e si ha avuta tutta la mia vita, si abbia ancor essa le mie ceneri.», ebbe a dire. Morì il 15 febbraio 1815 in povertà, fu sepolto ella Chiesa di Santa Maria di Porto Salvo, ma successivamente le sue spoglie sparirono in seguito ad una alluvione.

Voci correlatemodifica | modifica sorgente

Collegamenti esternimodifica | modifica sorgente








Creative Commons License