Antonio Messineo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Antonio Messineo (Bronte, 16 novembre 1897Roma, 1978) è stato un gesuita e scrittore italiano.

Biografiamodifica | modifica sorgente

Figlio di Francesco e Nunzia Bonsignore, raggiunse la redazione de La Civiltà Cattolica nel 1932, sotto la direzione del padre Enrico Rosa. Continuò a pubblicare sulla rivista gesuita fin quasi alla sua morte, avvenuta ad 81 anni.

Culturalmente improntato ad una concezione rigorosa e tradizionalista della Chiesa cattolica e del suo ruolo nella società, raggiunse l'apice della sua carriera negli anni del pontificato di Pio XII (1939-1958).

Celebri, in particolare, furono i suoi interventi nel secondo dopoguerra, in merito alla formazione dell'Assemblea Costituente italiana, gli scritti in favore di una visione delle relazioni internazionali di stampo universalista, al di là dei limiti della mera sovranità nazionale, e la sua diatriba con il filosofo francese Jacques Maritain, culminata in un suo articolo del 1956, in cui accusò il pensatore transalpino, padre del personalismo, di naturalismo.

Fontimodifica | modifica sorgente








Creative Commons License