Antonio Paravia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando altri significati del termine Paravia, vedi Paravia (disambigua).
sen. Antonio Paravia
Bandiera italiana
Parlamento italiano
Senato della Repubblica
Luogo nascita Gragnano
Data nascita 8 luglio 1951
Partito Popolo della Libertà
Legislatura XV; XVI
Gruppo Popolo della Libertà
Circoscrizione Campania
Incarichi parlamentari
  • Membro della 10ª Commissione permanente (Industria, commercio, turismo)
  • Membro della Commissione parlamentare di inchiesta sul fenomeno degli infortuni sul lavoro, con particolare riguardo alle cosiddette "morti bianche"

Antonio Paravia (Gragnano, 8 luglio 1951) è un politico e imprenditore italiano.

Assieme ad Angelo Maria Cicolani è stato il relatore di un emendamento al disegno di legge 999 (cd. «decreto Alitalia») dell'agosto 2008 che modifica l'articolo 7bis della legge 243/2004 (cd. «legge Marzano») in misura tale da rendere non più personalmente perseguibili i reati di bancarotta a meno del definitivo fallimento dell'azienda coinvolta. L'emendamento è stato fortemente criticato da alcuni organi di informazione (Report, La Repubblica) in quanto "cancellerebbe" i reati legati a grandi dissesti finanziari come quello di Parmalat, Cirio e Capitalia[1] e ha provocato la minaccia di dimissioni del ministro dell'economia Giulio Tremonti in caso di approvazione.[2]

Il 20 dicembre 2012 lascia il PdL insieme a Maria Alessandra Gallone, Pierfrancesco Gamba, Alessio Butti, Filippo Berselli, Achille Totaro, Fabrizio Di Stefano, Alfredo Mantica, Giuseppe Milone per dare vita al Senato al nuovo gruppo del partito del Centrodestra Nazionale formazione di cui è vicecapogruppo che raccoglie gli ex AN fondata dal Coordinatore nazionale del PdL ed ex Reggente di AN Ignazio La Russa.

Notemodifica | modifica sorgente

  1. ^ La Repubblica, Il governo salva Geronzi Tanzi e Cragnotti, 9 ottobre 2008.
  2. ^ La Repubblica, L'emendamento salva-manager sarà eliminato alla Camera, 9 ottobre 2008.
biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie







Creative Commons License