Arco di Marco Aurelio (Roma)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Arco di Marco Aurelio
(e Faustina minore)
Uno dei dodici rilievi che componevano l'arco di triofo di Marco Aurelio a Roma
Uno dei dodici rilievi che componevano l'arco di triofo di Marco Aurelio a Roma
Civiltà romana
Utilizzo Tempio
Stile antonino
Epoca II secolo
Localizzazione
Stato Italia Italia
Comune Roma
Amministrazione
Patrimonio Centro storico di Roma
Visitabile no

L'arco di Marco Aurelio (in latino Arcus Marci Antonini), era un arco trionfale romano ubicato a Roma, probabilmente nella regione del Campo Marzio, nei pressi dell'attuale Piazza Colonna e della Colonna di Marco Aurelio.

Storiamodifica | modifica sorgente

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Dinastia degli Antonini e guerre marcomanniche.

L'arco, dedicato dal Senato romano all'imperatore romano Marco Aurelio, è noto grazie a fonti letterarie e un'iscrizione.[1] Fu inaugurato durante la prima fase delle guerre marcomanniche (tra il 173 ed il 176), che si concluse con il trionfo dell'"imperatore filosofo" e del figlio Commodo sulle genti germaniche e sarmatiche (dicembre del 176).[2]

Topografiamodifica | modifica sorgente

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Campo Marzio.

L'esistenza di un arco dedicato all'imperatore Marco Aurelio è ipotizzata sulla base di un ciclo di dodici rilievi (otto reimpiegati sull'arco di Costantino, tre conservati nel Palazzo dei Conservatori dei Musei Capitolini e un ultimo, scomparso, di cui resta un frammento oggi a Copenaghen). I rilievi, scolpiti in due riprese, nel 173 e nel 176 erano stati attribuiti ad un arcus aureus o arcus Panis Aurei in Capitolio citato dalle fonti medioevali e che sorgeva sulle pendici del Campidoglio, all'incrocio tra la via Lata e il clivus Argentarius, non lontano dalla chiesa dei Santi Luca e Martina, dove i tre rilievi dei Musei Capitolini erano stati riutilizzati.[3] Un altro possibile sito dove potrebbe essere sorto quest'arco è nei pressi della colonna di Marco Aurelio quale entrata monumentale al porticato circostante il monumento "colchide" e ad un tempio dedicato allo stesso imperatore ed alla moglie Faustina minore.[4]

Caratteristichemodifica | modifica sorgente

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Arte dei primi Antonini.

L'esistenza di un arco dedicato all'imperatore Marco Aurelio è ipotizzata sulla base di un ciclo di dodici rilievi (otto reimpiegati sull'arco di Costantino, tre conservati nel Palazzo dei Conservatori dei Musei Capitolini e un ultimo, scomparso, di cui resta un frammento oggi a Copenaghen).

In ogni caso il medesimo soggetto dei 12 pannelli, che raccontano le imprese militari di Marco Aurelio durante le guerre marcomanniche e la presenza fissa, alle spalle dell'imperatore, di un personaggio indicato come il genero e, per un certo periodo, successore in pectore di Marco Aurelio, Tiberio Claudio Pompeiano, fa propendere per un'origine comune dei rilievi[5].

Notemodifica | modifica sorgente

  1. ^ CIL VI, 1014.
  2. ^ Historia AugustaCommodus, 12.5; Historia AugustaMarcus Aurelius, 16.1-2 e 17.3.
  3. ^ Samuel Ball Platner (completato e rivisto da Thomas Ashby), A Topographical Dictionary of Ancient Rome, Ed. Oxford University Press, London 1929, pp. 33-47.
  4. ^ F.Coarelli, La colonna di Marco Aurelio, Roma, 2008, p.42-44.
  5. ^ Bianchi Bandinelli - Torelli, cit., Arte romana scheda 142.

Bibliografiamodifica | modifica sorgente

Fonti primarie
Fonti sotriografiche moderne
  • Carlo Buzzetti (1985), Bullettino della Commisssione archeologica comunale di Roma 90: pp. 378-381.
  • Filippo Coarelli, La colonna di Marco Aurelio, traduzione in inglese di Helen L. Patterson, Roma, Colombo, 2008. ISBN 88-86359-97-7.
  • Filippo Coarelli, Guida archeologica di Roma, Roma-Bari, Laterza, 2012. ISBN 978-88-420-8589-8.
  • Francesca De Caprariis, s.v. Divi Marci, Templum, in Lexicon topographicum urbis Romae vol. xx, pp. xx.
  • Eugenio La Rocca, Claudio Parisi Presicce e Annalisa Lo Monaco (a cura di), L'età dell'equilibrio, 98-180 d.C.: Traiano, Adriano, Antonino Pio, Marco Aurelio, Roma, Musei Capitolini, MondoMostre, 2012. ISBN 978-88-905853-0-2.
  • Demetrios Michaelides, Lacunari da Piazza Montecitorio, in Lucos Cozza (a cura di), Il tempio di Adriano, serie Lavori e Studi della Soprintendenza archeologica di Roma, 1982, pp. 32-38
  • Eugen Petersen; Alfred von Domaszewski; Guglielmo Calderini, Die Marcussäule auf piazza Colonna, Munich 1896.
  • Samuel Ball Platner; Thomas Ashby, s.v. Templum divi Marci in A Topographical Dictionary of Ancient Rome, London, Oxford University Press, 1929, p. 327.
  • Lawrence Richardson, Jr., s.v. Templum divi Marci in A New Topographical Dictionary of Ancient Rome, Baltimore, JHU Press, 1992, p. 244. ISBN 08-0184-300-6.

Voci correlatemodifica | modifica sorgente








Creative Commons License