Assis Chateaubriand

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando il comune del Paraná, vedi Assis Chateaubriand (Paraná).
Francisco de Assis Chateaubriand Bandeira de Melo

Francisco de Assis Chateaubriand Bandeira de Melo (Umbuzeiro, 5 ottobre 1892San Paolo, 4 aprile 1968) è stato un giornalista e imprenditore brasiliano.

Iniziò l'attività giornalistica a Recife, scrivendo su testate locali quali Diário de Pernambuco e Jornal Pequeno.[1]

Nel 1915 si trasferì poi a Rio de Janeiro,[2] dove collaborò con il quotidiano Correio da Manhã.[1]

Nel 1924 acquistò la proprietà del quotidiano carioca O Jornal. Iniziò così la costruzione dell'impero mediatico Diários Associados[1][3], che si espanse inizialmente nel settore della stampa con l'acquisizione di altre testate, per allargarsi alla radio nel corso degli anni 1930[4] e poi, nel 1950, alla televisione con TV Tupi, la prima emittente televisiva dell'America latina.[5]

Con la collaborazione del critico d'arte Pietro Maria Bardi fondò il Museo d'Arte di San Paolo a cui conferì parte della sua collezione privata.[1][6]

Nel 1954 fu eletto membro dell'Accademia Brasiliana delle Lettere.[1]

Premimodifica | modifica sorgente

Notemodifica | modifica sorgente

  1. ^ a b c d e Academia Brasileira de Letras - Assis Chateaubriand.
  2. ^ Assis Chateaubriand - Biografia - UOL Educação.
  3. ^ Memória Diários Associados - década de 20.
  4. ^ Memória Diários Associados - década de 30.
  5. ^ Memória Diários Associados - década de 50.
  6. ^ Museu de Arte de São Paulo (MASP), San Paolo (São Paulo).
  7. ^ (EN) Cabot Prize Winners by Name, 1939-2009, Columbia University Graduate School of Journalism. URL consultato il 25 dicembre 2011.

Collegamenti esternimodifica | modifica sorgente

Controllo di autorità VIAF: 41927506 LCCN: n83190951








Creative Commons License