Società Sportiva Dilettantistica Acireale Calcio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Associazione Sportiva Acireale)
S.S.D. Acireale Calcio 1946
Calcio Football pictogram.svg
Acireale calcio.jpg
I "Granata"
Segni distintivi
Uniformi di gara
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
Casa
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Trasferta
Manica sinistra
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Terza divisa
Colori sociali 600px Granata.png Granata
Simboli Leone
Dati societari
Città Acireale
Paese Italia Italia
Confederazione UEFA
Federazione Flag of Italy.svg FIGC
Campionato Eccellenza Sicilia
Fondazione 1946
Rifondazione 2006
Presidente Italia Alessandro De Rosa
Allenatore Italia Ezio Ruvolo
Stadio Stadio Tupparello
(8.000 posti)
Palmarès
Si invita a seguire il modello di voce

L'Associazione Sportiva Acireale, o più semplicemente Acireale, è una società calcistica italiana che, fondata nel 1946 e costituitasi in società a responsabilità limitata nel 1989, ha sede nella città di Acireale. Nella seconda metà degli anni cinquanta (1957-1958) e sino al 1972 la squadra venne denominata Acquapozzillo, in virtù della sponsorizzazione da parte della società delle acque minerali.

A luglio del 2006, a causa di difficoltà finanziarie, non riuscì ad iscriversi al campionato di Serie C2, nella quale era retrocessa dopo i play-out di Serie C1 Girone B disputati contro la Juve Stabia. Nello stesso mese, l'imprenditore Santo Massimino fondò una nuova società con denominazione sociale molto simile alla precedente: la Società Sportiva Dilettantistica Acireale Calcio, iscritta al campionato di Promozione nell'annata 2006-2007 e promossa nel campionato di Eccellenza al termine della stagione. L' Associazione Sportiva Acireale S.r.l. fu dichiarata fallita nel dicembre del 2006. La S.S.D. Acireale Calcio può essere considerata la naturale continuazione dell' Associazione Sportiva Acireale. I colori sociali della squadra sono il granata ed il bianco I migliori risultati della sua storia calcistica sono la promozione e la permanenza per due anni in Serie B nelle stagioni 1993-1994 e 1994-1995.

Dal 1993 disputa le proprie gare interne allo Stadio Tupparello il quale può ospitare fino a 8.000 spettatori.

Storiamodifica | modifica sorgente

Gli alborimodifica | modifica sorgente

L'Associazione Sportiva Acireale venne fondata l'11 giugno 1946 sulle ceneri di un più antico progetto, anch'esso denominato Acireale, una squadra che partecipò a vari campionati agonistici fra il 1928 ed il 1934 per poi sciogliersi definitivamente.
Il campo di gioco era allora il "Comunale" della centrale piazza dei Padri Cappuccini, in terra battuta e capace di ospitare fino a 3.500 spettatori.
La prima formazione della stagione 1946-1947 fu: Core, Maccarrone, Cantarella, Dereani, Barattucci, Conti, Signorelli, Raciti, Grasso, Creziato, Cusumano. Allenatore è Luigi Bertolini.

La prima Serie Cmodifica | modifica sorgente

Il primo traguardo di un certo rilievo, dopo la Quarta serie conquistata nell'annata 1957-1958, fu la promozione in Serie C ottenuta nella stagione 1968-1969, categoria nella quale l'Acireale aveva già militato nell'immediato dopoguerra.
L'Acireale ritornò in Serie D nella stagione 1975-1976, partecipò quindi a varie edizioni del campionato Interregionale, istituito nella stagione 1981-1982.
Nella seconda metà degli anni ottanta si ebbe una nuova rinascita, con una serie di promozioni che porterà in alcune stagioni la squadrà dal campionato Interregionale alla Serie B, nella stagione 1992-93.

La Serie Bmodifica | modifica sorgente

Il raggiungimento della seconda divisione nazionale è il massimo risultato ottenuto dalla società granata e si ebbe grazie alla revoca della promozione del Perugia, che aveva battuto l'Acireale in uno spareggio, a causa di un illecito sportivo con la presunta corruzione dell'arbitro Senzacqua di Fermo, prima dell'incontro Perugia-Siracusa.

L'Acireale militò in Serie B per due stagioni (1993-1994 e 1994-1995). In occasione della promozione nella serie cadetta si inaugurò il nuovo Stadio Tupparello, che sostituì il vecchio Comunale, inidoneo per la disputa delle partite della Serie B. Nel primo campionato ottenne la salvezza con uno spareggio con il Pisa disputato nel neutro di Salerno davanti a circa 6.000 tifosi acesi e vinto ai calci di rigore[1]; nella seconda stagione, invece, retrocesse per un solo punto (classifica finale).

Il declino e la rifondazionemodifica | modifica sorgente

La retrocessione determinò per la società acese un periodo di forte crisi e dopo quattro anni di Serie C1 retrocedette in Serie C2, nell'anno in cui venne acquistata dall'imprenditore catanese Antonino Pulvirenti che ne evitò la cancellazione dal panorama professionistico. Dopo quattro stagioni in C2 l'Acireale venne di nuovo promossa in Serie C1 e sfiorò il ritorno in Serie B partecipando ai play-off nella stagione 2003-04, venendo eliminata in semifinale dalla Viterbese[2]. L'anno successivo Pulvirenti, dopo aver assunto la proprietà del Calcio Catania, cedette la società. L'Acireale per le due stagioni seguenti si trovò ad affrontare problemi finanziari, che culminarono, nel giugno del 2006 con la retrocessione in Serie C2 e nel mese di luglio con la mancata iscrizione al campionato. La situazione di quell'estate travagliata sembrò più volte in procinto di trovare una soluzione che permettesse il mantenimento almeno della categoria, con un progetto presentato da alcuni imprenditori che, tuttavia, ritirarono la propria disponibilità in prossimità della scadenza dei termini per l'iscrizione decretando il fallimento dell'Acireale. Cancellata la società originaria, l'imprenditore locale Santo Massimino, avviò nella stessa estate un nuovo progetto calcistico denominandolo «Società Sportiva Dilettantistica Acireale Calcio»[3]. La nuova società venne ammessa dal comitato regionale della Lega Nazionale Dilettanti al campionato di Promozione girone C (settima divisione). Nella sua prima stagione nel calcio dilettantistico conquistò la promozione in Eccellenza per la stagione 2007-08, mentre nella seconda stagione tra i dilettanti, in Eccellenza, si è classificata quarta e ha perso i playoff contro il Palazzolo Acreide Calcio. L'8 luglio 2008 è stato ufficializzato il cambio di proprietà, il nuovo patron è Ralf Schwarz, proprietario del gruppo Softecno, il presidente è Rosario Pennisi. L'allenatore di inizio stagione è stato Mauro Zampollini, sostituito a metà campionato da Santino Bellinvia. La stagione 2009-2010 vede il ritorno in società del Direttore Mario Marino[4] già presente nell'era Pulvirenti dove si sfiorò la Serie B ai play off, fin dall'inizio la società, la squadra e quadri tecnici vengono riassettati, con alla guida della squadra Carlo Breve. Alla tredicesima giornata di ritorno del campionato di Eccellenza girone B, l'Acireale batte il Vittoria per 2-1[5], e in virtù dei 7 punti di vantaggio dalle inseguitrici, conquista la promozione in Serie D con 2 giornate d'anticipo, col record di 76 punti nel girone B dell'Eccellenza Siciliana, un record (74 punti) che apparteneva al Paternò. A gennaio, dopo l'ennesima sconfitta casalinga contro il Cittanova, la dirigenza decide di sostituire l'allenatore Carlo Breve[6] con mister Piero Infantino[7], già giocatore della squadra granata negli anni antecedenti alla Serie B. Per la stagione 2011-12, con i granata impegnati ancora una volta nel campionato di Serie D, il nuovo allenatore è Massimo Gardano. Il 13 febbraio 2012, Mario Marino si dimette dall'incarico di direttore generale. Termina il campionato al 14º posto e andando a disputare i play out contro il Marsala, ma la squadra granata si salva in virtù del miglior piazzamento in classifica (0-0 il risultato di entrambi gli incontri)

Cronologiamodifica | modifica sorgente

Cronistoria dell'Acireale Calcio
  • 1946: Fondazione dell'Acireale. Riconosciuto il buon potenziale in termini di bacino d'utenza, la FIGC lo immette nella Lega Sud di Serie C.
  • 1946/47: 7º nel girone C della Lega Sud di Serie C.
  • 1947/48: 4º nel girone C della Lega Sud di Serie C. Ripescato.
  • 1948/49: 11º nel girone D di Serie C.
  • 1949/50: 10º nel girone D di Serie C.

  • 1950/51: 15º nel girone D di Serie C. Retrocesso in Promozione.1downarrow red.svg
  • 1951/52: 3º nel girone O di Promozione.
  • 1952/53: 16° nel girone H di IV Serie. Retrocesso in Promozione Regionale.1downarrow red.svg
  • 1953/54: 5° nella Promozione Siciliana.
  • 1954/55: 3° nella Promozione Siciliana.
  • 1955/56: 5° nella Promozione Siciliana.
  • 1956/57: 4° nella Promozione Siciliana.
  • 1957/58: 1° nel Campionato Siculo Dilettanti. Promosso in IV Serie.1uparrow green.svg
  • 1958/59: 4° nel girone H di IV Serie.
  • 1959/60: Serie D - girone F - 6º

  • 1960/61: Serie D - girone F - 3º
  • 1961/62: Serie D - girone F - 2º
  • 1962/63: Serie D - girone F - 3º
  • 1963/64: Serie D - girone F - 7º
  • 1964/65: Serie D - girone F - 6º
  • 1965/66: Serie D - girone F - 4º
  • 1966/67: Serie D - girone F - 7º
  • 1967/68: Serie D - girone I - 2º dopo aver perso lo spareggio con il Marsala
  • 1968/69: Serie D - girone I - 1º - Promosso in Serie C1uparrow green.svg
  • 1969/70: Serie C - girone C - 12º

  • 1970/71: Serie C - girone C - 6º
  • 1971/72: Serie C - girone C - 15º
  • 1972/73: Serie C - girone C - 4º
  • 1973/74: Serie C - girone C - 11º
  • 1974/75: Serie C - girone C - 10º
  • 1975/76: Serie C - girone C - 19º - Retrocesso in Serie D1downarrow red.svg
  • 1976/77: Serie D - girone I - 7º
  • 1977/78: Serie D - girone I - 7º
  • 1978/79: Serie D - girone F - 9º
  • 1979/80: Serie D - girone F - 4º

  • 1980/81: Serie D - girone F - 4º
  • 1981/82: Interregionale - girone M - 6º
  • 1982/83: Interregionale - girone M - 2º
  • 1983/84: Interregionale - girone M - 6º
  • 1984/85: Interregionale - girone M - 9º
  • 1985/86: Interregionale - girone M - 3º
  • 1986/87: Interregionale - girone M - 5º
  • 1987/88: Interregionale - girone M - 2º per penalizzazione causa illecito sportivo
  • 1988/89: Interregionale - girone N - 1º - Promosso in Serie C2 1uparrow green.svg
  • 1989/90: Serie C2 - girone D - 4º

  • 1990/91: Serie C2 - girone D - 2º - Promosso in Serie C11uparrow green.svg
  • 1991/92: Serie C1 - girone B - 13º
  • 1992/93: Serie C1 - girone B - 2º a tavolino per squalifica del Perugia con cui aveva perso lo spareggio - Promosso in Serie B1uparrow green.svg
  • 1993/94: Serie B - 16º dopo aver vinto lo spareggio con il Pisa
  • 1994/95: Serie B - 17º - Retrocesso in Serie C11downarrow red.svg
  • 1995/96: Serie C1 - girone B - 12º
  • 1996/97: Serie C1 - girone B - 6º
  • 1997/98: Serie C1 - girone B - 8º
  • 1998/99: Serie C1 - girone B - 18º - Retrocesso in Serie C21downarrow red.svg
  • 1999/00: Serie C2 - girone C - 3º - Perde la finale playoff con L'Aquila

  • 2000/01: Serie C2 - girone C - 9º
  • 2001/02: Serie C2 - girone C - 12º
  • 2002/03: Serie C2 - girone C - 5º - Vince la finale playoff con il Catanzaro - Promosso in Serie C11uparrow green.svg
  • 2003/04: Serie C1 - girone B - 4º - Perde la semifinale playoff con la Viterbese
  • 2004/05: Serie C1 - girone A - 14º
  • 2005/06: Serie C1 - girone B - 14º - Perde i playout con la Juve Stabia - La società viene messa in liquidazione1downarrow red.svg
  • 2006: Nascita del rinnovato Acireale Calcio
  • 2006/07: Promozione siciliana - girone C - 1º - Promosso in Eccellenza1uparrow green.svg
  • 2007/08: Eccellenza siciliana - girone B - 4º - Perde i playoff regionali con il Palazzolo
  • 2008-2009: Eccellenza siciliana - girone B - 2º - Perde la semifinale nazionale playoff con l'Ostuni
  • 2009-2010: Eccellenza siciliana - girone B - 1º - Promosso in Serie D1uparrow green.svg

Campionati disputatimodifica | modifica sorgente

In 66 stagioni sportive a partire dall'inserimento nei campionati FIGC nel 1946:

  • 57 campionati nazionali
  • 9 campionati regionali

Campionati nazionalimodifica | modifica sorgente

In 57 stagioni sportive a partire dall'esordio a livello nazionale in Serie C nel 1946:

Categoria Partecipazioni Debutto Ultima stagione Totale

B

Serie B 2 1993-1994 1994-1995 2

C

Serie C 12 1946-1947 1975-1976 27
Serie C1 9 1991-1992 2005-2006
Serie C2 6 1989-1990 2002-2003

D

Promozione 1 1951-1952 29
IV Serie 2 1952-1953 1958-1959
Serie D (LNSP) 17 1959-1960 2012-2013
Campionato Interregionale 8 1981-1982 1988-1989


Campionati regionalimodifica | modifica sorgente

In 9 stagioni sportive a partire dall'esordio a livello regionale in Promozione nel 1953:

Categoria Partecipazioni Debutto Ultima stagione Totale

I

Promozione 4 1953-1954 1956-1957 9
Campionato Dilettanti 1 1957-1958
Eccellenza 4 2007-2008 2013-2014

II

Promozione 1 2006-2007 1

I presidenti e gli allenatorimodifica | modifica sorgente

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Categoria:Allenatori dell'A.S. Acireale.

Tra gli allenatori dell' Acireale si ricordano Jòzsef Bànàs, Franco Scoglio, che guidò i granata nelle stagioni 1975/76 e 1976/77, e Giuseppe Papadopulo sotto la cui guida tecnica la squadra raggiunse la serie B; sulla panchina dell'Acireale, nel corso degli anni, si sono alternati anche Antonello Cuccureddu, Enrico Catuzzi e Walter Mazzarri.

Luigi Bertolini ex calciatore di Alessandria, Juventus e della nazionale fu il primo allenatore
Gli allenatori dell'Acireale

-A.S. Acireale-


-S.S.D. Acireale Calcio-

  • 2006-07 Italia Titti Petralia, poi Italia Santo Giuffrida, poi Italia Salvo Pennisi
  • 2007-08 Italia Lucio Tosto, poi Italia Riccardo Chico
  • 2008-09 Italia Mauro Zampollini, poi Italia Santino Bellinvia
  • 2009-10 Italia Carlo Breve
  • 2010-11 Italia Carlo Breve, poi Italia Piero Infantino
  • 2011-2012 Italia Massimo Gardano, poiItalia Salvatore Marra
I presidenti dell'Acireale

-A.S. Acireale-

  • 1946-1947 Italia Giuseppe Leonardi
  • 1947-1948 Italia Sebastiano Fichera
  • 1948-1949 Italia Mariano Maugeri
  • 1949-1950 Italia Giovanni Messina
  • 1950-1952 Italia Sebastiano Fichera
  • 1953 Italia Arturo Michisanti - Italia Lionello Chiodi
  • 1953-1956 Italia Orazio Pennisi
  • 1956-1957 Italia Gaetano Grasso Romeo
  • 1957-1962 Italia Salvatore Bonanno
  • 1962-1967 Italia Giuseppe Aleppo
  • 1967-1970 Italia Nicola Grassi Bertazzi
  • 1970-1972 Italia Francesco Gravina
  • 1972-1977 Italia Giuseppe Vecchio
  • 1977-1985 Italia Gaetano Grasso Romeo
  • 1985-1987 Italia Rosario Monaco
  • 1987-1991 Italia Giuseppe Aleppo
  • 1991-1996 Italia Enrico Barbagallo
  • 1996 Italia Umberto Ragonesi
  • 1996-1998 Italia Antonino Blanco
  • 1998-2004 Italia Antonino Pulvirenti
  • 2004-2006 Italia Salvatore Di Grazia
  • 2006 Italia Giuseppe Mauro

-S.S.D. Acireale Calcio-

  • 2006-2007 Italia Santo Massimino
  • 2007-2008 Italia Sebastiano Massimino
  • 2008-2012 Italia Rosario Pennisi
  • 2013-oggi Italia Salvatore Palella


Giocatorimodifica | modifica sorgente

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Categoria:Calciatori dell'A.S. Acireale.

Giocatori celebrimodifica | modifica sorgente

Orazio Sorbello fu capitano dell'Acireale ai tempi della promozione in Serie B nel 1993. Altri giocatori che hanno militato nell'Acireale e che hanno raggiunto la massima serie sono Davide Bombardini, Costanzo Celestini, Palmiro Di Dio, Arturo Di Napoli, Dino Fava Passaro, Stefano Garzon, Gaël Genevier, Walter Mazzarri, Paolo Orlandoni, Nicola Pavarini, Ciro Polito, Stefano Razzetti, Orazio Russo, Alessandro Toti, Giacomo Modica ed Angelo Costa.

Stagioni passatemodifica | modifica sorgente


Stadiomodifica | modifica sorgente

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Stadio Tupparello.

Tifoseriamodifica | modifica sorgente

La tifoseria acese è composta da tre diversi settori di tifo, il più rappresentativo è la curva sud dove ne fanno parte due gruppi ultras Passione e Mentalità nato il 23 marzo 2003 e il RSG Rione San Giovanni, la tribuna centrale ospita il gruppo ultras Seguaci Granata e nella curva nord c'è il gruppo Vecchio Cuore Granata nato nel 1993. Nonostante la lontananza dai campionati professionistici sono rimasti intatti per sostenere la propria squadra.
Un altro gruppo molto famoso era i Viking 99 (con sede nella vicina Aci Catena) scioltosi però nel 2009, dopo 10 anni di attività[8]

Gemellaggimodifica | modifica sorgente

Amiciziemodifica | modifica sorgente

Inimiciziemodifica | modifica sorgente

Rivalitàmodifica | modifica sorgente

Bibliografiamodifica | modifica sorgente

  • Vito Finocchiaro, Una vita color granata. Piccola storia dell'Acireale Calcio, Acireale, Bonanno Editore.
  • Emanuela Volcan, Cinquanta anni di Acireale. Almanacco del calcio granata, Acireale, Bonanno Editore.

Collegamenti esternimodifica | modifica sorgente

Notemodifica | modifica sorgente

  1. ^ L'Acireale resta in B, i rigori sprofondano il Pisa in C dopo 15 anni
  2. ^ Playoff C1: la Viterbese passa ad Acireale (2-1)
  3. ^ La nuova società
  4. ^ Marino nuovo Direttore Generale
  5. ^ Acireale in Serie D battendo il Vittoria
  6. ^ Esonerato Carlo Breve
  7. ^ Piero Infantino nuovo allenatore dell'Acireale
  8. ^ Curva Sud Acireale







Creative Commons License