Associazione Sportiva Bisceglie 1913

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Associazione Sportiva Bisceglie 1913
Calcio Football pictogram.svg
stellati, nerazzurrostellati
Segni distintivi
Uniformi di gara
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Casa
Manica sinistra
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Trasferta
Colori sociali 600px Nero e Blu (Strisce) con stella.png Azzurro-nero stellato
Simboli stella
Dati societari
Città Bisceglie
Paese Italia Italia
Confederazione UEFA
Federazione Flag of Italy.svg FIGC
Campionato Serie D
Fondazione 1913
Rifondazione 1931
Rifondazione 1998
Presidente Nicola Canonico
Allenatore Giancarlo Favarin
Stadio Stadio Gustavo Ventura
(5.000 posti)
Sito web www.forzabisceglie.it
Palmarès
Trofei nazionali 1 Coppa Italia Dilettanti
Si invita a seguire il modello di voce

L'Associazione Sportiva Bisceglie 1913 è una società calcistica con sede nella città di Bisceglie. La squadra attualmente milita in Serie D.


Storiamodifica | modifica sorgente

La tradizione calcistica biscegliese registra oltre un secolo di attività. Nel 1908 venne fondato il primo club di calcio cittadino, denominato "Ercole".

Successivamente, nel 1913, sulla scia dell'esperienza della "Ercole" e poi della "Velox", Nino De Martino, Donato Soldani, Peppino Simia, Isidoro Torchetti, Gennaro De Feudis e Giuseppe Maenza diedero vita all'Unione Sportiva Bisceglie (abbreviata in U.S. Bisceglie), dai colori blu con stella bianca.

C'erano pochi fondi, e pochi iscritti. Ma, nonostante tutto, le partite erano giocate con tanta passione su un campo da gioco non regolamentare, ovvero sulla spianata del "Palazzuolo", un enorme piazzale al di fuori delle antiche mura cittadine. Questo luogo scelto per le dispute calcistiche venne sostituito nel 1925 da un nuovo e regolamentare campo di calcio (l'attuale campo vecchio "Francesco Di Liddo") costruito su un terreno dell'ospedale.

Nella stagione 1930 - 1931 l'Unione Sportiva Bisceglie riuscì a qualificarsi al campionato di prima divisione girone F. Nonostante gli sforzi, gli scarsi risultati ottenuti nel campionato successivo portarono il club alla retrocessione.
Nel 1932 la società riprese un nuovo ciclo di successi che ne determinarono l'ammissione in seconda divisione.

Dopo un periodo altalenante fra la prima e la seconda divisione, al termine del campionato 1938 - 1939 la squadra ottenne la promozione in serie C. Qui vi rimase fino alla sospensione delle attività sportive che ebbe inizio nel 1941. Occorrerà attendere il campionato del 1943 per rivedere l'Unione Sportiva Bisceglie sui campi di gioco.

Al termine del secondo conflitto mondiale, nel 1950 l'U.S. Bisceglie, interpretando comuni desideri con la "Diaz", l'altro club calcistico cittadino, creò l'Associazione Sportiva Bisceglie (A.S. Bisceglie) dai colori nero e azzurro con stella bianca. Nei primi anni di vita, il neonato club calcistico raccolse scarsi risultati fino al campionato del 1958 che portò la squadra ad una inversione di rotta e verso la promozione in serie D.

Nel campionato successivo l'A.S. Bisceglie festeggiò la promozione in serie C, avviando così un lungo periodo di successi legati anche al suo nuovo presidente, Marino Monterisi. Dopo quattro anni consecutivi in serie C, l'A. S. Bisceglie retrocesse in Serie D e nel campionato del 1969 disputò le partite di prima categoria.

A causa del comportamento indisciplinato di alcuni tifosi, che diedero luogo a numerose invasioni di campo, la società che storicamente vantava diverse premiazioni per disciplina e fair play, subì una lunghissima squalifica.
Nel 1975 l'A. S. Bisceglie ritornò in serie D e, nonostante fosse stata ripescata durante le gare di spareggio nel campionato del 1977, non fu ammessa al campionato di Serie C del 1978.

Nel campionato del1984 il club biscegliese, superato in classifica nelle ultime giornate dall'Angizia Luco, mancò il ritorno in serie C2, che però raggiunse nella stagione calcistica successiva.

Al campionato, avventuroso e travagliato, giocato in serie C2 nel 1986, seguì una stagione più confortante conclusasi con un 8º posto. Nei due anni successivi il l'A. S. Bisceglie venne ripescato in serie C2, ma nonostante gli sforzi, retrocesse in serie D. Nel campionato 1991 - 1992, a seguito del cambio di presidenza della società, la squadra disputò uno dei migliori campionati fra i semiprofessionisti, che si concluse con il 5º posto finale.

La stagione successiva vide una squadra rinnovata che terminò il campionato al 13º posto. Nell'anno successivo l'attività sportiva del club fu segnata dalla prematura scomparsa di due personaggi ad esso legati: Francesco Pisicchio, giovane attaccante di 23 anni, e Demetrio Ferrante presidente della società.

Il campionato 1994 - 1995 vide fra i ranghi del club calcistico biscegliese alcuni calciatori presi in prestito dai settori giovanili della serie A, tra cui: Giuseppe Perrone, Giovanni Giuseppe Di Meglio, Nicola Diliso. La squadra riuscì a salvarsi ai play-out, anche nella stagione successiva, mentre nel campionato del 1996 - 1997 raggiunse il 9º posto in classifica.

Il campionato 1997 - 1998, dodicesimo anno consecutivo per l'A.S. Bisceglie in serie C2, rappresentò anche l'ultimo per la squadra nerazzurra nella predetta serie: nonostante le difficoltà economiche, e la prematura morte del capitano Giorgio Di Bari, la società riuscì a concludere la stagione all'8º posto.

Nell'estate 1998 l'accordo per il passaggio societario a una cordata emiliana di azionisti non si raggiunse, pertanto la società non riuscì ad iscriversi al campionato di C2. A fronte della dissestata situazione finanziaria del club, venne fondato il "Bisceglie Calcio 1913 O.N.L.U.S" per non perdere il titolo di società sportiva. Nonostante ciò, la società sportiva, dopo un campionato in serie D, retrocesse in Eccellenza (calcio). Nella stagione successiva fu disputato un campionato con scarsi risultati cne ne determinarono la retrocessione in Promozione (calcio).

Nel luglio 2001 il club, fondendosi con il "Don Uva", secondo club calcistico biscegliese, diede vita alla "Polisportiva Bisceglie Don Uva". Con il campionato del 2003 - 2004 il club biscegliese iniziò la rimonta tornando così in Eccellenza (calcio).
Dopo alcuni campionati piuttosto travagliati, anche sul piano della gestione societaria, la "Polisportiva Bisceglie Don Uva" si sciolse e la squadra ritornò all'antica denominazione: A.S. Bisceglie calcio 1913.

Nella stagione 2007 - 2008, a seguito del comportamento indisciplinato di una parte della tifoseria biscegliese, il club nero-azzurro stellato giocò le partite a porte chiuse per l'intero campionato, mentre, in quello successivo, nonostante l'impegno, non riuscì a raggiungere i play-off.

Nel campionato 2010 - 2011 l'A. S. Bisceglie calcio 1913, dopo aver vinto i play-off regionali, è stata sconfitta ai play-off nazionali dalla squadra siciliana Due torri Piraino. L'8 dicembre 2011 il club biscegliese, dopo aver giocato allo Stadio San Nicola di Bari la finale regionale di Coppa Italia, battendo il Liberty Monopoli, si è qualificato per la finale di Coppa Italia Dilettanti. Il 18 aprile 2012 l'A. S. Bisceglie calcio 1913 ha vinto la Coppa Italia Dilettanti battendo sul prato dello Stadio Flaminio di Roma il Pisa Sporting Club, conquistando così la promozione in Serie D.


Cronistoriamodifica | modifica sorgente

Campionati del Bisceglie Calcio
  • 1927-28 - L'U.S. Biscegliese è 2º nel girone A di Terza Divisione Pugliese. Successivamente viene ammessa in Prima Divisione Sud.
  • 1928-29 - 4º nel girone C di Prima Divisione Sud. Retrocesso in Seconda Divisione.
  • 1929-30 - 3º nel girone C di Seconda Divisione, Direttorio Meridionale. Successivamente ammessa alla Prima Divisione.
  • 1930-31 - 10º nel girone F della Prima Divisione Pugliese.
  • 1931 - L'U.S. Biscegliese rinuncia al campionato 1931-32. Fallimento.
  • 1931-32 - La neonata Armando Diaz è ?º nel girone A della Terza Divisione Pugliese.
  • 1932-33 - 2º nel girone A della Terza Divisione Pugliese. Promosso in Seconda Divisione.
  • 1933-34 - ?º nella Seconda Divisione Pugliese. Retrocesso in Terza Divisione.
  • 1934-35 - ?º nel girone B della Terza Divisione Pugliese. Ammesso in Seconda Divisione.
  • 1935-36 - ?º nel girone A della Seconda Divisione Pugliese. Promosso in Prima Divisione.
  • 1936-37 - ?º nel girone A della Prima Divisione Pugliese.
  • 1937-38 - 5º nel girone unico della Prima Divisione Pugliese.
  • 1938-39 - 1º nel girone unico della Prima Divisione Pugliese. Promosso in Serie C.
  • 1939-40 - 13º nel girone H della Serie C.
  • 1940-41 - 11º nel girone H della Serie C.
  • 1941-47 - Periodo bellico.
  • 1947-48 - 7º nel girone S della Serie C. Retrocesso nella nuova Promozione.
  • 1948-49 - 1º nel girone N di Promozione dopo spareggi con Ariano Irpino e Manduria. 3º nelle finali della Lega Sud.
  • 1949-50 - 7º nel girone N di Promozione.
  • 1950-51 - 8º nel girone N di Promozione.
  • 1951-52 - 11º nel girone N di Promozione. Retrocesso nella nuova Promozione Regionale.
  • 1952-53 - 11º nella Promozione Pugliese.
  • 1953-54 - ?º nella Promozione Pugliese.
  • 1954-55 - 5º nella Promozione Pugliese.
  • 1955-56 - 2º nella Promozione Pugliese avendo perso lo spareggio con l'Incedit.
  • 1956-57 - 4º nella Promozione Pugliese.
  • 1957-58 - 1º nel Campionato Pugliese Dilettanti. Promosso in Interregionale.
  • 1958-59 - 7º nel girone G dell'Interregionale.
  • 1959-60 - 1º nel girone E di Serie D. Promossa in Serie C.
  • 1960-61 - 11º nel girone C di Serie C.
  • 1961-62 - 13º nel girone C di Serie C.
  • 1962-63 - 13º nel girone C di Serie C.
  • 1963-64 - 18º nel girone C di Serie C. Retrocesso in Serie D.
  • 1964-65 - 5º nel girone E di Serie D.
  • 1965-66 - 13º nel girone E di Serie D
  • 1966-67 - 7º nel girone E di Serie D.
  • 1967-68 - 2º nel girone H di Serie D.
  • 1968-69 - 16º nel girone H di Serie D. Retrocesso in Prima Categoria.
  • 1969-70 - 7º nel girone A della Prima Categoria Pugliese.
  • 1970-71 - ?º nel girone A della Promozione Pugliese.
  • 1971-72 - 4º nel girone A della Promozione Pugliese.
  • 1972-73 - 3º nel girone A della Promozione Pugliese.
  • 1973-74 - 3º nel girone A della Promozione Pugliese.
  • 1974-75 - 1º nel girone A della Promozione Pugliese. Promosso in Serie D.
  • 1975-76 - 15º nel girone H della Serie D.
  • 1976-77 - 13º nel girone H della Serie D.
  • 1977-78 - 6º nel girone H della Serie D.
  • 1978-79 - 11º nel girone E della Serie D.
  • 1979-80 - 8º nel girone E della Serie D.
  • 1980-81 - 17º nel girone E della Serie D.
  • 1981-82 - 6º nel girone L dell'Interregionale.
  • 1982-83 - 9º nel girone L dell'Interregionale.
  • 1983-84 - 7º nel girone L dell'Interregionale.
  • 1984-85 - 2º nel girone H dell'Interregionale.
  • 1985-86 - 1º nel girone L dell'Interregionale. Promosso in Serie C2.
  • 1986-87 - 14º nel girone C della Serie C2.
  • 1987-88 - 8º nel girone C della Serie C2.
  • 1988-89 - 18º nel girone C della Serie C2. Ripescato.
  • 1989-90 - 16º nel girone C della Serie C2. Ripescato.
  • 1990-91 - 7º nel girone C della Serie C2.
  • 1991-92 - 6º nel girone C della Serie C2.
  • 1992-93 - 13º nel girone C della Serie C2.
  • 1993-94 - 16º nel girone C della Serie C2. Ripescato.
  • 1994-95 - 15º nel girone C della Serie C2. Salvo ai play-out.
  • 1995-96 - 15º nel girone C della Serie C2. Salvo ai play-out.
  • 1996-97 - 10º nel girone C della Serie C2.
  • 1997-98 - 8º nel girone C della Serie C2.
  • 1998 - Escluso per inadempienze è radiato dai ruoli federali FIGC. Nasce il Bisceglie Calcio 1913 O.N.L.U.S.
  • 1998-99 - 18º girone G del C. N.D.. Retrocesso in Eccellenza.
  • 1999-2000 - 13º nell'Eccellenza Girone Unico.
  • 2000-2001 - 16º nell'Eccellenza Girone Unico. Retrocesso in Promozione.
  • 2001-2002 - 7º nella Promozione Girone A.
  • 2002-2003 - 6º nella Promozione Girone A.
  • 2003-2004 - 1º nella Promozione Girone A. Promosso in Eccellenza.
  • 2004-2005 - 13º nell'Eccellenza Girone Unico.
  • 2005-2006 - 6º nell'Eccellenza Girone Unico.
  • 2006-2007 - 8º nell'Eccellenza Girone Unico.
  • 2007-2008 - 2º nell'Eccellenza Girone Unico. Eliminato in finale play off - fase nazionale.
  • 2008-2009 - 6º nell'Eccellenza Girone Unico.
  • 2009-2010 - 12º nell'Eccellenza Girone Unico.
  • 2010-2011 - 3º nell'Eccellenza Girone Unico. Eliminato in semifinale play off - fase nazionale.
  • 2011-2012 - 2º nell'Eccellenza Girone Unico. Coccarda Coppa Italia.svg Vince la Coppa Eccellenza Puglia e vince la Coppa Italia Dilettanti contro il Pisa Sporting Club. Promosso in Serie D.
  • 2012-2013 - 6° in serie D girone H
  • 2013-2014

Campionati di rilievomodifica | modifica sorgente

Categoria Partecipazioni Debutto Ultima stagione

C

24 1928-1929 1997-1998

D

25 1929-1930 2013-2014

Ecc

10 1999-2000 2011-2012

Categoria C comprendente di 5 stagioni di Prima Divisione, 7 stagioni di Serie C Nazionale e 12 stagioni di Serie C2.

Categoria D comprendente di 1 stagioni Seconda Divisione, 4 di Promozione, 1 stagione di IV Serie, 13 stagioni di Serie D, 6 stagioni di Interregionale.

Categoria Ecc comprendente di 10 stagioni di Eccellenza.


Tifoseriamodifica | modifica sorgente

Nei primi anni 80 nasce il tifo a Bisceglie. Tanti sono i gruppi che negli anni hanno seguito le sorti della squadra neroazzurrostellata (Ultras, Bisceglie Club Fedelissimi, Fedayn, Black Blue Generetion, Nucleo Sconvolt, Skin Heads, Fanatic Gang, Kaos, Girl, Gioventù Neroazzurra, Ultra05, Mele Marce'08 e altri); uno dei più rappresentativi del recente passato è il gruppo Ultras Front che nel 2006 ha festeggiato il suo decimo anno di vita. Oggi i gruppi ultras presenti in gradinata sono Gradinata12Bisceglie, Vecchio Front, Mucchio Selvaggio, Impero Biscegliese, T.A.E., Casual Bisceglie; a questi si aggiunge il Gruppo Storico Biscegliese che occupa la tribuna laterale. Ecco uno scatto della stagione 2011/2012 del tifo Biscegliese http://www.forzabisceglie.it/foto/grandi/963932192cc.jpg.


Amicizie e Rivalitàmodifica | modifica sorgente

Amicizie
Rivalità



Bibliografiamodifica | modifica sorgente

  • Almanacco illustrato del Calcio 2011, ed. Panini, Modena, 2011
  • Mario Cosmai, Storia di Bisceglie, ed. il Palazzuolo, Molfetta, 1960


Collegamenti esternimodifica | modifica sorgente








Creative Commons License