Attilio Ruggiero

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Attilio Ruggiero

Attilio Ruggiero (Rodi Garganico, 1892Rodi Garganico, 1963) è stato un partigiano, militare e politico italiano.

Biografiamodifica | modifica sorgente

Granatiere già durante la prima guerra mondiale, partecipò, cinquantaduenne e con il grado di colonnello dei granatieri, anche alla seconda guerra mondiale[1]. Successivamente all'8 settembre 1943 assunse il comando della formazione partigiana Gruppo Bande "Tivoli"[2]. Fu catturato come ufficiale partigiano dai tedeschi il 23 ottobre 1944,[1] e tornato in libertà fu promosso al grado di generale.[3]

Ritornato nella sua città natale dopo la fine del conflitto mondiale iniziò la carriera politica che lo portò in poco tempo all'elezione a sindaco di Rodi Garganico[3], dal 1948 al 1952. Durante i suoi mandati si occupò soprattutto dell'urbanistica e dell'economia cittadina, allora di tipo rurale, promuovendone lo sviluppo turistico.senza fonte

Fu ricordato già mezzo secolo fa a Rodi Garganico,[3] con una lapide[4] nella sala consiliare del palazzo del municipio.

Notemodifica | modifica sorgente

  1. ^ a b Ripa di Meana, 1956, op. cit.
  2. ^ Bartolini, Terrone, 1998, op. cit.
  3. ^ a b c Carmine D'Anelli, Articolo su RodiGarganico.info
  4. ^ «Su questo marmo cui fa da scolta pietra del Carso martoriato, la civica amministrazione ricorda il generale Attilio Ruggiero, granatiere pluridecorato di guerra, dal 1948 al 1952 sindaco di questa cittadina, che avviò nelle recuperate libertà democratiche a mete di più fecondo avvenire» - (dalla lapide presso la sala consiliare ed il cimitero di Rodi Garganico).

Bibliografiamodifica | modifica sorgente

Voci correlatemodifica | modifica sorgente








Creative Commons License