Averardo Montesperelli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Averardo Montesperelli (Perugia, 23 ottobre 190514 marzo 1997) è stato un insegnante e scrittore italiano.

Notiziemodifica | modifica sorgente

Laureato in Giurisprudenza e in Lettere, insegnante nelle scuole superiori, ha svolto una fervida attività pubblicistico-culturale in Italia e all'estero. Ha partecipato attivamente alla Resistenza come membro del Comitato di Liberazione Nazionale (CLN) per la provincia di Perugia. Ha fondato e diretto per alcuni anni la Sezione perugina dell'Istituto di Studi Filosofici ed ha in séguito presieduto il Comitato di Perugia dell'Istituto per la storia del Risorgimento italiano. Ha rappresentato l'Italia in una commissione culturale del Consiglio d'Europa a Strasburgo nel 1967.

Operemodifica | modifica sorgente

Narrativamodifica | modifica sorgente

  • Racconti di casa, Perugia, Umbria Editrice, 1979.
  • Il sagrantino del professore ed altri racconti umbri, Perugia, Guerra, 1982.
  • Addio Argo!...: piccole storie vissute, Perugia, Guerra, 1984.
  • Il pipistrello nella biblioteca, Firenze, Editrice Orior, 1987.

Saggisticamodifica | modifica sorgente

  • Storia della scuola italiana nell'Ottocento, Milano, Viola, 1952 ("Biblioteca dell'educatore" 87).
  • Mazzini educatore, Perugia, Quaderni di Educazione civica dell'Associazione Mazziniana Italiana, 1953.
  • Perugia nel Risorgimento 1830-1860, Perugia, Simonelli Libraio-Editore, 1959.
  • Viaggio in Umbria, introduzione di Salvatore Valitutti, Perugia, Guerra, 1963.
    • Nuova ediz. Perugia, Simonelli Libraio-Editore, 1978.

Curatelemodifica | modifica sorgente

  • Montesquieu, Lo spirito delle leggi, Torino, Paravia, 1960.
  • Cesare Beccaria, Dei delitti e delle pene, Roma, Baries, 1972.







Creative Commons License