Banca Sella

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Gruppo Banca Sella
Stato Italia Italia
Tipo società per azioni
Fondazione 1886 a Biella
Sede principale Biella, piazza Gaudenzio Sella 1, Biella
Gruppo Gruppo Banca Sella
Filiali 334
Persone chiave Maurizio Sella, presidente
Pietro Sella, amministratore delegato
Settore banche
Prodotti servizi bancari, finanziari e assicurativi
Utile netto 15,7 milioni di euro (2011)
Dipendenti 4.165 (2011)
Sito web www.gruppobancasella.it

Banca Sella è un istituto di credito privato italiano facente parte del Gruppo Banca Sella.

Storiamodifica | modifica sorgente

Nascita della bancamodifica | modifica sorgente

Sede Banca Sella

La storia del Gruppo Banca Sella ha le proprie radici nel 1886, quando Gaudenzio Sella, ispirandosi ai principi di suo zio Quintino Sella, insieme ad altri sei tra fratelli e cugini fondò a Biella la Gaudenzio Sella & C., l’attuale Banca Sella, allo scopo di «esercitare il commercio bancario come sconti, anticipazioni, conti correnti, compra vendita di valori, ecc.», come riportato nell'atto costitutivo. Al vertice operativo della neonata banca fu nominato Gaudenzio Sella, che restò alla guida dell'istituto fino alla sua morte.

Lo sviluppomodifica | modifica sorgente

Le prime succursali al di fuori di Biella risalgono alla fine degli Anni ’30 (Ponzone-Trivero, Cossato). Nel 1949 la banca cambiò ragione sociale trasformandosi in una società per azioni e i fratelli Ernesto e Giorgio Sella assunsero rispettivamente la carica di presidente e amministratore delegato. Nel 1962 cambiò denominazione sociale in Banca Sella S.p.A. Nel 1974, alla morte di Ernesto, Giorgio Sella ne divenne Presidente e la carica di Amministratore Delegato fu affidata a Maurizio Sella, figlio di Ernesto.

Sotto la guida di Maurizio Sella, Banca Sella si sviluppa sul territorio nazionale fino ad arrivare a più di 300 succursali nel primo decennio del 2000.

Alla morte di Giorgio Sella (nel 2000) Maurizio Sella ne diventa Presidente, mentre Pietro Sella (nato nel 1968) ne diventa l’Amministratore Delegato nel 2002 (carica che lascerà nell’aprile 2013). L’attuale Amministratore Delegato e Direttore Generale della Banca è Donato Valz Gen, mentre Pietro Sella è Amministratore Delegato e Direttore Generale di Banca Sella Holding, holding del Gruppo Banca Sella[1].

Nel 1997 avviene il lancio dei servizi di internet banking e nel 2000 del brand sella.it.

Nel corso degli anni la Banca ha acquisito piccoli istituti locali nel Nord Est e Sud Italia[2], e sono state fondate società operative in diversi business quali leasing, credito al consumo, sgr, bancassurance danni. Nel 1992 nacque il Gruppo Banca Sella nel quale sono confluite tutte queste società[3].

Storia recentemodifica | modifica sorgente

Nel 2005 nasce Banca Patrimoni dall'incorporazione di Gestnord Intermediazione (SIM del Gruppo) in Sella Investimenti Banca (banca fondata a Torino nel 2001 e specializzata nella clientela private).

Nell'ambito di una ristrutturazione del Gruppo, il 1º gennaio 2006 la "vecchia" Banca Sella S.p.A. fu trasformata nella holding finanziaria del Gruppo e assunse la denominazione Sella Holding Banca S.p.A., avendo conferito l'attività bancaria ad una nuova società che ha quindi preso il nome di Banca Sella S.p.A.

Nel 2006 dalla fusione per incorporazione di Fiduciaria Sella S.I.M.p.A. (fiduciaria dinamica nata nel 1992, e specializzata nelle gestioni individuali di patrimoni: gestioni patrimoniali in fondi e in titoli) in Gestnord Fondi S.G.R. S.p.A. (nata nel 1983, e specializzata nelle gestioni collettive di patrimoni: fondi comuni, SICAV e fondi pensione) nasce Sella Gestioni Sgr S.p.A. incorporando così in un'unica società le attività del gruppo nel risparmio gestito per la clientela al dettaglio.

Nell'ottobre del 2006, a fronte dell'acquisizione delle otto filiali che Banca Sella deteneva nella regione Veneto, Banca Bovio Calderari assume la nuova denominazione di Banca Sella Nord Est - Bovio Calderari.

Il 1º giugno 2007 Sella Gestioni Sgr incorpora Sella Capital Managament, SGR del Gruppo che si occupava della gestione patrimoniale per la clientela istituzionale.

Il 12 novembre 2007 dall'incorporazione di Sella Consult SIM p.A., SIM del Gruppo Banca Sella, in Banca Patrimoni S.p.A. nasce Banca Patrimoni Sella & C.

Nel 2007 il Gruppo, con HDI Assicurazioni, dà vita a In Chiaro, la nuova società dedicata alla bancassurance danni.

A partire dal 31 marzo 2008 la capogruppo ha cambiato la propria denominazione sociale in Banca Sella Holding S.p.A. Il 1º giugno 2008 a seguito dell'incorporazione di Banca di Palermo S.p.A e degli sportelli campani e molisani di Banca Sella S.p.A. in Banca Arditi Galati S.p.A., e successivo cambio di denominazione di quest'ultima in Banca Sella Sud Arditi Galati, nasce la banca che raggruppa gli sportelli dell'istituto piemontese nel Meridione.

Nell'aprile del 2009 nasce Sella Servizi Bancari, la società consortile del Gruppo Banca Sella.

Il 30 maggio 2011 Banca Sella Sud Arditi Galati (la banca del Gruppo Banca Sella con sportelli nel Sud Italia) è stata aggregata in Banca Sella[4].

Il 1º ottobre 2012 Banca Sella Nord Est Bovio Calderari (la banca del Gruppo Banca Sella con sportelli nel Nord Est) è stata aggregata in Banca Sella[5].

Principali società del gruppomodifica | modifica sorgente

Le principali società che compongono il Gruppo Banca Sella sono:

  • Banca Sella Holding (capogruppo del Gruppo Banca Sella);
  • Banca Sella;
  • Banca Patrimoni Sella & C. (banca specializzata nella gestione della clientela private e istituzionale);
  • Sella Gestioni (asset management);
  • Biella Leasing (leasing);
  • Consel (credito al consumo);
  • CBA Vita (assicurazioni vita, malattie e infortuni);
  • Easy Nolo (sistemi di pagamento elettronici, e-commerce);
  • InChiaro (assicurativo danni);
  • Family Advisory SIM pa (family office).

Collegamenti esternimodifica | modifica sorgente

Notemodifica | modifica sorgente

  1. ^ [fonte: Claudio Ruggiero, L’Oro d’Italia, Maggioli Editore, 2013]
  2. ^ [fonte: IL SOLE 24ORE NORDOVEST VENERDI’ 11 MARZO 2005 PAG.2]
  3. ^ [fonte: Family Business News, GEN/FEB 2007, pag. 36-40]
  4. ^ [fonte: MF 31/5/2011 pag. 17]
  5. ^ [fonte: IL SOLE 24ORE 2/8/2012 pag.27]







Creative Commons License