Bandiera della Turchia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Türk Bayrağı
Türk Bayrağı
Soprannome Ay Yıldız
Proporzioni 2:3
Simbolo FIAV Bandiera nazionale e bandiera navale nazionale
Colori RGB

██ (R:227 G:10 B:23)

██ (R:255 G:255 B:255)

Uso Bandiera civile e di stato
Tipologia nazionale
Adozione 1844
Nazione Turchia
Altre bandiere ufficiali
Insegna navale bandiera Insegna navale Bandiera navale militare Bandiera normale o bandiera di diritto
Fotografia
Turkishflag.jpg

La bandiera turca è rossa con una falce di luna e una stella a cinque punte, entrambe bianche. In turco viene chiamata Ay Yıldız che significa luna e stella. La bandiera ha un'origine complessa, in quanto il disegno è molto antico, e fu anche, con varie differenze, la bandiera dell'Impero ottomano.

Caratteristichemodifica | modifica sorgente

Colori e simbolimodifica | modifica sorgente

Il rosso è un colore predominante nella storia della Turchia. La mezzaluna decrescente e la stella, oltre a essere simboli islamici, sono stati usati per lungo tempo in Asia Minore, anche prima dell'avvento dell'Islam.

Lettera Misure Lunghezza
G Lunghezza 1
A Distanza tra la parte esterna della mezzaluna e la cucitura della banda bianca 1/2 G
B Diametro del cerchio esterno della mezzaluna 1/3 G
C Distanza tra i centri dei cerchi esterno e interno della mezzaluna 1/16 G
D Diametro del cerchio interno della mezzaluna 0.4 G
E Distanza tra il cerchio interno della mezzaluna ed il cerchio intorno alla stella 1/3 G
F Diametro del cerchio intorno alla stella 1/4 G
L Larghezza 1 ½ G
M Lunghezza della banda cucita 1/30 G

Quelle sopra sono le dimensioni ufficiali fornite dalla legge turca sulla bandiera, secondo anche Flags of the World. Il numero 1/3 sembrerebbe comunque inaccurato; altre immagini mostrano infatti spesso che l'effettiva distanza E sia 0.34875 G.

Storia e leggendemodifica | modifica sorgente

La bandiera in origine aveva solamente una falce di luna su sfondo verde, ma questo venne cambiato nel 1793 quando il sultano Selim III, sultano dell'impero ottomano, cambiò lo sfondo in rosso. Nel 1844 venne aggiunta la stella.

Secondo la leggenda la seguente descrizione viene data per la bandiera: «Un riflesso della luna che occulta una stella, apparve nelle pozze di sangue dei cristiani sconfitti dopo la battaglia di Kosovo nel 1448» (la battaglia durante la quale gli Ottomani sconfissero le forze cristiane e stabilirono l'Impero ottomano nell'Europa orientale fino alla fine del XIX secolo, portando all'adozione della bandiera turca da parte del sultano Murad II).

Secondo un'altra leggenda si fa riferimento a un sogno fatto dal primo imperatore ottomano, nel quale la mezzaluna e la stella apparirono dal suo petto e si espansero, presagendo l'assedio di Costantinopoli da parte della sua dinastia. Altre leggende sostengono che la mezzaluna e la stella furono viste la notte della caduta di Costantinopoli nelle mani di Mehmet II nel 1453.

Il crescente e la stella sono altresì simboli preislamici. L'antica Bisanzio era sotto la protezione della dea greca Artemide, il cui simbolo era una falce di luna. Sembra poi che l'imperatore Costantino nel 330, dedicando la città a Maria Vergine, abbia aggiunto una stella, simbolo mariano, alla preesistente mezzaluna. Conquistata la città nel 1453, gli Ottomani ne avrebbero mantenuto e adottato l'emblema.

Altri progettimodifica | modifica sorgente

Collegamenti esternimodifica | modifica sorgente








Creative Commons License