Barone Canavese

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Barone Canavese
comune
Barone Canavese – Stemma Barone Canavese – Bandiera
Barone Canavese – Veduta
Dati amministrativi
Stato Italia Italia
Regione Regione-Piemonte-Stemma.svg Piemonte
Provincia Provincia di Torino-Stemma.svg Torino
Sindaco Sergio Gregorio Bogetti (lista civica) dall'08/06/2009
Territorio
Coordinate 45°20′00″N 7°52′00″E / 45.333333°N 7.866667°E45.333333; 7.866667 (Barone Canavese)Coordinate: 45°20′00″N 7°52′00″E / 45.333333°N 7.866667°E45.333333; 7.866667 (Barone Canavese)
Altitudine 325 m s.l.m.
Superficie 4,00 km²
Abitanti 597[1] (31-12-2010)
Densità 149,25 ab./km²
Comuni confinanti Caluso, Candia Canavese, Mercenasco, Orio Canavese, San Giorgio Canavese
Altre informazioni
Cod. postale 10010
Prefisso 011
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 001023
Cod. catastale A673
Targa TO
Cl. sismica zona 4 (sismicità molto bassa)
Nome abitanti baronesi
Patrono santa Maria Assunta
Giorno festivo 15 agosto
Localizzazione
Mappa di localizzazione: Italia
Barone Canavese
Localizzazione del Comune di Barone Canavese nella Provincia di Torino.
Localizzazione del Comune di Barone Canavese nella Provincia di Torino.
Sito istituzionale

Barone Canavese[2] (Baron in piemontese) è un comune italiano di 597 abitanti della provincia di Torino, in Piemonte.

Geografia e toponimomodifica | modifica sorgente

Minuscolo centro agricolo situato sulle colline moreniche di fronte all'anfiteatro morenico di Ivrea, poco a nord di Caluso, il suo nome deriva, probabilmente da barros, sterpeto.

Storiamodifica | modifica sorgente

È citato, per la prima volta, in documenti risalenti alla fine del secolo XII. Fu feudo dei Conti di Valperga, la più ricca e potente delle casate canavesane. I signori di Barone avevano giurisdizione anche su Vische e diritti su Andrate, Settimo Vittone, e Brosso, mentre nella seconda metà del Duecento un membro della loro famiglia fu nominato vescovo-conte di Ivrea. Nel XIV il castello venne distrutto da mercenari al soldo dei Visconti di Milano.

Luoghi di interesse storicomodifica | modifica sorgente

Il Castellomodifica | modifica sorgente

Situato su di una collina che sovrasta il paese, il Castello fu riscostruito agli inizi del Settecento sulle precedenti fondamenta dell'edificio medioevale, probabilmente su progetto dell'architetto Costanzoo Michela di Agliè. Il castello risulta non terminato, ma appare in buone forme barocche, con una facciata classica in cotto e una pregevole scala interna ellittica.

La Parrocchiale di Santa Maria Assuntamodifica | modifica sorgente

Chiesa Parrocchiale di Santa Maria Assunta

Fu costruita tra il 1729 ed il 1743 su di un progetto dell'architetto Michela. La struttura fu alterata da successivi restauri: possiede una pregevole facciata in cotto, mentre all'interno è presente una ricca balaustra. Alcune strutture posseggono strutture in cotto, loggette ad archi e altre caratteristiche architettoniche dei tempi antichi. Poco lontano dalla chiesa viene è conservato un masso con un foro: la pera d'l beucc ( la pietra del buco), probabilmente di origine preistorica, che sino a qualche anno fa costituiva un punto di incontro per gli anziani.

Economiamodifica | modifica sorgente

Il comune ha una sufficiente produzione agricola, tra cui spicca il vino. All'inizio degli anni '90 sono nate alcune industrie del settore elettronico e altre e altre per la lavorazione del legno e la distribuzione di prodotti alimentari.

Evoluzione demograficamodifica | modifica sorgente

Abitanti censiti[3]


Amministrazionemodifica | modifica sorgente

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
2004 2009 Sergio Gregorio Bogetti lista civica Sindaco
2009 in carica Sergio Gregorio Bogetti lista civica Sindaco II mandato


Notemodifica | modifica sorgente

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 dicembre 2010.
  2. ^ Pronuncia Baróne Canavése, /baˈrone kana'vese/: cfr., nel Dizionario d'ortografia e di pronunzia, [1] e [2].
  3. ^ Statistiche I.Stat ISTAT  URL consultato in data 28-12-2012.

Altri progettimodifica | modifica sorgente

Piemonte Portale Piemonte: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Piemonte







Creative Commons License