Benedetto Neri

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Benedetto Neri (Rimini, 1771Milano, 1841) è stato un musicista italiano.

Visse ed operò prevalentemente a Milano, dove giunse per essere stato nominato professore presso il Conservatorio. In precedenza era stato per diversi anni Maestro di Cappella a Novara. Fu chiamato poi a far parte dell'organico fisso del Duomo. Fu quello il periodo della sua massima produzione, specialmente sacra, ma alla quale affiancò anche composizioni profane e persino un dramma giocoso: "I saccenti alla moda", su libretto di Angelo Anelli, che venne rappresentato nel 1806 alla Scala.
Della produzione religiosa si ricorda in particolare uno splendido Magnificat, diverse Messe, inni e mottetti vari[1].
Della produzione profana, oltre all'Opera citata, sono note le "Strofe per una prima comunione" su testo di Alessandro Manzoni.
Nel 1832 il celebre violista e compositore Alessandro Rolla propose al giovane Giuseppe Verdi - che per aver superato l'età non era stato ammesso al Conservatorio di Milano - di continuare i suoi studi di composizione con il Neri[2].
Benedetto Neri si spense a Milano all'età di 70 anni.

Notemodifica | modifica sorgente

  1. ^ Tutto è conservato nell'Archivio del Duomo
  2. ^ Dall'epistolario verdiano









Creative Commons License