Benedetto Scafi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Benedetto Scafi (Santopadre, 23 luglio 180626 dicembre 1879) è stato un abate italiano.

Discendente da una nobile famiglia di Santopadre, già presente in loco dal 1436 dove un antenato faceva il Magistrato, fu abate ed autore del volume Notizie storiche di Santopadre del 1871.

Di idee liberali tanto che lo stesso Garibaldi gli inviò una letterea di ringraziamento per avergli inviato del denaro per gli insorti polacchi il 28 giugno 1863. Di questa lettera si parla nel numero 188 in data 11 luglio 1863 del Popolo d'Italia: "Al sacerdote Benedetto Scafi Santopadre, Caprera giugno 1863. Ricevetti il vostro denaro che farò pervenire agli insorti polacchi. Abbiatevi intanto una parola di ringraziamento,se la brutta genia dei preti vi rassomigliasse, l'umanità non sarebbe abbrutite e noi saremmo a Roma. Vostro Giuseppe Garibaldi.

Don Benedetto aveva supplicato il Papa di abbandonare il potere temporale. Il comune di Santopadre gli ha dedicato una via.

(Notargiacomo Loris.i Passarelli Garzo ed i Notargiacomo 2010 ed altre fonti)

Collegamenti esternimodifica | modifica sorgente

biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie







Creative Commons License