Bernard-Pierre Donnadieu

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Bernard-Pierre Donnadieu (Neuilly-sur-Seine, 2 luglio 1949Versailles, 27 dicembre 2010) è stato un attore francese. La sua carriera di attore è iniziata in Francia nel 1970, ed ha preso parte anche a diversi film di produzione italiana.

Biografiamodifica | modifica sorgente

Bernard-Pierre Donnadieu studia teatro all'università Sorbonne di Parigi, ed a 25 anni inizia la carriera di attore.

Diviene attore riconosciuto in Francia nel 1981 con Joss il professionista, nei panni dell'ispettore Farges a fianco di Jean-Paul Belmondo. Tre anni dopo, nel 1984, vince il Premio César per il migliore attore non protagonista (Migliore secondo ruolo maschile) per l'interpretazione di Mathias Hagen in Rue barbare di Gilles Béhat.

Nel 1990 lavora in Italia nel film Una Vita scellerata, biografia dello scultore fiorentino Benvenuto Cellini, di Giacomo Battiato; due anni dopo è con Luigi Comencini nel film Marcellino pane e vino dove interpreta la parte del conte. Nel 1996 lo ritroviamo in I guardiani del cielo di Alberto Negrin, telefilm in tre puntate.

In Francia alterna diversi ruoli di successo, fra cui nel 2008 quello di Galapiat in Paris 36 di Christophe Barratier.

Ha una figlia, Ingrid Donnadieu, anch'ella attrice.

Morì di cancro nel 2010 all'età di 61 anni.

Filmografiamodifica | modifica sorgente

Premimodifica | modifica sorgente

Collegamenti esternimodifica | modifica sorgente

Controllo di autorità VIAF: 12495892 LCCN: no00023834

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema







Creative Commons License