Bernardino Marin

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Bernardino Marini)
Bernardino Marin, C.R.L.
vescovo della Chiesa cattolica
BishopCoA PioM.svg
Incarichi ricoperti Vescovo di Treviso
Nato 9 aprile 1739 a Clissa
Ordinato presbitero 21 agosto 1768
Deceduto 9 ottobre 1817

Bernardino Marin (Clissa, 9 aprile 1739Treviso, 9 ottobre 1817) è stato un vescovo cattolico italiano.

Biografiamodifica | modifica sorgente

Nacque in Dalmazia da una delle più antiche famiglie del patriziato veneziano. Iniziò la carriera ecclesiastica tra i canonici lateranensi e il 21 agosto 1768 venne ordinato sacerdote. In seguito studiò all'università di Padova e si laureò in utroque iure discutendo una tesi sulla legittimizzazione dei figli (per l'ambito ecclesiastico) e sui procuratori degli alimenti (per l'ambito civile)[1].

Il 7 aprile 1788 fu nominato vescovo di Treviso. Si ritrovò a operare in un periodo delicato, con i cambiamenti politici legati alla caduta della Serenissima e all'avvento di Napoleone. Negli anni della Repubblica Cisalpina e del Regno Italico dovette, per forza di cose, sostenere il nuovo regime: organizzò Te Deum e funzioni a suo favore e nel settembre 1797 ospitò in vescovado Giuseppina di Beauharnais (raggiunta poi dallo stesso Bonaparte) in seguito a un incidente in carrozza occorsole alla Frescada[2][3][1].

Di fatto, però simpatizzava per l'Impero Austriaco e si scontrò più volte con le autorità governative; in particolare, nel 1807 fu accusato dal ministro per il culto Giovanni Bovara di essere stato troppo "morbido" con il suo clero che sfavoriva la coscrizione militare invitando i giovani a sposarsi per esserne esentati[1].

Genealogia episcopalemodifica | modifica sorgente

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Genealogia episcopale.

Notemodifica | modifica sorgente

  1. ^ a b c Antonio Chiades, Parte I. L'invasione francese in Un giornale, una storia. Il Monitor di Treviso, 1807-1813, Edizioni Bepi Crich, 1982, pp. 26-27.
  2. ^ Antonio Santalena, Parte I. L'invasione francese in 1796-1813 Vita trevigiana - Dall'invasione francese alla seconda dominazione austriaca, Treviso, Tipografia Luigi Zoppelli, 1880, p. 143. OCLC 770361039. URL consultato il 29 dicembre 2013.
    «Il giorno dopo, giunse anche Bonaparte, che era stato avvisato dell'accidente occorso a sua moglie. Egli pure alloggiò in vescovado [...].».
  3. ^ Corinne Brenko, Alessandra Rigotti, Kristjan Knez, Franco Degrassi, Paola Pizzamano, Silvano Sau, Gli ultimi giorni della Serenissima in Istria - L'insurrezione popolare di Isola del 1797, Isola, Edizioni Il Mandracchio, 2010, pp. 472 (on line p. 203/290). URL consultato il 28 dicembre 2013 (archiviato il 24 dicembre 2013).
    «[...] vescovo di Treviso, Benardino Marin, che ospitò Napoleone e sua moglie, [...]».
Predecessore Vescovo di Treviso Successore BishopCoA PioM.svg
Paolo Francesco Giustiniani 7 aprile 1788 - 9 ottobre 1817 Giuseppe Grasser







Creative Commons License