Biff Byford

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Biff Byford
Nazionalità Inghilterra Inghilterra
Genere Heavy metal
Periodo di attività 1976 – in attività
Gruppo attuale Saxon
Album pubblicati 24
Studio 24

Peter Rodney "Biff" Byford (Honley, 15 gennaio 1951) è un cantante heavy metal britannico, noto per la militanza nei Saxon e la particolare voce, melodica e sporca allo stesso tempo.

Biografiamodifica | modifica sorgente

Nella seconda metà degli anni settanta Byford milita in un gruppo chiamato Coast, assieme al chitarrista Paul Quinn. Nel 1976 i due decidono di unirsi ai Son of a Bitch del chitarrista Graham Oliver e del bassista Steve Dawson. Ben presto si unisce a loro il batterista Pete Gill. L'anno seguente il gruppo cambia il nome in Saxon e nel 1979 pubblica il primo omonimo album. Inizia una serie di successi che tra cambi di formazione e di stile si interrompe verso metà anni ottanta.

Nel decennio successivo il gruppo comincia a riacquistare pubblico, ma nel 1995 Oliver abbandona per dissensi sulla linea musicale e decide (dopo aver pubblicato un album a nome Son of a Bitch con Steve Dawson e Pete Gill) di appropriarsi del nome Saxon. Nasce quindi una guerra legale tra Dawson e Oliver da una parte e Byford dall'altra. Alla fine la causa verrà vinta dal cantante, mentre ai due sconfitti verrà concesso di utilizzare il nome Oliver/Dawson Saxon.

Al di fuori dei Saxon ha dato vita ad alcune collaborazioni: negli anni ottanta produsse un gruppo glam britannico, i Tigerzye; nel 1990 assieme ai compagni di gruppo Nigel Glockler e Nibbs Carter partecipò ad un album celebrativo per i dieci anni della New Wave of British Heavy Metal intitolato All Stars, cantando nelle canzoni Trapped e The Answer Is You'.

Curiositàmodifica | modifica sorgente

Discografiamodifica | modifica sorgente

Studiomodifica | modifica sorgente

Collaborazionimodifica | modifica sorgente

  • Vari Artisti - All Stars (1990)
  • True Brits - Ready To Rumble (1992)
  • Vari Artisti - English Steel I - Start Em Young (1994)

Collegamenti esternimodifica | modifica sorgente

Controllo di autorità VIAF: 85767904

Metal Portale Metal: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Metal







Creative Commons License