Blu Savoia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Blu Savoia
Coordinate del colore
HEX #4B61D1
RGB1 (r, g, b) (75, 97, 209)
CMYK2 (c, m, y, k) (77, 66, 0, 0)
HSV (h, s, v) (230°, 64%, 82%)
Riferimento
Colore della sciarpa degli ufficiali delle forze armate italiane
1: normalizzato a [0-255] (byte)
2: normalizzato a [0-100] (%)

Il blu Savoia è un blu di saturazione compresa fra il blu pavone ed il pervinca, più chiaro del blu pavone.[1]

Origine storicamodifica | modifica sorgente

L'origine del colore[2] sembra risalga al 20 giugno 1366, quando il Conte Verde, Amedeo VI di Savoia, partendo per una crociata, voluta da Papa Urbano V, in aiuto di suo cugino di parte materna, l'Imperatore bizantino Giovanni V Paleologo, volle che sulla sua nave ammiraglia di una flotta di 17 navi e 2000 uomini, un galea veneziana, sventolasse accanto allo stendardo rosso-crociato in argento dei Savoia, uno scialle azzurro:

« ... di devozione di zendado azzurro con l'immagine di Nostra Signora in campo seminato di stelle (oro). E quel colore di cielo consacrato a Maria è, per quanto a me pare, l’origine del nostro color nazionale. »
(Luigi Cibrario cit. in Carlo Alberto Gerbaix De Sonnaz "Bandiere stendardi e vessilli di Casa Savoia, dai Conti di Moriana ai Re d'Italia (1200-1861)" (Torino, 1911))

Da quel periodo gli ufficiali portarono annodata in vita una fascia o sciarpa azzurra.

Tale uso venne reso obbligatorio per tutti gli ufficiali nel 1572 dal duca Emanuele Filiberto I di Savoia.

Attraverso diverse modifiche nel corso dei secoli divenne la principale insegna di grado degli ufficiali. La sciarpa azzurra viene ancor oggi indossata dagli ufficiali delle forze armate italiane durante le cerimonie.

Nel corso del Novecento il colore divenne il simbolo degli atleti italiani facenti parte delle rappresentative nazionali, dando così origine alla maglia azzurra.

Altri esempi del coloremodifica | modifica sorgente

Coordinate del colore
HEX #007CC3
RGB1 (r, g, b) (0, 124, 195)
CMYK2 (c, m, y, k) (84, 45, 0, 0)
HSV (h, s, v) (202°, 100%, 76%)
Riferimento
Colore adottato nel lambello della Regione Piemonte[3]
1: normalizzato a [0-255] (byte)
2: normalizzato a [0-100] (%)
Coordinate del colore
HEX #9DB8CF
RGB1 (r, g, b) (157, 184, 207)
CMYK2 (c, m, y, k) (38, 19, 10, 0)
HSV (h, s, v) (208°, 24%, 81%)
Riferimento
Colore adottato dalla nazionale di calcio italiana nel torneo Confederations Cup 2009
1: normalizzato a [0-255] (byte)
2: normalizzato a [0-100] (%)

Notemodifica | modifica sorgente

  1. ^ Maria Grossman, Colori e lessico, Gunter Narr Verlag Tübingen.
  2. ^ Alessandro Martinelli "L'azzurro italiano" in Vexilla Italica (Periodico del C.I.S.V. - Centro Italiano Studi Vessillologici), anno XXXIII - nº 62 - 2/2006
  3. ^ 21approfondimento.PDF

Voci correlatemodifica | modifica sorgente

Casa Savoia Portale Casa Savoia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Casa Savoia







Creative Commons License